E161b Luteina

E161b Luteina - A cura di Giulia D'Alessandro - Dietista

E161b LUTEINA


La luteina è la xantina più diffusa in natura. La sua struttura è molto simile a quella del β-carotene, ma con due gruppi ossidrilici alle estremità.

I fiori Tagetes erecta sono la principale fonte di luteina e sono ampiamente coltivati in  Africa, Asia ed Oceania.
La luteina, quindi, è un colorante di origine naturale, di colore giallo-arancio.
Le xantofille presenti in concentrazioni maggiori nel corpo umano e nel plasma, sono la luteina e la zeaxantina, che rappresentano, inoltre, i maggiori costituenti del pigmento maculato della retina umana, dove proteggono dai raggi ultravioletti.
Recenti studi hanno evidenziato che la luteina può avere effetti positivi sul colesterolo presente nel plasma, e può limitare l'insorgenza anche di alcuni tipi di tumore.
La luteina può essere utilizzata nei seguenti prodotti: formaggi, prodotti della confetteria, senape, bevande alcoliche ed analcoliche, vini aromatizzati, confetture e conserve di frutta, decorazioni e ricoperture, paste di pesce, crostacei, succedanei del salmone, uova di pesci, pesce affumicato e surrogati della carne e del pesce a base di proteine vegetali.
LuteinaPuò essere anche utilizzata come colorante nei cosmetici, per la sua grande resistenza alla luce e all'ossidazione. È bene sottolineare che l'attività biologica della luteina può essere sfruttata anche negli integratori e nei complementi alimentari, soprattutto in associazione al carotene e al tocoferolo, non come semplice colorante, ma come principio farmacologicamente attivo.
Attualmente, la luteina non sembra un colorante nocivo per la salute dell'uomo.

 

DOSE ADI: /


E100 E101 E101a E102 E104 E110 E120 E122
E123 E124 E127 E128 E129 E131 E132 E133
E140 E141 E142 E150a E150b E150c E150d E151
E153 E154 E155 E160a E160b E160c E160d E160e
E160f E161 E161a E161b E161c E161d E161e E161f
E161g E162 E163 E170 E171 E172 E173 E174
E175 E180            

Bibliografia - E161b Luteina

Ultima modifica dell'articolo: 11/01/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Carotenoidi, Cachi e Vitamina A