Alla ricerca dell'acido lattico

A cura del Dott. Luca Franzon

Acido Lattico ed Indolenzimento Muscolare

Partiamo con lo sfatare alcuni miti sull'acido lattico. Il dolore che ventiquattro o quarantotto ore post allenamento si avverte a livello muscolare non è assolutamente dato da accumulo di acido lattico. In quanto lo smaltimento dell'acido lattico avviene in trenta minuti se faccio un restauro in esercizio ovvero un defaticamento, oppure in un'ora se non faccio defaticamento. Di conseguenza capirete che i dolori che si avvertono i giorni successi all'allenamento sono dovuti a  lesioni tessutali delle fibre muscolari, produzioni di sostanze alogene che stimolano i recettori del dolore dovuta a ischemia muscolare da allenamento, microtraumi del tessuto connettivale e di quello tendineo.

Acido Lattico, Crescita Muscolare e Tecniche di Allenamento

Tecniche che stimolano una grossa produzione di acido lattico sono cosa buona e giusta per chi vuole aumentare la propria massa muscolare.

L'acido lattico fa sì che il pH del sangue diminuisca e a questo fenomeno si associa un notevole aumento di secrezione del GH. L'accumulo di acido lattico è interessante anche perché essendo il glicogeno il suo substrato energetico, nel momento in cui il muscolo supercompenserà si avrà una reazione inversa durante la quale si avrà produzione di glicogeno che andrà a rimpinguare le scorte muscolari dando così fenomeno di ipertrofia. Un po' di lattato sfugge alla distruzione nel sangue e passa nei testicoli dove stimola la produzione di testosterone. Infine l'acido lattico a livello muscolare attiva l'androstenedione trasformandolo in testosterone pronto all'uso, cosa  non da poco visto che il testosterone di solito viene inattivato al 90% dalle SHBG e in minor misura dall'albumina a livello circolatorio, con relativa difficoltà ad arrivare a livello muscolare.

Adesso che abbiamo messo in luce le regole del gioco, dobbiamo solo metterle in pratica. Ovvero come produrre fiumi di acido lattico mediante l'allenamento?  Non sto ad elencare e spiegare i vari metabolismi energetici del corpo umano perché ci vorrebbe troppo tempo e spazio. Ci limitiamo a dire che si ha grossa produzione di acido lattico quando si effettuano esercizi alla massima potenza per un periodo di tempo compreso tra 1 e 3 minuti.

Elenco due metodiche con cui si può arrivare al nostro ambito traguardo:

  1. utilizzo di carichi pesanti con recuperi brevissimi in modo da non dar modo al corpo di smaltire  l'acido lattico accumulato.
  2. carico medio-alto ripetizioni elevatissime. Ad esempio si può arrivare anche a fare 100 reps con piccolissime pause quando non si riesce più a proseguire.

Concludo questo articolo con un consiglio per le ragazze che vogliono migliorare fisicamente. Abbandonate le serie infinite di slanci per i glutei,  perché oltre ad essere quasi inutili causa intensità inesistente, fanno si che il corpo produca acido lattico che nel caso del gentil sesso  contribuisce alla formazione della CELLULITE!!!. Quindi addio agli slanci e benvenuto al caro e sempre utile SQUAT!!

Acid Lactic Training

ALLENAMENTO A
Panca orizzontale 1 x 50
Croci ai cavi bassi 1 x 50
Croci manubri panca 30° 1 x 50
Distensioni panca 30° con manubri 1 x 50
Chest press 1 x 100
Lento avanti 1 x 100
Alzate laterali 1 x 50
Alzate frontali 1 x 50
Alzate a 90° 1 x 50
Tirate al mento 1 x 100
French press 1 x 100
Push down 1 x 100
Estensioni 1 braccio dietro la nuca 1 x 100
ALLENAMENTO B 1 x 100
LEG EXTENSION 1 x 100
SQUAT 1 x 100
LEG PRESS 1 x 100
HACK SQUAT 1 x 100
LEG CURL 1 x 100
STACCO GAMBE TESE 1 x 100
CALF IN PIEDI   2 x 100
CALF SEDUTO 2 x 100
CRUNCH    2 x 50
CRUNCH INV. 2 x 50
ALLENAMENTO C
LAT MACHINE AVANTI 1 x 50
REMATORE BILANCERE 1 x 50
PULLEY 1 X 100
PULL-OVER 1 X 100
STACCHI DA TERRA 1 x 50
IPEREXTENSION 1 x 50
CURL BILANCERE 1 X 100
CURL CON MANUBRI 1 X 100
PANCA SCOTT 1 X 100
HAMMER 1 X 100

MI DIMENTICAVO DI DIRE CHE L'ACIDO LATTICO NON FA MALE 24/48 ORE POST ALLENAMENTO, MA DOPO QUESTA TABELLA SICURAMENTE I VOSTRI MUSCOLI SARANNO IN FIAMME!!!!



ARTICOLI CORRELATI: Acido lattico e Soglia anaerobica



Ultima modifica dell'articolo: 19/02/2016