Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa

L’estate ci regala sempre una serie infinita di frutti golosi... desiderosi di assumere una nuova forma e trasformarsi in confettura. Oggi accontenteremo le fragole, ottimizzandole nella loro veste migliore, la marmellata. Vediamo come procedere per preparare la marmellata di fragole fatta in casa

Video della Ricetta

Problemi con la riproduzione del video? Ricarica il video da youtube.

Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa: Segui la Video Ricetta, spiegazione dettagliata, lista ingredienti, materiale occorrente, proprietà nutrizionali, foto e tanto altro Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa 26 CommentiClicca per leggerli

Carta di Identità della Ricetta

DIFFICOLTÀ: abbastanza facile

PER QUANTE PERSONE: 20 persone

COSTO: basso

CALORIE PER 100 GRAMMI:155,00 KCal

TEMPO DI PREPARAZIONE:

NOTE: 20 minuti per la pulizia delle fragole; 30 minuti per la preparazione della marmellata e per l’invasamento

Categoria Ricetta:   Dolci e Dessert / Ricette Senza Glutine / Ricette per Vegetariani / Ricette Vegane

Ingredienti Ricetta

Materiale Occorrente

  • 4 vasetti in vetro con rispettivi tappi
  • Pentola molto capiente per la marmellata
  • Pentola capiente per bollire i vasetti con coperchio
  • Mestoli di vario tipo
  • Schiumarola
  • Piattini
  • Spugnetta
  • Canovaccio pulito
  • Pinze
  • Tagliere e coltelli
  • Mixer ad immersione
  • Guanti in lattice

Preparazione Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa


Premessa

Per realizzare questa marmellata utilizzeremo uno zucchero gelificante dal rapporto 2:1. Significa che per 1 Kg di fragole occorrono 500 g di questo speciale gelificante, preparato con pectina, acido citrico e destrosio. Quali vantaggi ci offre un simile ingrediente?
  • Accorcia moltissimo i tempi di cottura: la pectina è una fibra solubile che abbonda in alcuni frutti come le mele, gli agrumi (soprattutto nella loro pellicina bianca, detta albedo). Addizionata ad altri ingredienti (compreso lo zucchero) gelifica la massa
  • Mantiene invariato il sapore della frutta
  • La presenza dell’acido citrico favorisce la gelatinizzazione della marmellata, soprattutto quando si utilizzano frutti poveri di pectina come le fragole
Ricordiamo infine che lo zucchero costituisce un ingrediente essenziale nella realizzazione delle conserve di frutta perché si rivela essere un eccellente conservante: minore è la quantità di zucchero, minore sarà la conservabilità della marmellata.

Come Fare la Marmellata di Fragole in Casa

  1. Lavare molto bene le fragole sotto l’acqua corrente ed asciugarle immediatamente per evitare che i frutti assorbano troppa acqua. Tagliare ogni fragola in 4-6 pezzi e versarli in una pentola molto capiente, dai bordi alti.
  2. Aggiungere il succo di limone filtrato (importante per favorire la solubilizzazione dello zucchero ed evitare che le fragole si ossidino e per ottenere una marmellata dal colore rosso vivace) e lo zucchero gelificante: mescolare per bene e lasciar riposare il tutto per una mezz’oretta per fare in modo che le fragole formino un invitante sughetto.

Lo sapevi che…
La quantità di pectina contenuta nelle fragole è piuttosto scarsa: per questa ragione, l’aggiunta di uno zucchero gelificante (che contiene pectina) facilita la gelatinizzazione della massa, riduce i tempi di bollitura della confettura e permette di mantenere inalterato il sapore delle fragole.
Frutti come le mele cotogne e le arance, ricchi di pectina, possono essere “trasformati” in marmellata più facilmente, anche evitando l’aggiunta di gelificanti.

  1. Nel frattempo, immergere i vasetti con i relativi tappi in una casseruola molto capiente, riempita d’acqua. Mettere a bollire per circa 15-20 minuti: in questo modo, sarà possibile conservare in modo ottimale la confettura, che si manterrà perfetta per 12-15 mesi.

Nota bene
Esistono diverse ideologie riguardo al metodo di sterilizzazione dei vasetti: c’è chi li lava semplicemente in lavastoviglie e chi preferisce il microonde (in quest’ultimo caso, tuttavia, nasce il problema della sterilizzazione dei tappi, visto che sono realizzati in alluminio, materiale incompatibile con il microonde). Personalmente, preferisco la classica sterilizzazione in acqua bollente: in questo caso, la raccomandazione è comunque quella di rimuovere i vasetti dall’acqua bollente solo poco prima di riempirli con la marmellata, e di asciugare accuratamente vasi e tappi prima di procedere.

  1. Portare ad ebollizione le fragole con il limone e lo zucchero gelificante, mescolando continuamente e mantenendo una fiamma non troppo forte per evitare di far caramellare gli zuccheri e di far aderire le fragole al fondo della pentola.
  2. Quando la marmellata inizierà a bollire, è bene schiumare ovvero rimuovere la schiuma che, inevitabilmente, si verrà a creare. Essendo ricca di ossigeno, la schiuma non dev’essere aggiunta nel barattolo perché potrebbe originare un ambiente adatto alla proliferazione di batteri o patogeni aerobi potenzialmente pericolosi per la salute.
  3. Dopo alcuni minuti dall’ebollizione, è possibile frullare le fragole (od una parte di esse) utilizzando il mixer ad immersione, stando ben attenti a non scottarsi. Chi desidera una confettura liscia, senza pezzi di frutti, dovrà continuare a frullare fino a quando tutta la frutta non sarà ridotta in crema. Chi desidera una marmellata “con i pezzi di fragole” può anche evitare di frullare la massa.
  4. Dopo aver mixato, sarà anche più semplice rimuovere la schiuma con la schiumarola oppure con un piccolo mestolo.
  5. Dopo 8 minuti dall’ebollizione, la confettura dovrebbe aver raggiunto la giusta consistenza: per accertare la densità, si consiglia di eseguire la cosiddetta “prova piattino”. Sarà sufficiente versare mezzo cucchiaio di marmellata su un piatto freddo ed attendere alcuni istanti per verificare la consistenza: se la marmellata si rapprende in gelatina senza formare un bordo liquido, allora è pronta per essere invasata.
  6. Con l’aiuto di una pinza, estrarre i vasetti dall’acqua di ebollizione, eventualmente aiutandosi anche con una spugnetta pulita e umida per evitare di scottarsi. Riporre i vasetti ed i tappi a testa in giù in un canovaccio pulito e procedere asciugando perfettamente l’interno fino a rimuovere ogni traccia d’acqua.
  7. Poggiare un vasetto su un piatto - meglio se protetto da un foglio di carta assorbente inumidita per evitare che il vasetto scivoli - ed avvicinarlo alla pentola con la marmellata. Riempire il vaso con le fragole gelatinizzate fino ad un paio di centimetri dal bordo e chiudere immediatamente il vasetto con il tappo (aiutandosi sempre con la spugnetta).
  8. Procedere in questo modo con tutti i vasetti: saranno necessari circa 3 vasi da 250 ml ed uno da 150 ml.
  9. Una volta riempiti, i vasi non devono essere agitati per alcune ore per evitare di compromettere il processo di gelatinizzazione.
  10. Quando il tappo a capsula si sarà sigillato (è percepibile il caratteristico “clap” di chiusura) e la marmellata raffreddata, i vasetti sono pronti per essere conservati in un ambiente preferibilmente buio e fresco. La marmellata così ottenuta si manterrà inalterata per 12-15 mesi.
Foto Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa

Il commento di Alice - PersonalCooker

Nonostante alcuni prodotti commerciali siano più convenienti, sono ancora moltissime le persone che si rimboccano le maniche e preparano da sé la marmellata fatta in casa. Il piacere di preparare confetture con le nostre mani giustifica sempre tempo, fatica e denaro!

Valori nutrizionali e Commento Salutistico sulla ricetta

La marmellata di fragole, nella versione di Alice, è un alimento dolce ma non eccessivamente calorico. Essendo adatta all’accompagnamento (max 10g ogni pezzo) del pane, delle fette biscottate, delle gallette ecc, di solito, non è il quantitativo di marmellata a fare la differenza sull’energia del pasto bensì quella dei cereali/derivati stessi. La marmellata di fragole è ricca di carboidrati semplici tipo saccarosio, pertanto, in porzioni consistenti, è inadatta per l’alimentazione di chi soffre di iperglicemia. Per i soggetti normali ma nel contesto di una dieta equilibrata, consumando fino a 30-35g die di marmellata di fragole, non esiste il rischio di alterare eccessivamente il rapporto tra carboidrati semplici e complessi.



VALORI NUTRIZIONALI (100 g)

Calorie: 155.00 Kcal

Carboidrati: 35.40 g

Proteine: 0.50 g

Grassi: 2.20 g

di cui saturi: 0.20g
di cui monoinsaturi: 0.40g
di cui polinsaturi: 1.60 g

Colesterolo: - mg
Fibre: 1.40 g

Ricette Simili a Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa



Dolci e Dessert

Marmellata di Cachi e Mele Cotogne

Quando abbiamo a disposizione molta frutta, un modo per evitare gli sprechi è sicuramente la conservazione in barattolo. In questo periodo, i cachi abbondano...
CALORIE PER 1OO GRAMMI148,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE20 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Marmellata di Mele Cotogne

[Sto assaggiando un pezzetto di mela cotogna e sul mio viso si disegna una smorfia]. Come dite? Perché ho questa faccia? Ho appena assaggiato un pezzetto di...
CALORIE PER 1OO GRAMMI123,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE40 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Marmellata di Pomodori Verdi – Confettura Senza Pectina

Oggi Ragazzi si prepara un’altra delle mie marmellate! Insieme ne abbiamo già preparate parecchie: alle fragole, alle more, al melone, ai fichi…ma oggi...
CALORIE PER 1OO GRAMMI97,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE90 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Marmellata di Fichi – Marmellata Senza Pectina

In una splendida giornata soleggiata d’estate, passeggiando per caso nella Natura, ho notato un imponente albero di fichi. Era proprio un peccato non...
CALORIE PER 1OO GRAMMI159,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE30 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Marmellata di More e Vaniglia Fatta in Casa

Le mie piante di more stanno dando il meglio di loro! Quest’anno si sono divertite a regalarmi montagne di frutti meravigliosi, succulenti e giganti...
CALORIE PER 1OO GRAMMI108,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE30 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Medio

Dolci e Dessert

Marmellata di Melone

Se per caso durante l’inverno siete assaliti da una voglia matta di melone, non dovrete far fare migliaia di chilometri al marito per cercare questo...
CALORIE PER 1OO GRAMMI131,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE20 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Panna cotta con marmellata di fragole

Universalmente conosciuta, la panna cotta è un dolce al cucchiaio molto gradito per la sua delicatezza e per il suo piacevole aroma di vaniglia. Ultimato...
CALORIE PER 1OO GRAMMI166,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE190 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Gelati e sorbetti

Gelato alle Fragole all’Acqua - Senza Latte

Vi piacciono le fragole? Considerate le previsioni per un’estate bollente, ho pensato di concentrare in un gelato il sapore di uno dei frutti più amati...
CALORIE PER 1OO GRAMMI94,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE20 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Tiramisù alle fragole

Dieta, dieta, dieta… BASTA DIETA!!! Ho appena preparato un mascarpone meraviglioso e Madre Natura ci regala quintali di fragole succulente: perché non...
CALORIE PER 1OO GRAMMI236,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE30 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Medio

Dolci e Dessert

Angel Cake alle Fragole

Ma voi, come immaginate gli angeli? Nella mia testa, sono nuvole dolci colorate di rosa che ci donano serenità. Riflettendo su questa immagine, vorrei tentare...
CALORIE PER 1OO GRAMMI114,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE20 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Sciroppi, Liquori e grappe

Sciroppo di Fragole - Salsa di Fragole Fatta in Casa

Regaliamo una marcia in più a macedonie, gelati, muffin e torte? Prima di servire queste prelibatezze per fare breccia nel cuore dei vostri commensali...
CALORIE PER 1OO GRAMMI143,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE30 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Basso

Dolci e Dessert

Torta Soffice con le Fragole - Senza Glutine

La Primavera ed profumo di fragole mi mettono una gran voglia di preparare un dolce! Oggi vi propongo un classico intramontabile, che di sicuro avrete...
CALORIE PER 1OO GRAMMI201,00 Kcal
TEMPO DI PREPARAZIONE60 min.
DIFFICOLTÀ
COSTO

Medio


Cerca tutte le ricette: Dolci e Dessert / Ricette Senza Glutine / Ricette per Vegetariani / Ricette Vegane / Marmellata / Fragole / Frutta conservata

Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa 4.64 su 5 basata su 1138 voti.

I Vostri Commenti sulla Video Ricetta

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto PIA - PIA 05/06/2013 #

    Fantastica! In casa l'abbiamo preparata io con mio marito e mio genero,ci siamo divertiti però abbiamo ottenuto un ottimo risultato.LO consigliamo anche se la marmellata è durata quasi una settimana..... Desidero altre ricette per confetture e marmellata. Grazie Pia & C.

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Alice Personal Cooker - Alice Personal Cooker 06/06/2013 #

    @PIA - Mi fa molto piacere leggere ciò che scrivi! Adesso stiamo formulando altre ricette, ma prossimamente pubblicheremo di sicuro anche altri video di marmellate, confetture e frutta sciroppata. A presto

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto marta - marta 28/06/2013 #

    Complimenti per la ricetta, spiegata benissimo. Solo un paio di dubbi: quando asciughi il tappo prima di sigiallare la marmellata, non perde la "sterilizzazione" dato che lo scottex non è sterile? io consiglio di capovolgere ilvasetto , appena chiuso, cosi che la marmellata bollente lo sterilizza, dopo una decina di minuto lo metto in verticale e va sottovuoto. Ciao grazie marta

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Alice Personal Cooker - Alice Personal Cooker 28/06/2013 #

    @marta - bella domanda. Ti spiego subito: verissimo quello che dici dal punto di vista teorico. In passato anche io capovolgevo il vasetto subito dopo averlo riempito con la marmellata bollente (mia nonna faceva in questo modo...). Però, così facendo, ho notato che uno straterello di marmellata rimane inevitabilmente incollato al tappo: spesso, quando (dopo alcuni mesi)aprivo il vasetto, trovavo un po' di muffa solo sul tappo, che mi spingeva chiaramente a buttare tutta la marmellata. Così ho iniziato ad adottare il metodo che ho descritto poi anche nel video e la muffa non è più comparsa. Credo, dunque, che il vapore caldissimo della marmellata riesca a garantire la sterilizzazione del tappo anche se asciugato con carta assorbente. Ciao

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Rossana - Rossana 02/07/2013 #

    Ciao Alice, è da poco che ti seguo ed ho scoperto casualmente le tue magnifiche ricette,da questa più tradizionale ad altre del tutto nuove...complimenti! la mia domanda riguardante questa ricetta è sul frutto scelto. Siccome possiedo un albero di albicocca vorrei utilizzare questo frutto ma non so se devo modificare qualche passo della tua ricetta,visto il cambiamento.Spero che la marmellata si possa fare anche con le mie albicocche.Grazie in anticipo, spero tu mi possa aiutare!

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Alice Personal Cooker - Alice Personal Cooker 02/07/2013 #

    @Rossana, grazie per il tuo gentile commento, mi fa molto piacere. Certamente: puoi fare la marmellata con le tue albicocche (è la mia preferita). Tagliale a pezzetti e mescola con lo zucchero gelificante ed il succo di limone: non serve sbucciarle. Le albicocche sono più ricche di pectina rispetto alle fragole, quindi in genere è sufficiente farle bollire per un tempo minore (3-4 minuti). Ecco, però dipende sempre dal tipo di albicocca e dal suo grado di maturazione: se sono molto mature ma sode, la marmellata si prepara in pochissimi minuti, mentre se sono acquose ti servirà un pochino più di tempo. Fai sempre la prova piattino, così vai sul sicuro. Ciao e... buona marmellata! A breve pubblicheremo anche la marmellata di melone e vaniglia, e più avanti anche quella di limoni (senza pectina)!

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto carlà - carlà 23/07/2013 #

    ciao Alice!!!adoro le tue ricette!con mia cugina ho preparato una squisita marmellata di albicocche (frutto di stagione)utilizzando però dello zucchero comune. E' piaciuta tanto e sopratutto sono rimasta soddisfatta del sapore e della densità ottenute.Solo che 2 settimane fa circa, quando ne ho fatto una seconda in quantità maggiore nonostante il buon sapore e la prova piattino,mi sono accorta il giorno seguente che la consistenza era liquida,ovvero tende un po' a scivolare..vorrei sapere se devo consumarla così o se posso riaprire i barattoli e ri-cuocere la marmellata nuovamente, ri-sterilizzando anche i barattoli, o se tutto questo procedimento è inutile e dannoso.Vorrei ottenere la consistenza della prima volta.

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Alice Personal Cooker - Alice Personal Cooker 24/07/2013 #

    @carlà - che buona la marmellata di albicocche! Ho letto con attenzione la tua domanda: io utilizzo sempre zucchero gelificante oppure bustine di pectina proprio per evitare sia che il composto non si gelatinizzi al punto giusto , sia di far bollire per troppo tempo la marmellata (una cottura prolungata altera il sapore della frutta). La marmellata non si è addensata probabilmente perché la quantità di frutta utilizzata era eccessiva per le dimensioni della pentola: il calore dovrebbe diffondersi in maniera uniforme, per questo si consiglia sempre di utilizzare pentole molto capienti (la marmellata che sta "più in basso" tende ad addensare più velocemente, quella che sta più in alto avrà una temperatura chiaramente inferiore). Probabilmente, quando hai fatto la marmellata per la seconda volta, avresti dovuto bollire il composto per più tempo proprio perché la frutta era parecchia. Anche eventuali spostamenti dei vasetti dopo l'invasamento possono alterare il processo di gelatinizzazione della marmellata: per questo si consiglia di non muovere o spostare i vasi quando la marmellata è ancora calda e di lasciarli completamente raffreddare. Per rispondere alla tua domanda, allora, credo proprio che per far addensare di più la marmellata dovresti aprire i vasetti e bollire il tutto per altri minuti... e sterilizzare ancora i barattoli. Io ti consiglio di utilizzare sempre un po' di pectina oppure, se proprio non ti piace, di aggiungere dei pezzetti di mela cotogna(ricchissima di pectina) alle tue marmellate. Spero di esserti stata utile. Ciao

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto alduina - alduina 03/06/2014 #

    Carissima, come al solito le tue ricette sono accompagnate da informazioni di notevole valore e utilità; volevo però un tuo parere circa la pratica di sterilizzare i vasetti ed i tappi con alcool puro al 95%: io la utilizzo e non ho mai trovato della muffa. Ciao!

  • Marmellata alle fragole - come preparare la marmellata in casa
    Foto Alice Personal Cooker - Alice Personal Cooker 05/06/2014 #

    @alduina - Ti ringrazio anzitutto per il tuo gentile commento: sono contenta che le mie ricette possano esserti utili! Devo essere sincera: non saprei dirti se la sterilizzazione con alcool sia sicura come quella classica in acqua. Il problema più importate è quello del Clostridium botulino. Vista la delicatezza dell'argomento, non ti posso dire con certezza se il metodo da te proposto garantisce la sicurezza assoluta da infestazioni di questo pericolosissimo batterio (non visibile ad occhio nudo). Per approfondimenti consiglio la lettura di questo articolo: http://www.my-personaltrainer.it/salute/botulino.html Ciao 



La Cucina di MypersonaltrainerTv

Particolarmente attenta alla salute, cerca di limitare al massimo l'aggiunta di grassi e zuccheri, senza sacrificare il gusto ed esaltando le naturali proprietà benefiche degli alimenti.La nostra specialità ? Trasformare bombe caloriche in piatti leggeri ed equilibrati!