Asperula nelle Tisane

Nome Scientifico e parte di pianta utilizzata: Asperula (Asperula odorata) pianta intera

Asperula: introduzione, proprietà fitoterapiche e principi attivi

Asperula

L'Asperula (Asperula odorata L.) o stellina odorosa è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Rubiaceae.

Originaria dell'Europa e dell'Asia, cresce spontanea nel sottobosco di faggi e latifoglie.

L'Asperula viene usata in medicina popolare ad uso interno per le sue proprietà: aromatiche, diuretiche, depurative, sedative, diaforetiche, toniche, antisettiche e colagoghe, mentre per uso esterno l'Asperula viene usata per le sue proprietà decongestionanti.

L'Asperula trova quindi impiego per uso interno nel trattamento della dispepsia, dei crampi notturni, dei dolori articolari, delle cefalee, dell'insonnia, delle infezioni renali e dei calcoli renali. Per uso esterno l'Asperula viene usata per alleviare il rossore cutaneo.

Le parti della pianta utilizzate in fitoterapia sono: le parti aeree (intera pianta) escluse le radici. Le radici vengono usate per colorare di rosso i tessuti. I principi attivi caratterizzanti sono: cumarine, asperuloside, tannini, antrachinoni, flavonoidi ed acido nicotinico.

Asperula: modo d'uso, dosaggi, formulazioni ed impiego nelle tisane

Nella moderna fitoterapia l'Asperula viene utilizzata sottoforma di tisane, decotti, polveri.

L'Asperula può produrre effetti collaterali da ipersensibilità verso i vari principi attivi contenuti nella droga.

L'impiego dell'Asperula è controindicato in gravidanza, in allattamento ed in pazienti sottoposti a cura con anticoagulanti ed antiaggreganti piastrinici vista la presenza delle cumarine tra i principi attivi. L'Asperula è presente nella lista negativa della Commissione E tedesca.

L'impiego dell'Asperula nelle tisane trova spazio per le sue proprietà aromatiche, digestive, diuretiche, depurative, sedative, antisettiche, colagoghe e toniche. Nella medicina popolare, l'Asperula viene utilizzata nelle tisane come digestivo, colagogo e diuretico specifico per l'apparato digerente ed urinario; mancano tuttavia adeguati studi clinici che ne confermino efficacia e sicurezza. Inoltre, le preparazioni erboristiche tradizionali come tisane, infusi, succhi e decotti, non permettono di stabilire con esattezza la quantità di principi attivi somministrata al paziente, il che aumenta il rischio di insuccesso terapeutico. In una tisana, infatti, le quantità di principi attivi estratti possono essere eccessive o più comunemente insufficienti, oltre al rischio di estrarre anche componenti indesiderate.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di tisane popolari che contengono le parti aeree dell'Asperula o stellina odorosa.

Esempi di Tisane che contengono Asperula

Vedi anche: Indice A-Z delle piante medicinali usate per la preparazione di tisane



Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015