Sintomi Tumori del midollo spinale

Definizione

I tumori del midollo spinale possono svilupparsi all'interno o all'esterno del parenchima midollare, in seguito alla trasformazione in senso neoplastico dei vari elementi nervosi o delle membrane che rivestono gli stessi.

Inoltre, il midollo spinale può essere interessato dalla compressione da parte di neoplasie ossee che originano dalle vertebre o dall'infiltrazione/diffusione di metastasi tumorali a partenza da altri organi e tessuti.

Tumori intramidollari

I tumori intramidollari provocano un danno diretto al tessuto spinale, in quanto infiltrano e distruggono il parenchima; inoltre, possono estendersi su più segmenti del midollo o indurre siringomielia.
Le forme di più frequente riscontro sono gli ependimomi e gli astrocitomi. La localizzazione prevalente è toracica e cervico-toracica.

Tumori extramidollari

I tumori extramidollari possono essere intradurali (fuori dal parenchima, ma all'interno delle meningi) o extradurali (dentro il canale vertebrale, ma all'esterno del rivestimento durale); queste masse neoplastiche causano un danno neurologico a causa della compressione del midollo spinale o delle radici nervose.
Il più comune tumore intradurale è il neurinoma (o schwannoma), seguito da meningioma; altre forme sono più rare.

La maggior parte dei tumori extradurali è, invece, secondaria a metastasi neoplastiche con origine da linfomi o carcinomi del polmone, seno, prostata, reni e tiroide.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Tumori del midollo spinale

Ulteriori indicazioni

Segni e sintomi dipendono da tipologia, localizzazione e tasso di crescita del tumore. Tuttavia, si riscontra frequentemente un dolore al collo e alla schiena ingravescente, non correlato allo sforzo, peggiorato dall'allettamento e, talvolta, irradiato lungo il decorso dei nervi le cui radici vengono compresse. Seguono problemi neurologici riferibili alla sofferenza del midollo e delle radici dei nervi spinali, come deficit sensitivi e/o motori a carico di uno o più arti (es. debolezza o intorpidimento delle braccia o delle gambe) e l'alterazione delle normali abitudini intestinali o vescicali (es. disturbi del controllo degli sfinteri). Questi disturbi sono abitualmente bilaterali.

I sintomi da compressione delle radici nervose sono frequenti. Essi comprendono: dolore dorsale e parestesie, ipostenia (riduzione della forza muscolare) ed atrofia con distribuzione radicolare. La compressione e/o l'infiltrazione del midollo può causare, inoltre, la disfunzione di alcuni o di tutti i tipi di sensibilità a livello di un particolare segmento del midollo spinale e al di sotto di esso.

La diagnosi di un tumore del midollo spinale si ottiene con la risonanza magnetica dell'area interessata. La TC rappresenta un'alternativa, ma è meno accurata.

Il trattamento può comprendere l'impiego di corticosteroidi (per ridurre l'edema midollare e preservare la funzione) e l'asportazione chirurgica di tumori midollari primitivi ben localizzati. Se le masse tumorali non possono essere escisse, viene utilizzata la radioterapia o la chemioterapia, con o senza la decompressione chirurgica.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016