Sintomi Tumore dell'uretra

Definizione

Il tumore dell'uretra è considerato una patologia rara che origina dalla trasformazione neoplastica di una delle cellule che formano l'organo.

Dal punto di vista istologico, in particolare, si distinguono:

  • Carcinomi a cellule squamose: nelle donne originano vicino alla vescica e negli uomini nel tratto di uretra che attraversa il pene;
  • Carcinomi a cellule transizionali: si formano nella parte di uretra vicina all'apertura esterna degli organi genitali femminili o nella parte di uretra che attraversa la prostata;
  • Adenocarcinomi: in entrambi i sessi, si sviluppano dalle ghiandole che circondano l'uretra;
  • Forme indifferenziate (rare).  

Il tumore dell'uretra colpisce entrambi i sessi e, nella maggior parte dei casi, viene diagnosticato dopo i 50 anni di età. Il rischio di sviluppare la malattia aumenta in caso di precedente tumore alla vescica ed infiammazione cronica dell'uretra. Fattori di rischio sono rappresentati anche da traumi, stenosi uretrali, malattie sessualmente trasmissibili e frequenti infezioni urinarie.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Tumore dell'uretra

Ulteriori indicazioni

Nelle sue fasi iniziali, il tumore può essere asintomatico o presentarsi con ematuria (presenza di sangue nelle urine), flusso di urina debole o intermittente, aumento della frequenza della minzione e perdite dall'uretra. Se il tumore è in fase avanzata, possono essere riscontrati noduli o masse palpabili a livello del perineo o del pene, uretrorragia e linfonodi inguinali ingrossati. Nell'uomo, la patologia si associa a stenosi uretrale cronica.

Il tumore dell'uretra può dare velocemente origine a metastasi e le cellule tumorali vengono spesso riscontrate a livello dei linfonodi vicini al momento della diagnosi.

La diagnosi è suggerita dalle condizioni cliniche ed è confermata dalla cistouretroscopia. La TC o la RM sono utilizzate per la valutazione dell'estensione della malattia.

Il trattamento dipende dalla dimensione, dalla posizione e dalla natura del tumore, ma può prevedere l'escissione chirurgica, la radioterapia, l'asportazione radicale dell'uretra con linfadenectomia pelvica, l'elettro-resezione con folgorazione, l'ablazione con il laser e la chemioterapia. La prognosi dipende dall'estensione del tumore e dalla sua precisa localizzazione nell'uretra.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016