Sintomi Sindrome metabolica

Articoli correlati: Sindrome metabolica

Definizione

La sindrome metabolica è un insieme di alterazioni metaboliche concomitanti, che determinano di concerto un incremento del rischio cardio-vascolare.

In particolare, si può parlare di sindrome metabolica se, in uno stesso individuo, si rilevano tre o più delle seguenti evenienze:

Le cause della sindrome metabolica sono da ricercare in una combinazione di scorrette abitudini (dieta e scarsa attività fisica) e predisposizione familiare (genetica). Inoltre, il rischio di sviluppare questa condizione aumenta con il passare degli anni e se si soffre di diabete.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Sindrome metabolica

Ulteriori indicazioni

La sindrome metabolica è spesso “silenziosa”: le persone che ne soffrono non presentano particolari sintomi e si sentono bene, nonostante cresca la predisposizione a sviluppare in futuro condizioni come il diabete e varie patologie cardiovascolari. Per questo motivo, accade con una certa frequenza che la sindrome metabolica venga scoperta per caso, durante controlli ed accertamenti diagnostici eseguiti per altri motivi.

Le complicanze della sindrome metabolica sono simili a quelli dell'obesità. L'eccesso di grasso addominale determina un incremento di acidi grassi liberi a livello della vena porta, con aumento dell'accumulo lipidico nel fegato. Il grasso si raccoglie anche nelle cellule muscolari.

La resistenza all'insulina (ormone che consente al glucosio ematico di penetrare nelle cellule degli organi bersaglio, quali fegato, muscolo e tessuto adiposo) favorisce l'insorgenza di iperglicemia, diabete, dislipidemia ed ipertensione arteriosa.

I livelli sierici dell'acido urico sono tipicamente elevati (iperuricemia) e si sviluppa uno stato protrombotico (con livelli aumentati di fibrinogeno e dell'inibitore dell'attivatore del plasminogeno di tipo I). Inoltre, pazienti hanno un aumentato rischio di soffrire di apnea ostruttiva del sonno, steatoepatite non alcolica e malattia renale cronica.

Per la diagnosi di sindrome metabolica è necessaria la coesistenza di almeno 3 fattori di rischio alterati (più alto è il numero di condizioni di cui si soffre, maggiore è la probabilità che si sviluppi il problema) o comunque trattati farmacologicamente. Particolare attenzione deve essere posta ai diversi fattori di rischio (come obesità addominale, ipertensione, resistenza all'insulina, elevati livelli di trigliceridi nel sangue, bassi livelli di colesterolo HDL e familiarità per malattie come il diabete) che possono predisporre allo sviluppo di questa sindrome.

Un approccio ottimale alla gestione del problema prevede una correzione dello stile di vita ed una perdita di peso sulla base di una dieta sana e di una regolare attività fisica. Al contempo, è necessario intervenire anche su altri fattori di rischio cardiovascolare (es. smettere di fumare).

In relazione alla situazione specifica, il medico può prescrivere una cura farmacologica. Per esempio, può essere indicata l'assunzione di ipoglicemizzanti per ridurre la glicemia, di ipolipemizzanti per contrastare l'ipertrigliceridemia o di farmaci per controllare l'ipertensione.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016