Sintomi Pemfigoide gestazionale

Malattie simili e sinonimi: Herpes gestationis.

Articoli correlati: Pemfigoide gestazionale

Definizione

Il pemfigoide gestazionale (o herpes gestationis) è una malattia della pelle che si manifesta durante la gravidanza o dopo il parto.

A differenza di quanto possa suggerire il nome, la condizione non è causata da alcun agente virale. Il pemfigoide gestazionale, infatti, riconosce un'origine autoimmune: autoanticorpi della classe IgG1 si legano con alta avidità al complemento e ad un antigene di 180KDa, presente sia nella membrana basale della cute che nella placenta. Si viene, pertanto, a stabilire una reazione infiammatoria, da cui conseguono le manifestazioni cutanee tipiche della malattia.

Il pemfigoide gestazionale solitamente esordisce durante il 2° o 3° trimestre di gravidanza, ma può presentarsi anche durante il 1° trimestre o immediatamente dopo il parto. In circa il 25% dei casi, il disturbo tende a recidivare nelle gravidanze successive o in seguito all'uso di contraccettivi orali.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Pemfigoide gestazionale

Ulteriori indicazioni

Il pemfigoide gestazionale si manifesta tipicamente con un'eruzione cutanea molto pruriginosa. Le vescicole e le bolle rappresentano le lesioni più specifiche, ma si possono sviluppare anche placche eritematose. L'eruzione origina spesso intorno all'ombelico, quindi si espande a mani, piedi, arti, tronco e glutei; il viso e le mucose non sono sedi generalmente interessate.

Nella maggior parte delle donne, il pemfigoide gestazionale peggiora durante il travaglio o immediatamente dopo il parto. In alcuni casi, lesioni transitorie possono verificarsi anche nei neonati a causa del passaggio degli autoanticorpi attraverso la placenta.

I segni clinici del pemfigoide gestazionale possono essere confusi con altre manifestazioni cutanee legate alla gravidanza. La conferma diagnostica è fornita dall'immunofluorescenza diretta della cute perilesionale, che dimostra la presenza di depositi lineari di C3 nella zona della membrana basale dell'epidermide, dovuta all'attivazione del complemento in risposta agli autoanticorpi.

Il pemfigoide gestazionale va incontro a remissione spontanea entro poche settimane o pochi mesi. Per alleviare il prurito e prevenire nuove lesioni, può essere indicato l'impiego di corticosteroidi topici o sistemici.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016