Sintomi Osteocondrosi

Articoli correlati: Osteocondrosi

Definizione

Le osteocondrosi sono un gruppo di malattie nelle quali si verifica un'alterazione del normale processo di accrescimento cartilagineo ed osseo.

Le cause che ne determinano l'insorgenza non sono ancora chiare, ma è stata ipotizzata una predisposizione genetica a manifestare il disturbo. Nell'area interessata dall'osteocondrosi, inoltre, si denota sempre un'alterazione di tipo necrotico-degenerativo, dovuta probabilmente ad un minore apporto ematico al nucleo di ossificazione.

Le osteocondrosi sono tipiche dell'età dell'accrescimento (infanzia ed adolescenza) e tendono a risolversi spontaneamente al raggiungimento della maturità scheletrica.

Queste condizioni differiscono per distribuzione anatomica (es. malattia di Sever: calcagno; sindrome di Scheuermann: osteocondrosi vertebrale; morbo di Perthes: epifisi superiore del femore; sindrome di Osgood-Schlatter: apofisi tibiale anteriore ecc.).

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Osteocondrosi

Ulteriori indicazioni

Il segno clinico principale delle osteocondrosi è il dolore associato a rigidità articolare, a cui solitamente si sommano impotenza funzionale e marcata ipotrofia muscolare.

Le osteocondrosi possono avere importanti implicazioni ortopediche (es. ipercifosi e scoliosi) e quando la cartilagine articolare subisce gravi alterazioni possono portare tardivamente a fenomeni di artrosi.

La diagnosi clinica trova conferma nell'esame radiologico e nella risonanza magnetica nucleare.


Osteocondrosi

La terapia prevede la riduzione dell'attività fisica, l'impiego di farmaci analgesici e l'uso di tutori, apparecchi gessati, busti ortopedici o altri dispositivi per non sollecitare il segmento osseo affetto, in associazione con una fisioterapia mirata.

Nei casi più gravi, si fa ricorso a trattamenti chirurgici che favoriscano una ricostruzione anatomica.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016