Sintomi Onicofagia

Malattie simili e sinonimi: Abitudine a mangiarsi le unghie.

Articoli correlati: Onicofagia

Definizione

L'onicofagia è un disturbo compulsivo che consiste nell'abitudine di mangiarsi le unghie. Questo comportamento si osserva soprattutto in periodi di instabilità emotiva, nervosismo, noia e stress. Il desiderio di mordere le unghie, infatti, rappresenta uno sfogo aggressivo eseguito inconsciamente, che permette di scaricare una forte tensione interna. Per questo motivo, l'individuo affetto da onicofagia adotta inconsciamente un comportamento ripetitivo nel rosicchiare le unghie, le pellicine e le cuticole intorno alla lamina ungueale. L'onicofagia, in genere, si presenta durante l'infanzia e l'adolescenza e, se trascurata, può protrarsi fino all'età adulta.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Onicofagia

Ulteriori indicazioni

Nella maggior parte dei casi, l'onicofagia è un'abitudine transitoria e senza conseguenze. Tuttavia, la persistenza del disturbo può causare dolore, sanguinamento e arrossamento del letto ungueale, oltre a indurre il danneggiamento dell'eponichio, la porzione di pelle posta alla base e ai lati dell'unghia (cuticola). Possibili conseguenze sono l'onicomicosi e il patereccio. Inoltre, chi pratica l'onicofagia, rischia di trasportare alla bocca i microrganismi che si depositano sotto le unghie, facilitando la diffusione di infezioni.

Mangiarsi le unghie può portare a lesioni gengivali, usura dei denti e malocclusione. L'ingestione dei residui ungueali può provocare anche problemi allo stomaco. Infine, l'onicofagia può interferire con la normale crescita delle unghie e comportare la comparsa di solchi, creste parallele e altre deformazioni. In caso di onicotillomania (distruzione dell'unghia da manipolazione) si possono osservare anche emorragie subungueali.

Diversi approcci possono aiutare a smettere di mangiarsi le unghie. Il trattamento più comune prevede l'applicazione di uno smalto dal sapore amaro.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016