Sintomi Occhio di pernice

Articoli correlati: Occhio di pernice

Definizione

L'occhio di pernice è un tiloma, ossia un ispessimento superficiale e circoscritto della pelle, che si sviluppa sulle dita del piede. Questa zona è particolarmente soggetta a insulti meccanici, quali compressioni ripetute o sfregamento persistente.

A differenza dei calli, i tilomi sono ipercheratosi ben delimitate (sono ispessimenti cutanei rotondeggianti e concentrati in uno specifico punto), ma sono più profondi (si estendono per gran parte del derma sottostante), e, spesso, sono dolenti.

L'insorgenza dell'occhio di pernice segnala spesso che qualcosa è cambiato nella deambulazione. In tal senso, il disturbo può essere favorito da modifiche del peso corporeo (aumento o dimagrimento eccessivo) e fenomeni infiammatori o artritici a carico delle ossa e delle articolazioni dei piedi (es. dito a martello).

L'occhio di pernice si presenta solitamente dopo aver indossato calzature strette ed inadeguate. I soggetti più a rischio sono quelli lavorano in piedi e praticano intense attività sportive.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Occhio di pernice

Ulteriori indicazioni

L'occhio di pernice si sviluppa come un'area di cute ispessita e dura, prevalentemente sulla prominenza ossea fra il quarto e il quinto dito del piede; in alcuni casi, la patologia può comparire anche sulla superficie plantare.


Occhio di Pernice

Vedi altre Foto Occhi di Pernice


In queste sedi, il tiloma provoca un dolore intenso, in quanto l'ipercheratosi comprime il derma e la sua parte più profonda (il cosiddetto fittone corneo) può andare a sollecitare le fibre nervose presenti al di sotto (nevralgia interdigitale).

La sensazione percepita dal paziente è paragonabile a quella di avere un sassolino nella scarpa oppure di avere una puntina da disegno incastrata nella cute del piede. Il dolore si accentua alla sera o dopo una camminata e si può evocare esercitando sul tiloma una pressione con un dito. L'occhio di pernice provoca difficoltà a camminare correttamente e a rimanere in piedi per lunghi periodi. A volte, in corrispondenza della lesione si costituisce una borsa o una tasca ripiena di liquido.

La diagnosi si basa sull'aspetto del tessuto ipercheratosico ispessito e duro.

Il trattamento consiste nell'abrasione manuale, associata o meno all'uso di cheratolitici (es. acido salicilico in soluzione colloidale o impacco di urea al 40%) per facilitare la rimozione dell'occhio di pernice. Raramente, è necessario ricorrere all'asportazione chirurgica.

Indossare scarpe morbide e comode che non alterino la biomeccanica del piede può aiutare a prevenire queste lesioni.