Sintomi Nefropatia Diabetica

Articoli correlati: Nefropatia Diabetica

Definizione

La nefropatia diabetica è una complicanza del diabete, caratterizzata da sclerosi e fibrosi glomerulari causate dalle alterazioni metaboliche ed emodinamiche associate al diabete mellito.

Negli anni, il diabete non compensato può danneggiare il reticolo vascolare che irrora i reni. In particolare, si instaura un danno microvascolare con ispessimento della membrana basale glomerulare, espansione del mesangio e sclerosi. A livello dei glomeruli renali, queste modificazioni causano ipertensione e progressiva diminuzione della velocità di filtrazione. Pertanto, i reni non riescono a svolgere la loro funzione di depurazione del sangue e di eliminazione delle sostanze di scarto attraverso le urine.

I prodotti del metabolismo cellulare non vengono così smaltiti correttamente e possono causare un'intossicazione generale.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Nefropatia Diabetica

Ulteriori indicazioni

La nefropatia diabetica avanzata provoca la perdita progressiva della funzionalità renale, inducendo un grado crescente di insufficienza d'organo.

Di solito, la nefropatia diabetica è asintomatica fino a quando non si sviluppa la sindrome nefrosica o l'insufficienza renale.
Il riscontro di una microalbuminuria persistente rappresenta generalmente il primo segno del disturbo. La nefropatia diabetica è caratterizzata, infatti, dalla perdita con le urine di una quantità sempre più crescente di albumina e da un innalzamento della pressione arteriosa. Negli stadi avanzati, i pazienti presentano la sintomatologia propria dell'uremia.

La diagnosi si basa su anamnesi, esame obiettivo, analisi delle urine e rapporto albumina/creatinina urinaria.

Il trattamento è rappresentato dal rigoroso controllo glicemico associato alla gestione farmacologica dell'ipertensione arteriosa. In particolare, vengono prescritti farmaci appartenenti alla categoria degli ACE-inibitori e/o degli inibitori dei recettori dell'angiotensina II, che riducono l'ipertensione intraglomerulare e hanno pertanto un effetto nefroprotettivo.