Sintomi Morbo di Bowen

Malattie simili e sinonimi: Carcinoma a cellule squamose in situ, Malattia di Bowen.

Definizione

Il morbo di Bowen è un malattia pre-maligna della cute, che si manifesta con la comparsa di una o più chiazze rilevate, di color rosso-bruno, desquamanti o crostose. Colpisce soprattutto soggetti di età adulta ed è considerato uno stadio precursore del carcinoma spinocellulare (detto anche carcinoma squamoso, carcinoma squamocellulare, epitelioma squamocellulare o spinalioma). Le lesioni del morbo di Bowen, infatti, sono l'espressione di una proliferazione atipica delle cellule squamose dell'epidermide, che non si estende però agli strati basali sottostanti (almeno per un certo periodo).

La malattia di Bowen si manifesta soprattutto nelle zone più esposte alla luce del sole, come arti inferiori, tronco, viso o mani; tuttavia può anche insorgere a livello della cute e delle mucose in qualsiasi parte del corpo.

Oltre alla luce solare, fattori di rischio correlati all'insorgenza del morbo di Bowen sono l'esposizione all'arsenico e le infezioni da papillomavirus.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Morbo di Bowen

Ulteriori indicazioni

Il morbo di Bowen si manifesta con la comparsa di lesioni isolate o multiple di colore rosso-bruno, rilevate, eritematose, con bordo ben definito. Questi ispessimenti sono ricoperti da squame di cheratina o croste. La lesione, a lento accrescimento, può persistere per molti anni prima di diventare francamente tumorale. L'evoluzione maligna è evidente per la comparsa di infiltrazione, noduli e ulcerazione.

La diagnosi viene formulata mediante biopsia. Le lesioni del morbo di Bowen possono simulare l'aspetto delle chiazze della psoriasi, della dermatite o di un'infezione dermatofitica.

Il trattamento dipende dalle caratteristiche della malattia e può avvenire mediante chemioterapia topica (5-fluoruracile), crioterapia e resezione chirurgica.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016