Sintomi Megacolon tossico

Articoli correlati: Megacolon tossico

Definizione

Il megacolon tossico è un'abnorme distensione ipotonica del colon, ad insorgenza acuta, associata al danneggiamento del plesso nervoso mioenterico (o di Auerbach). Questa evenienza determina importanti modificazioni morfologiche ed altera la coordinazione motoria dell'organo comportando ristagno di feci, accumulo di metaboliti tossici ed aumento della flora microbica.
Il megacolon tossico rappresenta una delle complicanze più temute di patologie che ostacolano il normale transito nell'intestino, come la rettocolite ulcerosa, il malattia di Crohn, i tumori intestinali, le malattie del sistema nervoso centrale e le infestazioni da parassiti.
Il megacolon tossico può dipendere anche da un difetto congenito, il morbo di Hirschsprung, in cui l'ultimo tratto dell'intestino è privo di gangli nervosi. Da ciò consegue un'alterazione dei meccanismi della peristalsi intestinale, da cui dipende la progressione del materiale fecale verso il retto.

Nello sviluppo della malattia possono avere un ruolo anche i fattori psichici ed i farmaci con azione tossica sulle strutture nervose dell'intestino.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Megacolon tossico

Ulteriori indicazioni

I sintomi più comuni del megacolon tossico sono l'aumento di volume dell'addome, la costipazione e l'occlusione intestinale. Possono comparire anche forti dolori addominali, nausea, vomito, tossicosi, diarrea ematica che peggiora nel tempo, gravi segni di disidratazione, sudorazione, tachicardia, febbre, debolezza e stato confusionale.
Il ristagno delle feci e la dilatazione progressiva della parete intestinale espone al rischio di perforazione, spesso seguita da sepsi e shock che nel 30% dei casi conduce ad un esito infausto.

La diagnosi è prettamente radiologica e segnalata da un aumento del diametro dell'intestino. Il megacolon tossico richiede un intervento chirurgico, con asportazione di un tratto o di tutto il colon.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016