Ipotermia - Cause e Sintomi

Articoli correlati: Ipotermia

Definizione

L'ipotermia è una riduzione della temperatura corporea al di sotto dei 35°C. Si verifica quando nell'organismo la perdita di calore è superiore alla produzione dello stesso.

L'ipotermia è comune in caso di climi freddi o immersioni in acqua gelida. Gli indumenti bagnati e l'esposizione ad intemperie aumentano il rischio. L'ipotermia si può osservare nell'assideramento e in diverse condizioni patologiche in cui risultano alterati i processi di termoregolazione (con ridotta produzione di calore e/o eccessiva dissipazione); è il caso, ad esempio del morbo di Addison, stati di denutrizione, avvelenamenti, intossicazione da farmaci o alcol. Le situazioni che causano perdita di coscienza e/o immobilità sono comuni fattori predisponenti (es. traumi, ipoglicemia o ictus).

L'ipotermia si presenta con brividi intensi e alterazioni dello stato di coscienza (sonnolenza, stato confusionale, irritabilità, allucinazioni e coma). La frequenza respiratoria e il battito cardiaco rallentano e, infine, cessano. L'ipotermia, in realtà, compromette tutte le funzioni fisiologiche, compresi la conduzione nervosa, il tempo di reazione neuromuscolare e l'attività metabolica.

Per risolvere un'ipotermia lieve (temperatura corporea > 32°C) è sufficiente un ambiente caldo e coperte isolanti; nei casi più gravi, invece, si deve ricorrere ad un riscaldamento attivo esterno o centrale: infusione con fluidi riscaldati, lavaggi caldi delle cavità corporee o riscaldamento del sangue con metodiche extracorporee (es. bypass cardiopolmonare, emodialisi.

Possibili Cause* di Ipotermia

* Il sintomo - Ipotermia - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Ipotermia può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.