Ipocalcemia - Cause e Sintomi

Articoli correlati: Ipocalcemia

Definizione

L'ipocalcemia è una riduzione della concentrazione sierica totale del calcio al di sotto di 8,8 mg/dl (< 2,20 mmol/l), in presenza di normali concentrazioni di proteine plasmatiche. Tale condizione provoca varie manifestazioni, come parestesie, tetania e, se grave, convulsioni, encefalopatia ed insufficienza cardiaca.

L'ipocalcemia può dipendere da numerose cause, che comprendono l' ipoparatiroidismo , la carenza di vitamina D e le nefropatie.

L'ipoparatiroidismo è dovuto ad un deficit di paratormone (PTH), situazione che può verificarsi nel contesto di malattie autoimmuni o in seguito alla rimozione o al danno di diverse ghiandole paratiroidi durante un intervento di tiroidectomia.

La carenza di vitamina D può essere secondaria ad un apporto alimentare inadeguato o ad un ridotto assorbimento dovuto a patologie epatobiliari o a malassorbimento intestinale. Il deficit può anche verificarsi a causa di alterazioni metaboliche, come accade con alcuni farmaci (es. fenitoina e rifampicina), oppure in seguito ad una ridotta sintesi cutanea, correlata ad una mancata esposizione alla luce solare e/o all'invecchiamento.

L'ipocalcemia può essere indotta anche da farmaci utilizzati per il trattamento dell'ipercalcemia ed anticonvulsivanti.

Altre cause comprendono la ridotta assunzione e/o assorbimento di calcio con la dieta per malnutrizione, la carenza di magnesio, l'ipoproteinemia e l'iperfosfatemia acuta.

L'ipocalcemia può derivare anche da malassorbimento, pancreatite acuta, shock settico, carcinoma midollare della tiroide, rachitismo ed altre malattie delle ossa (come la sindrome dell'osso affamato e le metastasi osteoaddensanti).

Possibili Cause* di Ipocalcemia

* Il sintomo - Ipocalcemia - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Ipocalcemia può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016