Sintomi Idronefrosi

Malattie simili e sinonimi: Pielectasia.

Articoli correlati: Idronefrosi

Definizione

L'idronefrosi è una dilatazione patologica della pelvi renale (o bacinetto renale), ossia della prima porzione delle vie urinarie, che raccoglie l'urina prodotta dai reni, convogliandola nell'uretere.

Il disturbo può instaurarsi in conseguenza di malformazioni congenite (presenti dalla nascita) o di processi che ostacolano il deflusso dell'urina dal rene lungo le vie urinarie, favorendo il ristagno della stessa e provocando un aumento di pressione a livello del bacinetto e dei calici.

Le cause più frequenti di idronefrosi sono la sindrome del giunto pielo-ureterale (ostruzione o stenosi del punto di passaggio tra il rene e l'uretere, con accumulo dell'urina nel bacinetto renale) ed il reflusso vescico-ureterale (risalita dell'urina dalla vescica verso il rene).

L'idronefrosi può essere indotta anche da patologie acquisite, quali calcolosi e tumori delle vie urinarie.

Idronefrosi

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Idronefrosi

Ulteriori indicazioni

L'idronefrosi può essere:

  • Asintomatica e risolversi spontaneamente senza arrecare danni al rene (idronefrosi non ostruttiva);
  • Sintomatica e associata a un deterioramento progressivo della funzionalità renale (idronefrosi ostruttiva).

In quest'ultimo caso, l'idronefrosi può presentarsi con dolore nella regione renale (segno di distensione o congestione dell'organo) e disturbi di tipo gastroenterico, quali nausea e vomito. Il paziente può avvertire, inoltre, coliche a carattere intermittente oppure dolore fisso a livello del fianco o della zona lombare.

Questi sintomi si accentuano tipicamente nella stazione eretta e dopo sforzi intensi. L'ematuria (sangue nelle urine) è poco frequente.

La comparsa di febbre può indicare, invece, una complicanza infettiva (idropionefrosi).

La diagnosi di idronefrosi viene stabilita con radiografie, urografia endovenosa, ecografia, cistografia minzionale e scintigrafia renale. Nella zona del fianco, può essere palpabile una massa.

Se l'idronefrosi è asintomatica, è sufficiente un monitoraggio della condizione nel tempo. Nel caso di ostruzioni significative al deflusso delle urine, invece, la terapia è di tipo chirurgico e mirata a correggere la patologia responsabile.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016