Idrocefalo - Cause e Sintomi

Articoli correlati: Idrocefalo

Definizione

L'idrocefalo è un eccessivo accumulo di liquor (detto anche liquido cefalo-rachidiano) in alcune cavità del cervello, note come ventricoli cerebrali; tale accumulo comporta un abnorme dilatazione di queste cavità e un incremento della pressione all'interno del cranio.

L'idrocefalo è il risultato di un disequilibrio nella distribuzione del liquido cefalo-rachidiano, che può derivare da un'impedimento alla sua fisiologica circolazione (idrocefalo ostruttivo o non comunicante) o da un riassorbimento liquorale inadeguato (idrocefalo non ostruttivo o comunicante).

L'idrocefalo può verificarsi a causa di anomalie congenite (presenti dalla nascita), come spina bifida, sindrome di Dandy-Walker o malformazione di Chiari. Inoltre, si può riscontrare in caso di trauma cranico, infiammazioni, emorragia intraventricolare o infezioni contratte in utero (es. toxoplasmosi e infezioni da citomegalovirus) o in epoca perinatale (es. meningiti batteriche).

Le manifestazioni neurologiche associate all'idrocefalo dipendono dall'eventuale aumento della pressione endocranica. Tra i sintomi si possono riscontrare mal di testa, letargia, diminuzione della vista, vomito, aumento di volume del cranio, attacchi epilettici e atrofia cerebrale.

Possibili Cause* di Idrocefalo

* Il sintomo - Idrocefalo - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Idrocefalo può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016