Sintomi Herpes genitale

Malattie simili e sinonimi: infezione erpetica genitale.

Articoli correlati: Herpes genitale

Definizione

L'herpes genitale è una malattia infettiva causata dal virus Herpes simplex (HSV). L'infezione provoca lesioni cutanee localizzate prevalentemente nell'area ano-genitale.

La trasmissione dell'herpes genitale avviene attraverso rapporti sessuali non protetti (vaginali, anali o orali) o pratiche intime che prevedono il contatto con le mucose infette (baci, petting, masturbazione reciproca ecc.). Inoltre, esiste la possibilità di una trasmissione verticale, cioè dalla madre, con lesioni o infezione in atto, al bambino durante il parto (infezione neonatale). 

L'agente patogeno generalmente implicato è l'HSV-2, nonostante il 10-30% dei casi sia causato da HSV-1 (ossia lo stesso ceppo virale responsabile dell'herpes labiale). Una volta risolta l'infezione, questi virus hanno la peculiare caratteristica di rimanere in uno stato latente all'interno dell'organismo (eludono il sistema immunitario e non vengono eliminati definitamente).

La loro permanenza nei gangli nervosi corrispondenti alle aree interessate consente episodi di riattivazione brevi e generalmente meno gravi rispetto alla prima infezione. Le recidive dell'herpes genitale sono favorite dallo stress, da un eccesso di alcol, dall'esposizione al sole o da un calo delle difese immunitarie.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Herpes genitale

Ulteriori indicazioni

L'herpes genitale è una malattia infettiva causata dal virus Herpes simplex (HSV). L'infezione provoca lesioni cutanee localizzate prevalentemente nell'area ano-genitale.

La trasmissione dell'herpes genitale avviene attraverso rapporti sessuali non protetti (vaginali, anali o orali) o pratiche intime che prevedono il contatto con le mucose infette (baci, petting, masturbazione reciproca ecc.). Inoltre, esiste la possibilità di una trasmissione verticale, cioè dalla madre, con lesioni o infezione in atto, al bambino durante il parto (infezione neonatale). 

L'agente patogeno generalmente implicato è l'HSV-2, nonostante il 10-30% dei casi sia causato da HSV-1 (ossia lo stesso ceppo virale responsabile dell'herpes labiale). Una volta risolta l'infezione, questi virus hanno la peculiare caratteristica di rimanere in uno stato latente all'interno dell'organismo (eludono il sistema immunitario e non vengono eliminati definitamente).

La loro permanenza nei gangli nervosi corrispondenti alle aree interessate consente episodi di riattivazione brevi e generalmente meno gravi rispetto alla prima infezione. Le recidive dell'herpes genitale sono favorite dallo stress, da un eccesso di alcol, dall'esposizione al sole o da un calo delle difese immunitarie.

Dopo 4-7 giorni dal contagio, l'infezione genitale da Herpes simplex si presenta con piccole papule o vescicole tondeggianti, spesso dolorose e riunite “a grappolo”. Generalmente, la comparsa di queste lesioni cutanee è preceduta da una fastidiosa sensazione di bruciore e formicolio nel punto di ingresso dell'agente infettivo, cioè a livello della mucosa o della cute dei genitali e delle aree circostanti. Le lesioni dell'herpes genitale si localizzano prevalentemente su prepuzio, glande e corpo del pene negli uomini, su grandi e piccole labbra, clitoride, perineo, vagina e cervice uterina nelle donne.

Le vescicole provocano prurito e disagio; nell'arco di pochi giorni, possono erodersi, riversando il loro contenuto e formando delle ulcere dolorose, che possono confluire. Questo momento coincide con la fase di massima contagiosità.

Con l'evolversi della malattia, le ulcere lasciate dalla rottura delle lesioni bollose si seccano. Si formano così delle crosticine che guariscono progressivamente, fino a scomparire. Le lesioni dell'herpes genitale regrediscono generalmente dopo 3-4 settimane.

In alcuni casi, però, le vescicole possono comparire ripetutamente con un andamento ciclico (ossia compaiono e dopo 10-15 giorni scompaiono, per poi manifestarsi di nuovo). Rispetto alle lesioni genitali ricorrenti, le vescicole primarie sono in genere più dolorose e diffuse. Le lesioni genitali ricorrenti possono associarsi, invece, a gravi manifestazioni prodromiche e possono interessare anche le natiche, l'inguine o le cosce.

Oltre alle manifestazione a livello genitale, l'infezione primaria da Herpes simplex può causare sintomi sistemici, come febbre, mal di testa, dolori articolari, malessere generale, difficoltà ad urinare e stipsi.
Raramente, si possono manifestare complicazioni, come una grave radicolopatia sacrale o una meningite asettica.
In alcuni casi, però, l'herpes genitale non provoca alcun sintomo evidente; questo fattore è significativo se viene considerata la trasmissione inconsapevole della malattia.
Le recidive dell'infezione erpetica possono associarsi alla comparsa di lesioni evidenti o alla semplice liberazione asintomatica del virus.

La diagnosi dell'herpes genitale è basata sull'osservazione delle lesioni caratteristiche che compaiono durante la fase acuta. Nei casi sospetti, oltre ai sintomi è necessario verificare la presenza di anticorpi specifici diretti verso l'HSV (la presenza di IgM indica un'infezione attiva primaria, quella di IgG un'infezione pregressa). L'accertamento può includere anche la ricerca del virus nel materiale delle lesioni genitali mediante analisi PCR (Polymerasys Chain Reaction).

I trattamenti attualmente disponibili non sono in grado di curare l'infezione in modo definitivo. Tuttavia, la terapia a base di farmaci antivirali (aciclovir, valaciclovir e famciclovir) è comunque efficace nel ridurre i sintomi e nell'accorciare i tempi di guarigione.

Per quanto riguarda la prevenzione, non esiste ancora un vaccino che consenta di prevenire l'herpes genitale. Per questo, è molto importante adottare delle precauzioni durante i rapporti sessuali (utilizzo corretto del preservativo ed astensione dai contatti intimi per tutta la durata dell'episodio).

Allo scopo di prevenire l'infezione neonatale, invece, alle donne in gravidanza con infezione in atto e lesioni genitali da herpes simplex è raccomandato il parto cesareo.



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 18/01/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo