Esoftalmo - Cause e Sintomi

Sintomi simili e sinonimi: Proptosi, Occhi sporgenti .

Articoli correlati: Esoftalmo

Definizione

L'esoftalmo (occhi in fuori) è la protrusione patologica di uno o entrambi i globi oculari verso l'esterno delle relative orbite. Il termine è spesso usato in modo intercambiabile con proptosi; tuttavia, volendo essere rigorosi, l'esoftalmo dovrebbe indicare gli occhi sporgenti nelle condizioni endocrino-correlate. La causa più frequente di esoftalmo, infatti, è il morbo di Graves (ipertiroidismo), che provoca edema e infiltrazione linfoide dei tessuti orbitari.

La proptosi, invece, può essere causata da tutte le alterazioni locali o sistemiche che creano un aumento di volume entro i confini ossei fissi della cavità orbitaria; tra queste rientrano proliferazioni tumorali, anomalie vascolari (es. fistola tra carotide e seno cavernoso, aneurisma arterovenoso e trombosi del seno cavernoso) e infiammazioni dovute a cause fisiche, infettive o traumatiche.

Un esordio unilaterale improvviso è generalmente associato a un'emorragia intraorbitaria o retrobulbare (dopo intervento chirurgico, iniezione retrobulbare o traumi), a una frattura orbitale e facciale o a un'infiammazione dell'orbita o dei seni paranasali.

Altre cause di proptosi comprendono: glaucoma congenito, cellulite orbitale, dacriocistite, mucormicosi, granulomatosi di Wegener e neuroblastoma.

Se l'esoftalmo è progressivo, la protrusione dell'occhio dall'orbita può provocare secchezza (per la difficolta di chiudere completamente le palpebre), diplopia, cheratite da esposizione ed ulcerazione della cornea, con possibile compromissione della funzione visiva.


esoftalmo

Anche detto protosi, l'esoftalmo visibile nell'immagine mostra un evidente strabordamento

Possibili Cause* di Esoftalmo

* Il sintomo - Esoftalmo - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Esoftalmo può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016