Sintomi Epitrocleite

Malattie simili e sinonimi: gomito del golfista.

Articoli correlati: Epitrocleite

Definizione

L'epitrocleite, più comunemente conosciuta come “gomito del golfista”, è un'infiammazione del complesso di tendini, e dei relativi muscoli, che originano dall'epitroclea del gomito e si inseriscono sull'avambraccio, sul polso e sulla mano. Queste strutture, di norma, servono a ruotare all'interno la mano e l'avambraccio (pronazione) e a flettere il polso e le dita.

L'epitrocleite è causata generalmente da un sovraccarico funzionale dei muscoli epitrocleari e/o da una degenerazione tendinea. Qualsiasi attività che prevede l'applicazione di una forza in valgo del gomito o la flessione vigorosa dell'avambraccio può predisporre al disturbo. In molti casi, infatti, l'epitrocleite si manifesta in persone che svolgono lavori nell'edilizia o sono sottoposte alle sollecitazioni del martello pneumatico. Inoltre, può colpire chi pratica attività sportive quali golf, lancio del giavellotto e tennis (in particolare, se la racchetta è troppo pesante, ha un manico piccolo o si usano palline pesanti).

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Epitrocleite

Ulteriori indicazioni

Il sintomo più frequente dell'epitrocleite è il dolore mediale al gomito (avvertito nella parte interna dell'avambraccio). Il dolore si acutizza con il movimento, in particolare durante la flessione dei muscoli dell'avambraccio o la pronazione del polso (la rotazione dell’avambraccio che si compie per svitare usando un cacciavite con la mano destra) contro una resistenza. L'epitrocleite colpisce con più frequenza l'arto dominante, con un'incidenza più alta nel sesso maschile.

La diagnosi è prevalentemente clinica e si avvale di test di provocazione. Al paziente, in particolare, viene chiesto di flettere il polso o di ruotarlo verso l'interno contro la resistenza posta dalla mano del medico; in caso di epitrocleite, questo gesto evoca dolore attorno alla zona dell'epitroclea.

Le indagini strumentali (es. radiografia, ecografia e risonanza magnetica) servono eventualmente ad escludere altre cause di dolore al gomito.

Il trattamento è sintomatico e prevede riposo, ghiaccio, farmaci antinfiammatori e terapia con onde d'urto. In alcuni casi, può essere indicata un'infiltrazione di corticosteroidi nella zona intorno al tendine, mentre la chirurgia viene presa in considerazione dopo almeno 9-12 mesi di trattamento conservativo inefficace. Le tecniche chirurgiche per trattare l'epitrocleite implicano la rimozione del tessuto cicatriziale e la riparazione dei tessuti danneggiati. In ogni caso, il ritorno all'attività deve essere graduale.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016