Sintomi Epicondilite

Malattie simili e sinonimi: Gomito del tennista.

Articoli correlati: Epicondilite

Definizione

L'epicondilite, nota anche come “gomito del tennista”, è un'infiammazione dolorosa dei muscoli che originano dall'epicondilo omerale e dei tendini estensori dell'avambraccio.

Malgrado il nome, non sono solo i tennisti a soffrire di tale disturbo: l'epicondilite colpisce più frequentemente chi svolge attività lavorative o sportive che richiedono la supinazione e la pronazione ripetitiva ed energica dell'avambraccio. Anche sforzi improvvisi (es. sollevamento di pesi), continui microtraumatismi e danni diretti dell'epicondilo laterale (conseguenza, ad esempio, di un'eccessiva estensione dell'avambraccio o un movimento scorretto) possono causare il disturbo.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Epicondilite

Ulteriori indicazioni

L'epicondilite è la causa più comune di dolore e gonfiore localizzati alla parte esterna del gomito (in corrispondenza dell'epicondilo laterale) e si irradia alla superficie esterna dell'avambraccio, lungo i muscoli interessati, fino alla mano. L'insorgenza del dolore è progressiva e ingravescente. Il braccio dominante è colpito con maggiore incidenza. Tale sintomo è percepito soprattutto quando il paziente cerca di afferrare saldamente un oggetto con la mano o compie alcuni movimenti di supinazione e pronazione dell'avambraccio, come quando si gira una maniglia della porta, si apre un barattolo o, mentre si gioca a tennis e si esegue un colpo di rovescio.
La debolezza della presa durante questi gesti può essere molto evidente, in quanto gli oggetti tendono a scivolare dalle mani. Con il tempo, si possono manifestare rigidità mattutina, calcificazioni, formazione di osteofiti sull'epicondilo e, cosa più rilevante, degenerazione tendinea.

La diagnosi è prevalentemente clinica. Il dolore è presente alla pressione sull'epicondilo e può essere evocato facendo contrarre contro resistenza i muscoli epicondiloidei con opportuni test di provocazione. Le indagini strumentali (es. radiografia, ecografia e risonanza magnetica) sono indicate per escludere altre cause di dolore mediale (interno) al gomito.

Il trattamento prevede riposo, ghiaccio, farmaci antinfiammatori e terapia fisica. Nelle forme in cui il dolore è intenso si può trarre beneficio dalla mesoterapia o dalle infiltrazioni di corticosteroidi. Quando l'epicondilite si attenua può essere indicata la fisioterapia o il massaggio neuroconnettivale.