Sintomi Epatite C

Malattie simili e sinonimi: Epatite virale da virus C (HCV).

Articoli correlati: Epatite C

Definizione

L'epatite C è una malattia infettiva che colpisce il fegato, provocandone l'infiammazione. L'agente causale, denominato hepatitis C virus (HCV), è un virus a RNA appartenente alla famiglia dei Flavivirus.

La trasmissione dell'infezione avviene principalmente attraverso il contatto diretto con il sangue di una persona già infetta. Il contagio per via parenterale, quindi, può essere agevolato dalla condivisione di aghi e siringhe per l'inoculo di droghe e dall'utilizzo di strumentazioni mediche o estetiche (es. per l'esecuzione di tatuaggi e piercing) non adeguatamente sterilizzate. Dopo l'introduzione dello screening obbligatorio del sangue, il rischio di contrarre l'epatite C tramite le trasfusioni è da considerarsi improbabile. Meno frequente, invece, è la trasmissione dell'infezione attraverso i rapporti sessuali non protetti e per via verticale, cioè da madre infetta al bambino, durante il parto.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Epatite C

Ulteriori indicazioni

L'epatite C può manifestarsi in forma acuta: entro sei mesi, il sistema immunitario è in grado di debellare il virus. Tuttavia, nella maggior parte dei casi (85%), la malattia è asintomatica e si sviluppa un'infezione da HCV a lungo termine o cronica. Il virus può così continuare a danneggiare gravemente il fegato. Dopo molti anni, l'epatite C cronica può evolvere in cirrosi epatica o in un carcinoma epatocellulare. Un decorso fulminante e fatale, invece, si osserva molto raramente.

L'epatite C ha un periodo di incubazione medio di 5-10 settimane, con un intervallo che varia da 2 settimane a 6 mesi. Durante la fase acuta, la malattia può decorrere in maniera asintomatica o provocare manifestazioni vaghe, che non differiscono molto da quelle di altre epatiti. Tali manifestazioni possono includere: malessere generalizzato, debolezza, febbricola, fastidio ai quadranti superiori dell'addome, nausea, inappetenza, dolori muscolari e, talvolta, articolari. L'ittero è solitamente assente.
Anche nell'epatite cronica che ne deriva, di solito, i sintomi sono assenti o aspecifici. L'infezione impiega spesso decenni prima di dare manifestazioni clinicamente rilevanti, che rendono evidente la progressione verso la cirrosi o la presenza di un'epatopatia cronica (con rash cutanei, segni di colestasi e splenomegalia, fino all'insufficienza dell'organo). Il carcinoma epatocellulare può seguire una cirrosi epatica HCV correlata.

La diagnosi dell'epatite C si basa sulla ricerca dell'RNA virale (tramite PCR) e degli anticorpi diretti contro gli antigeni del virus responsabile dell'infezione (HCV Ab), mediante vari esami sierologici. Per approfondire le cause di un problema riconducibile al fegato, inoltre, è possibile ricorrere ad ulteriori accertamenti (es. biopsia epatica).

Il trattamento consolidato dell'epatite C prevede la combinazione di interferone alfa e ribavirina, farmaci in grado di inibire la replicazione del virus e limitare il danno epatico; recentemente è stato introdotto in terapia un farmaco molto efficace, chiamato sofosbuvir, sempre associato a ribavirina. Questo protocollo terapeutico è in grado di contrastare efficacemente la malattia, soprattutto se iniziato precocemente. Per coloro che sviluppano cirrosi o carcinoma epatico, invece, può essere indicato un trapianto di fegato.

Ad oggi, non è stato ancora realizzato un vaccino che protegga efficacemente contro l'epatite C. L'unico modo per prevenire l'infezione consiste nel rispettare le norme igieniche generali e nell'evitare i potenziali fattori di rischio, come usare siringhe monouso ed evitare lo scambio di oggetti igienici personali (spazzolino da denti, forbicine e rasoi).

In determinate circostanze, l'epatite C può essere trasmessa anche attraverso contatti sessuali che possono provocare lesioni. Pertanto, è importante usare il preservativo, soprattutto durante i rapporti occasionali.



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 18/01/2017

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo