Sintomi Encefalite

Articoli correlati: Encefalite

Definizione

L'encefalite è un processo infiammatorio, diffuso o circoscritto, che colpisce diverse strutture dell'encefalo.

L'encefalite può essere primaria o manifestarsi come complicanza secondaria di malattie infettive diverse (es. brucellosi, sifilide, tifo esantematico, toxoplasmosi, malaria e tripanosomiasi). Le forme primarie sono determinate da virus neurotropi, che invadono direttamente il sistema nervoso centrale danneggiando i neuroni e provocando una sintomatologia, in genere, acuta. Queste infezioni possono essere epidemiche (es. encefaliti da arbovirus, poliovirus, echovirus o coxsackievirus) o sporadiche (es. causate da virus herpes simplex, varicella-zoster, virus della rabbia o della parotite).

Le encefaliti possono essere causate anche da processi autoimmuni, neoplasie maligne o reazioni a sostanze tossiche. Talvolta, all'encefalite sono associati processi infiammatori anche a carico del midollo spinale (encefalomielite) o delle meningi (meningoencefalite).

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Encefalite

Ulteriori indicazioni

I sintomi dell'encefalite comprendono febbre, mal di testa, sonnolenza e alterazioni dello stato mentale, spesso accompagnati da convulsioni e deficit neurologici focali. Sintomi prodromici gastrointestinali o respiratori possono precedere queste manifestazioni. In alcuni casi, subentrano segni di compromissione a carico di centri nervosi specifici (paralisi di nervi cranici, disturbi della motilità o dell'attività respiratoria). Il coinvolgimento del lobo temporale si può manifestare con cacosmia (percezione di odori sgradevoli), sintomo che suggerisce un'encefalite da virus herpes simplex. L'encefalite virale acuta, inoltre, può determinare edema cerebrale; se non adeguatamente trattata, può provocare una necrosi emorragica.

La diagnosi richiede l'analisi del liquido cefalorachidiano, l'esame elettroencefalografico e l'esecuzione di alcuni test di neuroimaging (tomografia computerizzata e risonanza magnetica).

La terapia è di supporto e comprende la gestione di febbre, disidratazione, disturbi elettrolitici e convulsioni. Per alcuni agenti patogeni, il trattamento prevede l'impiego di farmaci antivirali.