Emorragia Post-partum - Cause e Sintomi

Definizione

L'emorragia post-partum è una complicanza molto pericolosa, che può verificarsi durante o dopo l'ultima fase del parto (detta anche secondamento o terzo stadio del travaglio).

Nella donna, il sanguinamento eccessivo può avere esiti più o meno gravi. Le conseguenze di tale perdita massiva possono comportare palpitazioni, vertigini, debolezza, sudorazione, pallore e segni di ipovolemia, quali abbassamento della pressione, oliguria e tachicardia. Se non trattata, l'instabilità emodinamica potrebbe portare anche alla morte della paziente.

Nello specifico, l'emorragia post-partum è definita come:

  • Perdita ematica uguale o superiore a 500 ml (considerata grave se supera i 1000 ml) dopo un parto vaginale (durante o subito dopo il terzo stadio del travaglio, nella quale si verifica l'espulsione della placenta e degli annessi fetali);   
  • Perdita ematica pari o superiore a 1000 ml in caso di parto cesareo.

L'emorragia post-partum può essere precoce (o acuta) quando si verifica entro le 24 ore dalla nascita del bambino o, meno spesso, tardiva (o secondaria) quando si presenta da un giorno alla 12° settimana dopo il parto.

L'emorragia post-partum può dipendere da varie condizioni, le quali, per la maggior parte, sono evitabili.

La causa più comune è l'atonia uterina (90% dei casi), la quale può essere favorita da un'attività eccessiva dell'organo, secondaria a travaglio prolungato (superiore alle 12 ore), o da un parto troppo rapido (es. taglio cesareo eseguito d'urgenza o parto indotto) o distocico.

Altri fattori che possono predisporre a tale problema comprendono la sovradistensione uterina (dovuta ad una gravidanza multipla, un polidramnios o un feto grande per l'età gestazionale), la multiparità elevata (parto di ? 5 feti vitali), l'impiego di anestetici miorilassanti e la corioamnionite.

L'emorragia post-partum può essere provocata anche da lacerazioni cervicali e/o perineo-vaginali, rottura uterina e ritenzione di materiale placentare (placenta accreta). Altre cause comprendono l'estensione di un'episiotomia, l'inversione dell'utero (rara emergenza medica in cui il corpo uterino si rovescia verso l'esterno e protrude nella vagina o al di là dell'introito) e l'involuzione incompleta dell'inserzione placentare (che si verifica in genere precocemente, ma può manifestarsi anche fino ad 1 mese dal parto).

Una pregressa emorragia puerperale, i fibromi uterini, la placenta ritenuta o previa, la pre-eclampsia, l'obesità e le coagulopatie materne possono contribuire alla perdita ematica post-partum. Le condizioni predisponenti andrebbero identificate prima del parto e, quando possibile, corrette.

Il trattamento dipende dall'eziologia del sanguinamento. Per ridurre la perdita di sangue e le contrazioni uterine dopo l'espulsione della placenta, può essere indicata la somministrazione di ossitocina (per via endovenosa o intramuscolare) o altri urotonici (es. prostaglandine o metilergonovina).

La volemia va ripristinata con soluzione fisiologica allo 0,9% per via endovenosa, talvolta associata a concentrati eritrocitari. In presenza di emorragia post-partum, devono essere riparate le lacerazioni genitali ed i tessuti placentari eventualmente ritenuti vanno rimossi. A volte, l'emorragia può essere arrestata mediante tamponamento uterino o posizionamento di un palloncino di Bakri fino al raggiungimento dell'emostasi. In qualche caso, il drenaggio della vescica tramite catetere può ridurre l'atonia uterina. La rottura uterina richiede, invece, la riparazione chirurgica.

In ogni caso, l'entità del sanguinamento vaginale dev'essere monitorata per 1 ora dopo il completamento del terzo stadio del travaglio.

Possibili Cause* di Emorragia Post-partum

* Il sintomo - Emorragia Post-partum - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Emorragia Post-partum può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


ARTICOLI CORRELATI

Il travaglio di partoIn forma dopo il partoCorsi di accompagnamento al partoDepressione Post-PartoDepressione Post-Parto - Farmaci e CuraEpisiotomia (o Perineotomia)Lochiazioni e Perdite Post-PartumParto Cesareo - Taglio CesareoParto indottoRottura delle AcqueForcipeParto PrematuroGravidanza dopo il partoGravidanza dopo il parto e difficoltà del puerperioGravidanza dopo il parto e le difficoltà del puerperioIn forma dopo il parto - seconda parte -In forma dopo il parto - terza parte -La ginnastica Post-partoMethergin - Foglietto IllustrativoPartorire - le varie fasi del parto -Postparto e difficoltà del puerperioSintomi del travaglioSintomi Depressione post-partumCorsi di accompagnamento al parto - 2a parteCorsi di accompagnamento al parto - 3a parteCorsi di accompagnamento al parto - Quarta parteparto su Wikipedia italianoChildbirth su Wikipedia ingleseCistite Emorragica - Farmaci per la cura della Cistite EmorragicaApoplessiaCistite EmorragicaEmorragia cerebraleSangue nell'occhioEbolaEmatochezia - Sintomi e cause di EmatocheziaEmorragiaEmorragia gastrointestinale - Sintomi e cause di Emorragia gastrointestinaleEmorragia SubaracnoideaEmorragia subungueale - Sintomi e cause di Emorragia subunguealeEmorragia vaginale nelle fasi iniziali della gravidanza - Sintomi e cause di Emorragia vaginale nelle fasi iniziali della gravidanzaEmostaticheFacilità al sanguinamento e alla formazione di lividiRaplixa - Fibrinogeno umano / Trombina umanaRettorragia - Sintomi e cause di RettorragiaSangue dall'orecchio - Sintomi e cause di Sangue dall'orecchioSanguinamento delle gengive - Sintomi e cause di Sanguinamento delle gengiveSanguinamento intraoculare - Sintomi e cause di Sanguinamento intraoculareSintomi Emorragia cerebraleSintomi Malattia di von WillebrandEvarrestEmorragia su Wikipedia italianoBleeding su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016