Sintomi Diverticolosi

Malattie simili e sinonimi: Malattia diverticolare.

Articoli correlati: Diverticolosi

Definizione

La diverticolosi è una condizione caratterizzata dalla presenza di diverticoli nel tratto digerente. In genere, quando si parla di diverticolosi senza precisarne la sede, si sottintende la localizzazione a livello del colon; infatti, sebbene i diverticoli possano insorgere anche in altre sedi (es. diverticoli esofagei), nella maggior parte dei casi coinvolgono il grosso intestino.

I diverticoli sono delle evaginazioni sacciformi (simili a tasche o sacche), di dimensioni variabili (diametro da 3 mm a > 3 cm). Insorgono per la fuoriuscita della mucosa che ricopre le pareti dell'intestino, a sua volta legata spesso a problemi di stitichezza; infatti, la prolungata permanenza delle feci nell'intestino provoca un aumento della pressione endoluminale che determina l'estroflessione della mucosa nel punto più debole. Alla base dei diverticoli può esserci anche un processo infiammatorio. Di solito, nei pazienti affetti da diverticolosi, i diverticoli sono numerosi.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Diverticolosi

Ulteriori indicazioni

Nella maggior parte dei casi, la diverticolosi è asintomatica. In alcuni casi, però, può determinare dolore addominale (crampiforme o vago/diffuso), perdite di sangue dal retto e stitichezza alternata a fasi caratterizzate da stimoli frequenti ad evacuare. I problemi derivano soprattutto dalla ritenzione delle feci o delle particelle di cibo, che rimangono intrappolate nelle sacche diverticolari favorendo la proliferazione batterica in situ. In questi casi, infatti, possono comparire fenomeni di infiammazione (diverticolite) o infezione dei diverticoli, a cui possono seguire sanguinamento o rottura.

L'approccio diagnostico varia a seconda dei casi. I diverticoli asintomatici sono spesso rilevati accidentalmente durante indagini radiologiche o endoscopiche (es. colonscopia) eseguite per altri motivi.

Il trattamento della diverticolosi prevede approcci diversi. Nella maggior parte dei casi, può essere utile una dieta ricca di liquidi e fibre, in grado di combattere la stitichezza (limitando però i cibi ricchi di semi e in genere quelli che lasciano un grosso residuo fibroso nell'intestino). Il medico può consigliare una cura farmacologica sintomatica, che aiuti a mitigare il dolore e la stitichezza. In caso di infezione, può prescrivere anche degli antibiotici. L'intervento chirurgico è generalmente consigliato per il trattamento di diverticoli di grandi dimensioni.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016