Sintomi Diverticolo di Zenker

Definizione

Il diverticolo di Zenker è una formazione sacciforme, che si può riscontrare nella parete posteriore della faringe, appena sopra l'esofago.

In quest'erniazione si ferma il cibo ingerito, quindi la digestione viene rallentata e il boccone tende a tornare verso l'alto.

Il diverticolo di Zenker è la conseguenza di un indebolimento della parete muscolare: un aumento della pressione interna all'organo può indurre una graduale estroflessione attraverso un'area della tonaca che risulta più debole.

Nell'insorgenza del disturbo, inoltre, possono concorrere le anomalie della peristalsi esofagea, che normalmente agevola il passaggio del cibo allo stomaco.


Diverticolo di Zenker

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Diverticolo di Zenker

Ulteriori indicazioni

Il diverticolo di Zenker può provocare disfagia, ossia una difficoltà durante la deglutizione o una sensazione di ostruzione, poiché il cibo trova un ostacolo alla sua discesa. Inoltre, possono verificarsi episodi rigurgito di cibo verso la bocca quando il paziente si flette in avanti o si distende.

Altre manifestazioni comprendono alitosi e senso di peso al torace. Il diverticolo di Zenker può occasionalmente causare problemi di respirazione, in quanto il cibo, tornando verso l'alto, provoca una sensazione di soffocamento; se il rigurgito è notturno, può verificarsi una polmonite ab ingestis.

Possibili complicanze sono l'insorgenza di infiammazioni e infezioni, a causa degli alimenti introdotti che si accumulano a livello del diverticolo di Zenker; in rari casi, può manifestarsi la perforazione o il sanguinamento dello stesso. Di rado, la tasca diverticolare raggiunge dimensioni tali da percepire una massa cervicale alla palpazione.

La diagnosi si ottiene mediante radiografia con mezzo di contrasto, endoscopia e manometria esofagea.

Il diverticolo di Zenker viene solitamente asportato chirurgicamente, in quanto tende a crescere di volume e rende più difficoltoso alimentarsi.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016