Sintomi Dermatite da pannolino

Malattie simili e sinonimi: Eritema da pannolino.

Articoli correlati: Dermatite da pannolino

Definizione

La dermatite da pannolino è un'irritazione della pelle frequente nei bambini al di sotto dei due anni di età, che colpisce la zona dei genitali, delle cosce e delle natiche. Il disturbo è favorito dal prolungato contatto con l'urina e con le feci e dallo sfregamento diretto e ripetuto del pannolino sulla superficie cutanea.

La dermatite da pannolino può presentarsi tutto l'anno, ma la sudorazione durante i mesi estivi può aumentarne la frequenza. Aderendo alla pelle, infatti, il pannolino forma un ambiente caldo, umido e scarsamente traspirante, che favorisce il ristagno di urine e la proliferazione dei batteri saprofiti (che vivono normalmente nell'organismo umano). L'infiammazione può derivare anche dall'utilizzo di prodotti detergenti troppo aggressivi, non adatti alla superficie cutanea estremamente delicata, sottile e sensibile del bambino, o impiegati in quantità eccessiva.

La dermatite può dipendere, inoltre, dalle condizioni di salute del bambino: se è in corso un indebolimento del sistema immunitario, ad esempio a causa di un'influenza o di una bronchiolite, la pelle è più vulnerabile all'attacco dei germi. Anche i disturbi gastro-intestinali o le infezioni urinarie possono concorrere all'instaurarsi della dermatite da pannolino. In caso di diarrea, ad esempio, le feci particolarmente acide possono irritare ed arrossare maggiormente la pelle del bambino.

Talvolta, il disturbo può essere associato alla presenza di dermatite seborroica, infezioni da candida, psoriasi e allergia da contatto. In rari casi, le dermatiti da pannolino possono essere la spia di malattie generalizzate che necessitano di trattamenti tempestivi, quali malattie infettive, parassitosi, patologie immunologiche e neoplasie.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Dermatite da pannolino

Ulteriori indicazioni

La dermatite da pannolino si presenta nell'area dei genitali, dell'inguine, delle cosce e delle natiche con un arrossamento di varia entità o con piccole chiazze rossastre e non rilevate sul piano cutaneo. La pelle può apparire anche leggermente gonfia e calda al tatto.
In rari casi, si ha un peggioramento di tale quadro e compaiono delle placche rosse e secche, talvolta lucide.

Altre volte, è presente un essudato o compaiono piccole pustole che possono rompersi, sanguinare e favorire eventuali sovrainfezioni da parte di batteri e funghi. In quest'ultimo caso, il bambino può lamentare dolore e/o prurito.

Per curare e prevenire la dermatite da pannolino, è bene osservare una scrupolosa igiene. Il bambino va cambiato spesso, almeno sei o sette volte al giorno. La pelle va lavata con acqua tiepida, senza strofinare, utilizzando di detergenti delicati solo al bisogno.

L'applicazione di uno strato di pomata all'ossido di zinco può essere utile per costituire una barriera protettiva tra la pelle ed il pannolino. Alcuni prodotti sono invece da evitare, in quanto potrebbero peggiorare la situazione; queste comprendono pomate a base di cortisone e creme idratanti per adulti.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016