Crisi epilettiche - Cause e Sintomi

Articoli correlati: Crisi epilettiche

Definizione

Una crisi epilettica è una scarica elettrica anomala e incontrollata dei neuroni, che interrompe transitoriamente la normale funzione cerebrale. Tale fenomeno provoca tipicamente alterazioni dello stato di coscienza, movimenti involontari o convulsioni.

L'epilessia è una malattia caratterizzata da crisi epilettiche ricorrenti e spontanee. Le crisi epilettiche, però, possono anche essere isolate e non recidivare, come quelle che insorgono, ad esempio, durante una malattia febbrile o dopo un trauma cranico. Vari disturbi che colpiscono il cervello si associano a tale manifestazione, quali malformazioni, ictus, encefalopatia ipertensiva, eclampsia e tumori cerebrali. Crisi epilettiche possono riscontrarsi anche in caso di patologie degenerative (come la malattia di Alzheimer), malattie autoimmuni (es. sclerosi multipla), ischemia o ipossia (es. aritmie, annegamento e intossicazione da monossido di carbonio) ed infezioni del SNC (es. meningite, neurosifilide, rabbia, tetano, toxoplasmosi, encefalite o infezione da virus HIV). Inoltre, vari farmaci somministrati in dosi tossiche possono causare crisi epilettiche (es. amfetamine e altri stimolanti del SNC). Altre possibili cause comprendono problematiche collegate alla pressione, alterazioni metaboliche e sindromi da astinenza.

Possibili Cause* di Crisi epilettiche

* Il sintomo - Crisi epilettiche - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Crisi epilettiche può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016