Sintomi Colecisti Alitiasica

Malattie simili e sinonimi: Colecistite Alitiasica.

Definizione

La colecisti alitiasica è una condizione che deriva da un'infiammazione acuta della cistifellea (o colecisti), in assenza di calcoli biliari.

Questa condizione può essere favorita dal rilascio di enzimi e mediatori del processo flogistico, innescato dalla stasi biliare, dall'ischemia, dall'infezione o dall'atonia della parete colecistica.

I fattori di rischio che possono predisporre alla colecisti alitiasica comprendono i traumi addominali severi, le ustioni, gli interventi di chirurgia maggiore, il digiuno prolungato o la nutrizione artificiale parenterale, il diabete mellito, l'aterosclerosi, le vasculiti sistemiche (es. lupus eritematoso sistemico, poliarterite nodosa ecc.) e le sindromi da immunodeficienza acquisita.

Talvolta, quale agente scatenante può essere identificato un microrganismo infettante (come Salmonella spp. o cytomegalovirus in pazienti immunodepressi).


colecisti infiammata

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Colecisti Alitiasica

Ulteriori indicazioni

La colecisti alitiasica si manifesta con sintomi simili a quelli della colecistite acuta da calcoli biliari. Pertanto, la malattia può provocare un dolore molto intenso e continuo nella parte alta destra dell'addome, talvolta accompagnato da nausea, mancanza di appetito e vomito.

In genere, la sensazione dolorosa è simile a quello di una colica biliare, ma presenta maggiore durata e gravità. Il dolore si accentua, poi, quando si preme sulla parte e quando la persona compie respiri profondi, talvolta irradiandosi anche alla scapola e alla schiena.

In qualche caso, la distensione addominale o una febbre inspiegabile possono essere gli unici segni associati all'infiammazione.

Se non trattata, la colecisti alitiasica può rapidamente progredire fino alla gangrena dell'organo e alla sua perforazione, che causano sepsi, shock e peritonite; la mortalità, in questi casi,si avvicina al 65% dei casi.

In genere, l'attacco di colecistite richiede il ricovero in ospedale. La diagnosi di colecistite acuta alitiasica può essere posta nel paziente non portatore di calcoli biliari, ma che presenta un segno di Murphy ecografico positivo o le pareti della colecisti ispessite con versamento pericolecistico.

Il trattamento, di solito, prevede l'uso di antibiotici, antispastici e analgesici. In alcuni casi, non appena i sintomi sono migliorati si procede con la colecistectomia, cioè l'asportazione della cistifellea per via laparoscopica.

Se si sospetta una complicazione, come la formazione di un ascesso o la perforazione, invece, è necessario intervenire chirurgicamente d'urgenza.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Segno di Murphy