Cisti al Fegato - Cause e Sintomi

Definizione

Le cisti al fegato sono raccolte liquide o semi-liquide che si formano all'interno del parenchima epatico; queste lesioni possono essere singole o multiple, semplici (rotondeggianti e ben definite) o complesse (come accade per le cisti parassitarie).

Cisti epatiche semplici

Tra le cisti epatiche, le forme semplici sono quelle riscontrate più comunemente; in genere, queste lesioni benigne sono ripiene di liquido, senza setti in sezione trasversale e asintomatiche. La causa alla base della loro insorgenza non è nota, ma si ritiene che le cisti al fegato semplici possano derivare da anomalie congenite occorse durante lo sviluppo del dotto biliare.

Generalmente, le cisti al fegato semplici non hanno alcun significato clinico, quindi non è necessario prendere alcun provvedimento terapeutico. Solo nel caso in cui queste formazioni siano particolarmente voluminose o sintomatiche, sarà opportuno monitorarle nel tempo o provvedere al trattamento mediante, ad esempio, aspirazione percutanea del liquido in esse contenute, fenestrazione, pericistectomia o resezione epatica.


Cisti epatiche

Cisti idatidee (echinococcosi epatica)

In alcuni casi, le cisti epatiche rappresentano uno stadio del ciclo vitale di alcuni parassiti, come l'echinococco. La diagnosi di cisti idatidea dev'essere esclusa con indagini sierologiche e l'analisi del fluido cistico.

Malattia policistica epatica

La malattia policistica del fegato è una condizione caratterizzata dalla presenza di molte cisti (di solito più di 20), di diverse dimensioni, nel contesto dell'organo.
Questa condizione è determinata da mutazioni a carico di quattro geni e, talvolta, si associa alla malattia policistica renale congenita. In tale contesto, le cisti possono essere asintomatiche o provocare dolore, nausea, vomito, gonfiore addominale ed epatomegalia nodulare progressiva.
Il trattamento chirurgico dev'essere considerato solo quando le manifestazione gravi e persistenti possono influenzare significativamente la qualità della vita.

Malattia di Caroli

Altra condizione patologica congenita in cui si possono riscontrare lesioni cistiche multiple all'interno del fegato è la malattia di Caroli. Questa condizione è caratterizzata dalla presenza di dilatazioni sacciformi o fusiformi delle vie biliari intra-epatiche.
I pazienti affetti dalla malattia di Caroli presentano molteplici episodi di colangite (ossia infezioni delle vie biliari con ittero, febbre e dolore), ascessi epatici e calcolosi intraepatica.

L'infiammazione cronica incrementa il rischio di sviluppare un colangiocarcinoma. Se limitata e localizzata, la malattia di Caroli può essere trattata con la resezione chirurgica, mentre nelle forme diffuse il trapianto di fegato rappresenta l'unica soluzione definitiva.

Altre cause

Le cisti al fegato possono essere la manifestazione di tumori cistici (es. cistoadenoma, cistadenocarcinoma) ed ascessi epatici.

Possibili Cause* di Cisti al Fegato

* Il sintomo - Cisti al Fegato - è tipico di malattie, condizioni e disturbi evidenziati in grassetto. Cliccando sulla patologia di tuo interesse potrai leggere ulteriori informazioni sulle sue origini e sui sintomi che la caratterizzano. Cisti al Fegato può anche essere un sintomo tipico di altre malattie, non incluse nel nostro database e per questo non elencate.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016