Sintomi Cheratosi attinica

Malattie simili e sinonimi: Cheratosi solare.

Articoli correlati: Cheratosi attinica

Definizione

La cheratosi attinica è una lesione benigna della pelle, conseguenza dell'effetto cumulativo dell'esposizione solare. La malattia, infatti, insorge con l'aumentare dell'età, soprattutto dopo i 40 anni.

La cheratosi attinica è considerata una lesione pre-cancerosa, pertanto può degenerare e dar luogo a tumori della pelle. I soggetti con fototipo chiaro (fototipo 1-2: capelli biondi o rossi, occhi azzurri o verdi) sono particolarmente predisposti a sviluppare cheratosi attiniche. Il rischio è aumentato anche per le persone che, per motivi professionali (es. manovali, pescatori o contadini) o stile di vita, sono sottoposte a un'intensa esposizione al sole. La cheratosi attinica può dipendere anche da un'eccessiva abbronzatura artificiale o dall'esposizione a raggi UVA, raggi X o sostanze chimiche specifiche.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Cheratosi attinica

Ulteriori indicazioni

La cheratosi attinica si presenta, inizialmente, come una piccola papula o placca eritematosa ricoperta da squame secche e ruvide al tatto. Le lesioni che si manifestano sulla superficie della pelle sono in rilievo, con margini mal definiti e attorniate da un alone rosso e da teleangectasie. Le cheratosi possono essere rosa o rosse, giallastre o grigio chiaro, e raggiungono un diametro di 1-2,5 cm o più. Le lesioni possono provocare una sensazione di prurito e bruciore, ma possono anche risultare asintomatiche. Le sedi più colpite sono quelle fotoesposte: capo (soprattutto padiglioni auricolari e fronte), gambe, braccia, dorso delle mani, tronco anteriore e posteriore. I soggetti calvi ne soffrono specialmente sul cuoio capelluto.

La diagnosi è clinica, talvolta supportata da una biopsia. La diagnosi differenziale è posta rispetto alle cheratosi seborroiche, le cui lesioni, anche se simili alle cheratosi attiniche, tendono ad apparire ceree e con margini netti. A differenza delle cheratosi attiniche, inoltre, le lesioni seborroiche possono apparire anche sulle aree del corpo non esposte al sole e non sono pre-cancerose.

Le cheratosi attiniche devono essere trattate per prevenirne l'evoluzione maligna. Esistono varie opzioni di terapia, a seconda del loro numero e della localizzazione. Queste comprendono l'asportazione della lesione (con chirurgia classica, crioterapia o laser), la terapia fotodinamica o le terapie topiche a base di farmaci antiblastici o immunomodulanti.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016