Sintomi Attacco di Panico

Articoli correlati: Attacco di Panico

Definizione

Un attacco di panico è un episodio di improvviso ed intenso disagio, ansia o paura, che si manifesta per un periodo di tempo breve e distinto. Il disturbo può essere isolato o presentarsi con ripetute crisi.

Spesso, un attacco di panico condiziona il comportamento del paziente, che tenta di evitare situazioni che possono predisporre a un nuovo episodio.

Le cause degli attacchi di panico non sono completamente note, ma chiaramente sono implicati fattori sia fisiologici che psicologici.

Sintomi e Segni più comuni*

*I sintomi evidenziati dal grassetto sono tipici, ma non esclusivi, del Attacco di Panico

Ulteriori indicazioni

I sintomi tipici degli attacchi di panico sono: palpitazioni, sudorazione, respiro corto o sensazione di soffocamento (stretta o nodo alla gola), dolore al petto, nausea e vertigini. Durante la crisi possono comparire parestesie (sensazioni di intorpidimento o formicolio), tremori, brividi o vampate di calore. Gli attacchi di panico possono provocare depressione, paura di morire o di perdere il controllo (es. preoccupazione di fare qualcosa di imbarazzante in pubblico). Possono subentrare anche sensazioni di stordimento e distacco dal mondo esterno o un'alterata percezione di sé. Alcune crisi sono caratterizzate solo da alcuni di questi sintomi, così come gli attacchi di panico possono variare per frequenza e gravità. L'attacco di panico ha un esordio improvviso, raggiunge rapidamente il culmine entro 10 minuti e, di solito, si risolve nell'arco di alcuni minuti.

Sebbene siano estremamente spiacevoli, gli attacchi di panico non sono pericolosi dal punto di vista medico.

Attacchi di panico isolati non richiedono una terapia specifica. Se il disturbo segue un decorso cronico e altalenante, viene trattato con terapia farmacologica (antidepressivi o benzodiazepine), psicoterapia o entrambe.


Ultima modifica dell'articolo: 01/08/2016