Epatite: Scopri se Sei a Rischio

Categoria quiz Salute

Quiz

Le epatiti sono malattie che colpiscono il fegato, infiammandolo e danneggiandolo. Esistono vari tipi di epatite, classificabili in due gruppi: quello delle epatiti infettive (causate perlopiù da virus) e quello delle epatiti non infettive.
Attualmente si conoscono cinque principali tipi di virus che danno origine ad altrettante forme di epatite virale: l'epatite A, la B, la C, la D e la E. Nei paesi in via di sviluppo prevalgono le epatiti virali, mentre in Italia e nei Paesi industrializzati la causa più frequente di epatite è l'abuso di alcool, seguita dalle forme virali. Un fattore emergente che può causare epatite è la cosiddetta steatosi epatica, nota ai più come fegato grasso: a causa di eccessi alimentari, sovrappeso ed obesità il fegato si infarcisce di grasso e ciò può determinarne l'infiammazione.
Esistono poi delle forme di epatite infettive che derivano dall'infezione di altri microrganismi; si tratta comunque di malattie molto rare, perlopiù associate a gravi deficit immunitari. Inoltre, l'epatite può essere provocata dall'uso eccessivo di determinati farmaci, da intossicazioni o da alcuni tipi di malattie ereditarie o autoimmuni.
Il seguente test, tramite specifiche domande, indaga la presenza dei principali sintomi e fattori di rischio associati alle principali forme di epatite; analizzando le risposte fornite, restituisce una stima del tutto indicativa sul rischio individuale di epatite. Chiaramente, il test non ha alcuna finalità o valenza diagnostica; non può quindi essere utilizzato per la diagnosi di epatite, né tantomeno sostituirsi al parere medico.

Inizia il Quiz!

I. Il tuo peso corporeo è (se non sei sicuro della risposta, calcolo il tuo BMI nella pagina dedicata del sito):

II. Con quale frequenza consumi bevande alcoliche?

III. Nei giorni in cui bevi, quante bevande alcoliche consumi in media?

IV. Che tipo di bevande alcoliche consumi abitualmente?

V. Negli ultimi anni hai avuto rapporti sessuali di qualunque genere (orale, vaginale, anale, oro-anale ecc.) non protetti?

VI. Fai uso di droghe o l'hai fatto in passato?

VII. Hai usato lame di rasoio o spazzolini da denti in comune con altre persone?

VIII. Ti sei fatto incidere tatuaggi ?

IX. Hai effettuato viaggi in paesi di sviluppo?

X. Sei nato in paesi in via di sviluppo (es. Africa?)

XI. Sei stato sottoposto a trasfusioni di sangue o a trapianti d'organo prima del 1992?

XII. Ti capita spesso di accusare sintomi come nausea e mancanza di appetito?

XIII. Ti capita spesso di avvertire dolori addominali nella parte destra e alta (sopra l'ombelico) dell'addome?

XIV. Ti è capitato di notare un ingiallimento transitorio della cute o della sclera oculare (parte bianca degli occhi)?

XV. Da recenti analisi del sangue sono emersi valori elevati di transaminasi [AST (SGOT) e ALT (SGPT)]?

XVI. Soffri di Diabete?

Calcola risultato


Dall'analisi delle risposte fornite, la presenza di un'epatite sembra improbabile. Se sei preoccupato per la salute del tuo fegato, ti consigliamo comunque di rivolgerti al medico. Ti ricordiamo, infatti, che spesso l'epatite non presenta sintomi specifici, specie nella forma cronica. Nell'epatite acuta sono più comuni sintomi come spossatezza, nausea e dolori addominali (nella parte superiore destra dell'addome), ma anche in questo caso la condizione è spesso asintomatica. Purtroppo l'epatite può quindi manifestarsi in maniera "silenziosa", e danneggiare a poco a poco il fegato.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:
Dall'analisi delle risposte fornite, emergono alcuni sintomi e/o fattori di rischio tipici dell'epatite. Sembra quindi consigliabile un consulto medico per meglio valutare tale rischio e l'opportunità di sottoporti a specifici esami diagnostici o a vaccinazioni contro una o più epatiti virali.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:
Dall'analisi delle risposte fornite, emergono gravi sintomi e/o fattori di rischio per la presenza di una qualche forma di epatite. Se ancora non l'hai fatto, ti consigliamo caldamente di rivolgerti ad un medico per meglio valutare tale rischio, sottoporti a specifici esami diagnostici e valutare l'opportunità di vaccinazioni specifiche contro una o più epatiti virali.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:
Numero di Domande
Numero di Risposte Corrette
Numero di Risposte Parzialmente Corrette
Numero di Risposte Sbagliate
Senza risposta
Il tuo punteggio su

Cancella le risposte e ripeti il test

Dall'analisi delle risposte fornite, la presenza di un'epatite sembra improbabile. Se sei preoccupato per la salute del tuo fegato, ti consigliamo comunque di rivolgerti al medico. Ti ricordiamo, infatti, che spesso l'epatite non presenta sintomi specifici, specie nella forma cronica. Nell'epatite acuta sono più comuni sintomi come spossatezza, nausea e dolori addominali (nella parte superiore destra dell'addome), ma anche in questo caso la condizione è spesso asintomatica. Purtroppo l'epatite può quindi manifestarsi in maniera "silenziosa", e danneggiare a poco a poco il fegato.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:
Dall'analisi delle risposte fornite, emergono alcuni sintomi e/o fattori di rischio tipici dell'epatite. Sembra quindi consigliabile un consulto medico per meglio valutare tale rischio e l'opportunità di sottoporti a specifici esami diagnostici o a vaccinazioni contro una o più epatiti virali.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:
Dall'analisi delle risposte fornite, emergono gravi sintomi e/o fattori di rischio per la presenza di una qualche forma di epatite. Se ancora non l'hai fatto, ti consigliamo caldamente di rivolgerti ad un medico per meglio valutare tale rischio, sottoporti a specifici esami diagnostici e valutare l'opportunità di vaccinazioni specifiche contro una o più epatiti virali.
Per conoscere più da vicino l'epatite puoi consultare i seguenti articoli:

Cancella le risposte e ripeti il test

Prova altri Quiz!


Ultima modifica dell'articolo: 22/12/2015