Vit A N - Foglio Illustrativo

Principi attivi: Retinolo (Retinolo acetato)

VIT A N "25.000UI/100 g unguento oftalmico" tubo da 5 g

I foglietti illustrativi di Vit A N sono disponibili per le confezioni:

IndicazioniPerché si usa Vit A N? A cosa serve?

Categoria farmacoterapeutica: Eutrofico epiteliale. Antixeroftalmico.

Indicazioni

Blefariti, cheratocongiuntiviti linfatiche, xeroftalmia, cheratiti, ulcere corneali.

ControindicazioniQuando non dev'essere usato Vit A N?

Ipersensibilità verso qualsiasi componente del preparato.

Precauzioni per l'usoCosa serve sapere prima di prendere Vit A N?

Nessuna

InterazioniQuali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di Vit A N?

Nessuna

AvvertenzeÈ importante sapere che:

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini

Dose, Modo e Tempo di SomministrazioneCome usare Vit A N: Posologia

2-3 applicazioni al dì nel sacco congiuntivale, salvo diversa prescrizione medica.

Effetti IndesideratiQuali sono gli effetti collaterali di Vit A N?

In alcuni casi può essere avvertito un lieve e transitorio senso di bruciore oculare.

Scadenza e Conservazione

Attenzione: non utilizzare il medicinale dopo la data di scadenza indicata sulla confezione.

Si invita il paziente a comunicare al medico o al farmacista qualsiasi effetto indesiderato non descritto in questo foglietto illustrativo.

Confezione: Tubo da g 5.

 

Composizione

100 g contengono: Retinolo (come acetato) 25.000 U.I.

Eccipienti: p.Idrossibenzoato di metile; p. Idrossibenzoato di propile; Paraffina liquida; Vaselina bianca IMPORT-->



Fonte Foglietto Illustrativo: AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Contenuto pubblicato a Gennaio 2016. Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Per avere accesso alla versione più aggiornata, si consiglia l'accesso al sito web dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Disclaimer e informazioni utili.

Ulteriori informazioni su Vit A N sono disponibili nella scheda "Riassunto delle Caratteristiche".

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE

VITAN

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA

100 g contengono: Retinolo (come acetato) 25.000 U.I.

03.0 FORMA FARMACEUTICA

"25.000UI/100 g unguento oftalmico" tubo da 5 g

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE

04.1 Indicazioni terapeutiche

Blefariti. Cheratocongiuntiviti linfatiche. Xeroftalmia. Cheratiti. Ulcere corneali.


04.2 Posologia e modo di somministrazione

2-3 applicazioni al dì nel sacco congiuntivale, salvo diversa prescrizione medica.


04.3 Controindicazioni

Ipersensibilità individuale accertata verso qualsiasi componente del prodotto.


04.4 Avvertenze speciali e opportune precauzioni d'impiego

Nessuna.

Tenere il medicinale fuori dalla portata dei bambini.


04.5 Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione

Nessuna.


04.6 Gravidanza ed allattamento

Non sono note controindicazioni.


04.7 Effetti sulla capacita' di guidare veicoli e sull'uso di macchinari

Non sono descritti effetti.


04.8 Effetti indesiderati

In alcuni casi può essere avvertito un lieve e transitorio senso di bruciore oculare.


04.9 Sovradosaggio

Non sono mai state segnalate reazioni da iperdosaggio.

05.0 PROPRIETA' FARMACOLOGICHE

05.1 Proprieta' farmacodinamiche

La vitamina A è necessaria per la crescita e la normale differenziazione delle cellule epiteliali. Una sua carenza porta alla diminuzione del numero di cellule ed alla cheratinizzazione in tutti gli epiteli, compresi quelli corneali. In particolare in questo ultimo distretto, accanto alla tipica secchezza oculare (xeroftalmia), la carenza di Vitamina A può determinare gravi alterazioni a carico del parenchima corneale come cheratomalacia e ulcere corneali.


05.2 Proprieta' farmacocinetiche

Il retinolo somministrato topicamente nell'occhio del coniglio viene metabolizzato ad ac. retinoico, parte attiva della molecola di Vitamina A.


05.3 Dati preclinici di sicurezza

La tossicità della Vitamina A è molto bassa, o praticamente nulla. Nell'uomo i primi segni di tossicità, in seguito a somministrazione acuta per via orale o parenterale, si osservano per dosi 10.000 volte superiori (15 g) a quelle che costituiscono il normale fabbisogno giornaliero (5000 U.I.). Nei trattamenti protratti si sono osservati segni di tossicità per dosi 1000 volte superiori (5.000.000 U.I.) di quanto necessario giornalmente in condizioni fisiologiche. Non sono stati descritti né in farmacologia animale, nè in quella clinica, fenomeni tossici in seguito a somministrazione locale protratta di Vitamina A

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE

06.1 Eccipienti

p.Idrossibenzoato di metile; p. Idrossibenzoato di propile; Paraffina liquida; Vaselina bianca


06.2 Incompatibilità

Non sono note incompatibilità con altri farmaci.


06.3 Periodo di validità

3 anni a confezionamento integro.


06.4 Speciali precauzioni per la conservazione

Nessuna.


06.5 Natura del confezionamento primario e contenuto della confezione

Tubo in alluminio verniciato da g 5.


06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione

Nessuna.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO

FARMIGEA ITALIA S.r.l., Centro Direzionale Milano Fiori Strada 4 SNC - 20090 Assago (MI)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO

A.I.C. n. 009896010

09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE O DEL RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE

08.04.1955 /01.06.10

10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO

Determinazione AIFA del 09 Aprile 2014

11.0 PER I RADIOFARMACI, DATI COMPLETI SULLA DOSIMETRIA INTERNA DELLA RADIAZIONE

12.0 PER I RADIOFARMACI, ULTERIORI ISTRUZIONI DETTAGLIATE SULLA PREPARAZIONE ESTEMPORANEA E SUL CONTROLLO DI QUALITÀ



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 07/12/2016

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?