Giasion - Foglio Illustrativo

Principi attivi: Cefditoren (pivoxil)

Giasion

GIASION 200 mg compresse rivestite con film

I foglietti illustrativi di Giasion sono disponibili per le confezioni:

IndicazioniPerché si usa Giasion? A cosa serve?

Giasion appartiene a un gruppo di antibiotici chiamati cefalosporine, che agisce inibendo la sintesi della parete cellulare dei batteri.

Giasion è utilizzato negli adulti per il trattamento delle seguenti infezioni:

ControindicazioniQuando non dev'essere usato Giasion?

Non prenda Giasion:

  • Se è allergico agli antibiotici, sostanzialmente alla penicillina o a un qualsiasi altro tipo di antibiotico beta-lattamico o ad uno qualsiasi degli altri componenti di questo medicinale (elencati al paragrafo 6).
  • Se è allergico alla caseina, consideri che questo medicinale contiene sodio caseinato.
  • Se soffre di una malattia indicata come carenza primaria di carnitina.

Precauzioni per l'usoCosa serve sapere prima di prendere Giasion?

Si rivolga al medico prima di prendere Giasion:

  • Se ha malattie del fegato e/o del rene.
  • Se è in terapia con anticoagulanti.
  • Se ha una precedente storia di malattia gastrointestinale, in particolare colite.
  • Se riceve contemporaneo trattamento con sostanze attive nefrotossiche come antibiotici aminoglicosidici o diuretici potenti (come la furosemide) poiché queste combinazioni possono avere effetti indesiderati sulla funzione renale e sono stati associati a ototossicità.

Consulti il medico se durante il trattamento va incontro a qualcuno dei seguenti effetti:

  • Se avverte una qualsiasi reazione allergica durante il trattamento come: prurito, arrossamento, eruzione cutanea, gonfiore, o difficoltà nella respirazione.
  • Se ha diarrea mentre sta assumento questo medicinale o una volta finito il trattamento.

InterazioniQuali farmaci o alimenti possono modificare l'effetto di Giasion?

Informi il medico o il farmacista se sta assumendo, ha recentemente assunto o potrebbe assumere qualsiasi altro medicinale.

Si raccomanda di lasciare un periodo di almeno 2 ore tra l'assunzione di antiacidi e Giasion.

Se Lei assume Giasion con probenecid i livelli del cefditoren nel sangue aumentano.

Si raccomanda di non prendere Giasion con famotidina per via endovenosa, dal momento che questa potrebbe rendere difficile il raggiungimento degli appropriati livelli plasmatici.

AvvertenzeÈ importante sapere che:

Come per altri antibiotici, il trattamento prolungato con Giasion può causare una crescita eccessiva di microrganismi non sensibili che potrebbe richiedere una sospensione del trattamento e la somministrazione di una terapia appropriata.

Il trattamento con Giasion può interferire con i risultati di alcuni test analitici, può dare falsi positivi in:

Un risultato falso negativo può evidenziarsi per:

Gravidanza e allattamento

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o al farmacista prima di prendere questo medicinale. Si raccomanda di non prendere Giasion durante la gravidanza, o durante l'allattamento.

Guida di veicoli e utilizzo di macchinari

Giasion può causare capogiri e sonnolenza che possono interferire sulla capacità di guidare veicoli o sull'uso di strumenti o macchinari.

Dosi e Modo d'usoCome usare Giasion: Posologia

Prenda questo medicinale seguendo sempre esattamente le istruzioni del medico. Se ha dubbi consulti il medico o il farmacista. Non dimentichi di prendere il suo medicinale. Il medico le indicherà la durata del ciclo di trattamento con Giasion.

Le compresse devono essere inghiottite intere, con una quantità sufficiente di acqua (un bicchiere di acqua). Le compresse devono essere assunte durante i pasti.

La dose raccomandata e la frequenza della somministrazione di questo medicinale è indicata di seguito:

Adulti e adolescenti (sopra i 12 anni)

  • Faringo-tonsillite acuta: 1 compressa (200 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 10 giorni.
  • Sinusite mascellare acuta: 1 compressa (200 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 10 giorni.
  • Esacerbazione acuta della bronchite cronica: 1 compressa (200 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 5 giorni.
  • Polmonite acquisita in comunità:
    • in casi lievi: 1 compressa (200 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 14 giorni
    • in casi moderati: 2 compresse (400 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 14 giorni
  • Infezioni non complicate della pelle o delle strutture della pelle: 1 compressa (200 mg di cefditoren) ogni 12 ore per 10 giorni.

Uso nei bambini

L'uso di Giasion non è stato studiato in pazienti sotto i 12 anni di età, pertanto l'uso non è indicato.

Anziani

Negli anziani non è necessario aggiustare la dose, se non nel caso di grave insufficienza renale e/o epatica.

Pazienti con insufficienza renale

Non è necessario un aggiustamento della dose per pazienti con insufficienza renale lieve.

In pazienti con insufficienza renale moderata, la dose totale giornaliera non deve superare la dose di una compressa (200 mg di cefditoren) ogni dodici ore. In pazienti con grave insufficienza renale, si raccomanda una singola dose di 1 compressa (200 mg di cefditoren) al giorno. La dose raccomandata non è stata stabilita in pazienti sottoposti a dialisi.

Pazienti con insufficienza epatica

Non sono necessari aggiustamenti della dose nei pazienti con insufficienza epatica da lieve a moderata. In caso di grave insufficienza epatica non sono disponibili dati che permettano di stabilire una dose raccomandata.

Se dimentica di prendere Giasion

Se dimentica di prendere una dose, prenda la successiva il prima possibile e poi continui come di consueto secondo il piano terapeutico. Non prenda una dose doppia per compensare la dimenticanza della dose individuale.

Se interrompe il trattamento con Giasion

Completi l'intero ciclo di trattamento dal momento che vi è il rischio che la malattia si ripresenti.

SovradosaggioCosa fare se avete preso una dose eccessiva di Giasion

Se prende più Giasion di quanto le è stato raccomandato, informi immediatamente il medico o il farmacista.

Effetti IndesideratiQuali sono gli effetti collaterali di Giasion?

Come tutti i medicinali, questo medicinale può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino. Gli effetti indesiderati che possono verificarsi sono principalmente a carico dell'apparato gastrointestinale.

Molto comune (più di un utilizzatore su 10): diarrea.

Comune (da 1 a 10 utilizzatori su 100): mal di testa, nausea, dolore addominale, senso di cattiva digestione , infezione vaginale.

Non comune (da 1 a 10 utilizzatori su 1000):

Raro (da 1 a 10 utilizzatori su 10.000):

Non noto

Segnalazione degli effetti indesiderati

Se manifesta un qualsiasi effetto indesiderato, compresi quelli non elencati in questo foglio, si rivolga al medico o al farmacista. Lei può inoltre segnalare gli effetti indesiderati direttamente tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo: www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili. Segnalando gli effetti indesiderati lei può contribuire a fornire maggiori informazioni sulla sicurezza di questo medicinale.

Scadenza e Conservazione

Conservi questo medicinale fuori dalla vista e dalla portata dei bambini.

Conservare nella confezione originale.

Non conservare a temperatura superiore a 30°C.

Non usi questo medicinale dopo la data di scadenza che è riportata sulla scatola. La data di scadenza si riferisce all'ultimo giorno di quel mese.

Non getti alcun medicinale nell'acqua di scarico e nei rifiuti domestici. Chieda al farmacista come eliminare i medicinali che non utilizza più. Questo aiuterà a proteggere l'ambiente.

Altre informazioni

Cosa contiene Giasion 200 mg compresse rivestite con film

  • Il principio attivo è cefditoren. Ogni compressa contiene 200 mg di cefditoren (come cefditoren pivoxil).
  • Gli altri componenti sono

Descrizione dell'aspetto di Giasion e contenuto della confezione

Giasion 200 mg sono compresse rivestite con film. Ogni confezione contiene 16, 20 o 500 compresse.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.


Fonte Foglietto Illustrativo: AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Contenuto pubblicato a Gennaio 2016. Le informazioni presenti possono non risultare essere aggiornate. Per avere accesso alla versione più aggiornata, si consiglia l'accesso al sito web dell'AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco). Disclaimer e informazioni utili.

Ulteriori informazioni su Giasion sono disponibili nella scheda "Riassunto delle Caratteristiche".

01.0 DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE - 

GIASION COMPRESSE RIVESTITE CON FILM

02.0 COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA - 

Giasion 200 mg compresse rivestite con film.

Ciascuna compressa rivestita con film contiene 200 mg di cefditoren equivalente a 245,1 mg di cefditoren pivoxil.

Giasion 400 mg compresse rivestite con film.

Ciascuna compressa rivestita con film contiene 400 mg di cefditoren equivalente a 490,2 mg di cefditoren pivoxil.

Eccipiente con effetti noti: 26.2 mg di sodio per compressa

Per l'elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

03.0 FORMA FARMACEUTICA - 

Compresse rivestite con film.

Compresse di forma ellittica di colore bianco con impresso su di un lato il logo "TMF" di colore blu.

04.0 INFORMAZIONI CLINICHE - 

04.1 Indicazioni terapeutiche - 

Giasion è indicato nel trattamento delle seguenti infezioni causate da microrganismi sensibili:

(vedere paragrafo 5.1 Proprietà Farmacodinamiche):

• Faringo-tonsillite acuta

Sinusite mascellare acuta

• Esacerbazione acuta della bronchite cronica

Polmonite acquisita in comunità, da lieve a moderata

• Infezioni non complicate della pelle e delle strutture della pelle, come cellulite, ferite infette, ascessi, follicolite, impetigine e foruncoli.

È necessario tenere in considerazione le linee guida ufficiali relative all'utilizzo appropriato degli agenti antibatterici.

04.2 Posologia e modo di somministrazione - 

La dose raccomandata dipende dalla gravità dell'infezione, dalla condizione del paziente e dai microrganismi potenzialmente coinvolti.

Posologia

Adulti e adolescenti (sopra i 12 anni di età)

• Faringo-tonsillite acuta: 200 mg di cefditoren ogni 12 ore per 10 giorni.

• Sinusite mascellare acuta: 200 mg di cefditoren ogni 12 ore per 10 giorni.

• Esacerbazione acuta della bronchite cronica: 200 mg di cefditoren ogni 12 ore per 5 giorni

• Polmonite acquisita in comunità:

- In casi lievi: 200 mg di cefditoren ogni 12 ore per 14 giorni

- In casi moderati: 400 mg di cefditoren ogni 12 ore per 14 giorni.

• Infezioni non complicate della pelle e delle strutture della pelle: 200 mg di cefditoren ogni 12 ore per 10 giorni.

Popolazione pediatrica

Giasion non è raccomandato per l'uso nei bambini sotto i 12 anni. L'esperienza nei bambini è limitata.

Anziani

Negli anziani non è necessario aggiustare la dose se non in caso di grave insufficienza renale e/o epatica.

Insufficienza renale

Non è necessario un aggiustamento della dose per pazienti con insufficienza renale lieve. In pazienti con insufficienza renale moderata (clearance della creatinina 30-50 ml/min), la dose totale giornaliera non deve superare i 200 mg di cefditoren ogni 12 ore. In pazienti con grave insufficienza renale (clearance della creatinina <30 ml/min) si raccomanda una singola dose di 200 mg di cefditoren una volta al giorno. La dose raccomandata non è stata determinata in pazienti sottoposti a dialisi (vedere paragrafi 4.4. Avvertenze speciali e precauzioni di impiego e 5.2 Proprietà farmacocinetiche).

Insufficienza epatica

Non sono necessari aggiustamenti della dose nei pazienti con insufficienza epatica da lieve (Child-Pugh A) a moderata (Child-Pugh B). In caso di grave insufficienza epatica (Child-Pugh C) non sono disponibili dati che permettano di stabilire una dose raccomandata (vedere paragrafo 5.2 Proprietà farmacocinetiche).

Metodo di somministrazione

Le compresse devono essere inghiottite intere con una quantità di acqua sufficiente. Le compresse devono essere assunte durante i pasti.

04.3 Controindicazioni - 

• Ipersensibilità al principio attivo, a una qualsiasi altra cefalosporina o ad uno qualsiasi degli eccipienti elencati al paragrafo 6.1. Per pazienti che sono ipersensibili alla caseina bisogna sottolineare che il prodotto contiene sodio caseinato.

• Precedente reazione di ipersensibilità immediata e/o grave alla penicillina o ad un altro tipo di principio attivo beta-lattamico.

• Come per altri composti che producono pivalato, cefditoren pivoxil è controindicato in casi di carenza di carnitina primaria.

04.4 Avvertenze speciali e opportune precauzioni d'impiego - 

Prima di iniziare la terapia con Giasion, deve essere fatta un'indagine accurata per determinare se il paziente ha avuto precedenti reazioni di ipersensibilità al cefditoren, alle cefalosporine, alle penicilline, o ad altri principi attivi beta-lattamici.

Il cefditoren deve essere somministrato con cautela in pazienti che hanno avuto ogni altro tipo di reazione di ipersensibilità alla penicillina o a un qualsiasi altro principio attivo beta-lattamico.

Diarrea associata all'uso di antibiotico, colite e colite pseudomembranosa sono state tutte segnalate associate all'uso di cefditoren. Queste diagnosi devono essere prese in considerazione in qualsiasi paziente che sviluppa diarrea durante o poco dopo il trattamento. Il cefditoren deve essere interrotto se durante il trattamento si manifesta diarrea grave e/o con presenza di sangue e deve essere attuata l'appropriata terapia.

Il cefditoren deve essere usato con cautela in persone con precedenti di malattie gastrointestinali, in particolare la colite.

In pazienti con insufficienza renale da moderata a grave, la velocità e il grado dell'esposizione al cefditoren è aumentata (vedere paragrafo 5.2 Proprietà farmacocinetiche). Per questa ragione, la dose totale giornaliera deve essere ridotta quando si somministra cefditoren a pazienti con insufficienza renale acuta o cronica da moderata a grave per evitare potenziali conseguenze cliniche, come convulsioni (vedere paragrafo 4.2 Posologia e modo di somministrazione).

Le cefalosporine devono essere somministrate con cautela in pazienti che ricevono un trattamento concomitante con principi attivi nefrotossici come antibiotici aminoglicosidici o diuretici potenti (come la furosemide) dal momento che queste associazioni possono avere effetti indesiderati sulla funzione renale e sono stati associati a ototossicità.

L'uso prolungato di cefditoren può causare una crescita eccessiva di organismi non sensibili come enterococchi e Candida spp.

Durante il trattamento con cefalosporine si può verificare una diminuzione dell'attività protrombinica. Pertanto in pazienti a rischio come nei pazienti con insufficienza epatica o renale o pazienti trattati con anticoagulanti, bisogna tenere sotto controllo il tempo di protrombina.

La somministrazione di profarmaci di tipo pivalato è stata associata a una diminuzione delle concentrazioni di carnitina nel plasma. Tuttavia gli studi clinici hanno portato a concludere che alla somministrazione di cefditoren pivoxil non sono stati associati effetti clinici della diminuzione di carnitina.

Giasion 400 mg compresse rivestite con film contiene 1,14 mmoli (circa 26,2 mg) di sodio per dose. Questo deve essere tenuto in considerazione dai pazienti sottoposti ad una dieta con sodio controllato.

04.5 Interazioni con altri medicinali e altre forme di interazione - 

Antiacidi

La somministrazione contemporanea di antiacidi contenenti magnesio e alluminio idrossido e cefditoren pivoxil in presenza di cibo ha provocato una diminuzione della Cmax e dell'AUC del cefditoren rispettivamente del 14% e dell'11%. Si raccomanda che vi sia un intervallo di due ore tra la somministrazione di antiacidi e cefditoren pivoxil.

Antagonisti dei recettori H2

La somministrazione contemporanea di famotidina per via endovenosa e cefditoren pivoxil per via orale ha provocato una diminuzione della Cmaxe dell'AUC del cefditoren rispettivamente del 27% e del 22%.

Pertanto è sconsigliato l'uso concomitante di cefditoren pivoxil con antagonisti dei recettori H2.

Probenecid

La somministrazione contemporanea di probenecid e cefditoren pivoxil riduce l'escrezione renale di cefditoren, determinando un aumento del 49% della Cmax, del 122% dell'AUC e un aumento del 53% dell'emivita di eliminazione.

Contraccettivi orali

La somministrazione di cefditoren pivoxil non ha alterato le proprietà farmacocinetiche del contraccettivo orale etinilestradiolo. Cefditoren pivoxil può essere preso in concomitanza con contraccettivi orali in associazione contenenti etinilestradiolo.

Interazioni tra medicinali ed esami di laboratorio

• Le cefalosporine possono dare un falso positivo nel test di Coombs diretto, che può interferire con il test dell'agglutinazione crociata del sangue.

• Si possono avere falsi positivi all'esame del glucosio nelle urine con il test di riduzione del rame, ma non nel test enzimatico.

• Dal momento che possono dare un risultato di falso negativo nel test del ferrocianuro per la determinazione del glucosio nel plasma o nel sangue, in pazienti che ricevono cefditoren pivoxil si consiglia di utilizzare sia il metodo del glucosio ossidasi che quello dell'esochinasi per determinare i livelli di glucosio nel plasma/sangue.

04.6 Gravidanza ed allattamento - 

Gravidanza

Gli studi su animali non indicano effetti dannosi diretti o indiretti su gravidanza, sviluppo embrionale/fetale, parto o sviluppo post-natale (vedere 5.3). Non ci sono dati adeguati dall'uso di cefditoren pivoxil in donne in gravidanza.

Allattamento

Sono disponibili prove insufficienti sulla possibilità della presenza di cefditoren nel latte materno.

Pertanto si sconsiglia la somministrazione di Giasion durante l'allattamento.

04.7 Effetti sulla capacita' di guidare veicoli e sull'uso di macchinari - 

Giasion ha influenza scarsa o moderata sulla capacità di guidare veicoli e utilizzare macchinari. Il cefditoren pivoxil può causare capogiri e sonnolenza (vedere paragrafo 4.8)

04.8 Effetti indesiderati - 

Negli studi clinici circa 6000 pazienti hanno ricevuto cefditoren alla dose sia di 200 mg che 400 mg due volte al giorno per 14 giorni. Circa il 24% dei pazienti ha riportato almeno una reazione avversa.

L'interruzione del trattamento come conseguenza di reazioni avverse si è verificata nel 2,6% dei pazienti.

I più comuni effetti avversi che si sono verificati erano a carico dell'apparato gastrointestinale.

Nella maggior parte degli studi, la diarrea si è manifestata in più del 10% del totale dei pazienti e si è manifestata più frequentemente con 400 mg che con 200 mg due volte al giorno. Le reazioni avverse osservate, evidenziatesi sia durante gli studi clinici sia l'esperienza post-marketing, sono descritte di seguito:

Entro ciascun gruppo di frequenza, gli effetti indesiderati sono presentati in ordine decrescente di gravità.

Classificazione per sistemi e organi Reazioni avversemolto comuni(≥1/10) Reazioni avversecomuni(≥1/100, <1/10) Reazioni avverse non comuni (≥1/1000, <1/100) Reazioni avverse rare (≥1/10000, <1/1000) Non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili)
Esami diagnostici     Leucopenia, aumento dell'alanina aminotrasferasi ALT Allungamento nei tempi di coagulazione, aumento dell'aspartato aminotrasferasi AST, aumentata fosfatasi alcalina, albuminuria, diminuzione del tempo di tromboplastina, aumento dell'LDH, e aumentata creatinina. Diminuita carnitina sierica.
Patologie cardiache       Fibrillazione atriale, insufficienza cardiaca, sincope, tachicardia, extrasistole ventricolare  
Patologie del sistema emolinfopoietico     Trombocitemia, leucopenia Eosinofilia, neutropenia, trombocitopenia, Anemia emolitica, linfoadenopatia Agranulocitosi
Patologie del sistema nervoso   Cefalea Nervosismo, capogiri, insonnia, sonnolenza, disturbi del sonno Amnesia, mancanza di coordinazione, ipertonia, meningite, tremore.  
Patologie dell'occhio       ambliopia, disturbi oculari, dolori oculari, blefarite  
Patologie dell'orecchio e del labirinto       Tinnito  
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche     Faringite, rinite, sinusite Asma Polmonite eosinofila polmonite interstiziale
Patologie gastrointestinali Diarrea Nausea, dolore addominale, dispepsia Costipazione, flatulenza, vomito, candidosi orale, eruttazione, bocca secca, disgeusia Stomatite, ulcere alla bocca, colite emorragica, colite ulcerosa, emorragia gastrointestinale, glossite, singhiozzo, scolorimento della lingua  
Patologie renali e urinarie       Disuria, dolore delle cavità renali, nefrite, nicturia, poliuria, incontinenza, albuminuria Insufficienza renale acuta
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo     Rash, prurito, orticaria Acne, alopecia, eczema, dermatite esfoliativa, herpes simplex, reazione di fotosensibilità Sindrome di Stevens Johnson, eritema multiforme, necrolisi epidermica tossica
Patologie del sistema muscoloscheletrico e del tessuto connettivo       Mialgia  
Disturbi del metabolismo e della nutrizione     Anoressia Disidratazione, iperglicemia, ipokaliemia, ipoproteinemia  
Infezioni ed infestazioni   Candidiasi vaginale Infezione fungina Infezione del tratto urinario, colite da Clostridium difficile  
Patologie vascolari       Ipotensione posturale  
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione     Febbre, astenia, dolore, sudorazione Cattivo odore corporeo, brividi  
Disturbi del sistema immunitario         Shock anafilattico, malattia da siero
Patologie epatobiliari     Funzione epatica anormale Bilirubinemia Danno epatico, epatiti
Patologie dell'apparato riproduttivo e della mammella     Vaginite, leucorrea Mastalgia, disturbi del ciclo mestruale, metrorragia, disfunzione erettile  
Disturbi psichiatrici       Demenza, spersonalizzazione, debolezza emotiva, euforia, allucinazioni, disturbi del pensiero, aumento della libido  

Dato che sono state osservate con altre cefalosporine, possono comparire le seguenti reazioni avverse: colestasi e anemia aplastica.

Segnalazione delle reazioni avverse sospette

La segnalazione delle reazioni avverse sospette che si verificano dopo l'autorizzazione del medicinale è importante, in quanto permette un monitoraggio continuo del rapporto beneficio/rischio del medicinale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi reazione avversa sospetta tramite il sistema nazionale di segnalazione all'indirizzo www.agenziafarmaco.gov.it/it/responsabili.

04.9 Sovradosaggio - 

Non è stato riportato alcun caso di sovradosaggio.

I sintomi di sovradosaggio riportati per altre cefalosporine sono irritazione cerebrale che porta convulsioni. In caso di sovradosaggio, bisogna attuare una lavanda gastrica. Il paziente deve essere strettamente monitorato e deve essere trattato con un corretto trattamento sintomatico e di supporto.

Il cefditoren pivoxil può essere parzialmente eliminato attraverso l'emodialisi.

05.0 PROPRIETÀ FARMACOLOGICHE - 

05.1 Proprieta' farmacodinamiche - 

Categoria farmacoterapeutica

Cefalosporine di terza generazione.

Codice ATC: J01DD16.

Meccanismo di azione

Il cefditoren esercita la sua azione antibatterica inibendo la sintesi della parete cellulare batterica grazie alla sua affinità per le proteine che legano la penicillina (PBPs).

Meccanismi di resistenza

La resistenza batterica al cefditoren può essere dovuta a uno o più dei seguenti meccanismi:

• Idrolisi da parte di beta-lattamasi. Il cefditoren può essere efficacemente idrolizzato da alcune beta-lattamasi ad ampio spettro (ESBLs) e da enzimi codificati cromosomicamente (famiglia AmpC) che in alcune specie di batteri aerobi gram-negativi possono essere indotti o stabilmente non espressi.

• Ridotta affinità del cefditoren per le proteine che legano la penicillina.

• Impermeabilità della membrana esterna, che limita l'accesso del cefditoren alle proteine che legano la penicillina negli organismi gram-negativi.

• Pompe di efflusso del principio attivo.

Più di uno di questi meccanismi di resistenza può coesistere in una singola cellula batterica. In base al/ai meccanismo/i presente/i, i batteri possono dare resistenza crociata ad alcuni o tutti gli altri principi attivi beta-lattamici e/o antibatterici di altre famiglie.

I microrganismi gram-negativi che producono beta-lattamasi inducibili codificate cromosomicamente, come Enterobacter spp.Serrantia spp., Citrobacter spp. e Providentia spp., dovrebbero essere considerati resistenti al cefditoren malgrado l'apparente suscettibilità in vitro.

Limiti di suscettibilità

I valori limite di MIC raccomandati per il cefditoren che permettono di distinguere i microrganismi sensibili da microrganismi che hanno sensibilità intermedia, e i microrganismi con sensibilità intermedia dai microrganismi resistenti sono: sensibile ≤0,5 mcg/ml, resistente ≥2 mcg/ml (o >1 mcg/ml secondo criteri recenti).

La prevalenza di resistenza acquisita può variare geograficamente e con il tempo per specie selezionate ed è preferibile avere informazioni locali sulla resistenza, in particolare quando si trattano infezioni gravi. Se necessario, dovrebbe essere chiesto consiglio agli esperti quando la grande diffusione di resistenza locale è tale da rendere di dubbia utilità l'uso dell'agente in almeno alcuni tipi di infezioni.

Specie comunemente sensibili
Batteri aerobi Gram-positivi:
Streptococchi C e G
Staphylococcus aureus sensibile alla meticillina *
Streptococcus agalactiae
Streptococcus pneumoniae * §
Streptococcus pyogenes *
Batteri aerobi Gram-negativi:
Haemophilus influenzae *
Moraxella catarrhalis *
Batteri anaerobi:
Clostridium perfringes
Peptostreptococcus spp.
Organismi con resistenza intrinseca
Batteri aerobi Gram-positivi:
Enterococcus spp.
Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA)+
Batteri aerobi Gram-negativi:
Acinetobacter baumanii
Pseudomonas aeruginosa
Batteri anaerobi:
Bacteroides fragilis
Clostridium difficile
Altri:
Chlamydia spp.
Mycoplasma
Legionella spp.

+ MRSA hanno acquisito resistenza alle cefalosporine ma sono inclusi qui per comodità

* L'efficacia clinica è stata dimostrata per microrganismi sensibili nelle indicazioni cliniche approvate.

§Alcuni ceppi che mostrano un alto livello di resistenza alla penicillina possono mostrare una diminuita sensibilità al cefditoren. I ceppi resistenti a cefotaxima e ceftriaxone non devono essere considerati sensibili.

05.2 Proprieta' farmacocinetiche - 

Assorbimento

In seguito a somministrazione orale, il cefditoren pivoxil è assorbito nel tratto gastrointestinale ed è idrolizzato a cefditoren per azione delle esterasi. La biodisponibilità assoluta del cefditoren somministrato per via orale è circa del 15-20%.

La presenza di cibo nel tratto gastrointestinale aumenta l'assorbimento del cefditoren pivoxil, con la Cmax e l'AUC circa il 50% e il 70% più elevati rispetto ai valori misurati a digiuno.

Una dose di 200 mg somministrata con il cibo determina una Cmax media di 2,6 mcg/ml dopo circa 2,5 ore, mentre una dose di 400 mg dà un valore medio della Cmax di 4,1 mcg/ml, all'incirca nello stesso periodo di tempo.

Distribuzione

Il cefditoren si lega alle proteine plasmatiche per l'88%.

Il volume di distribuzione allo stato stazionario non è significativamente diverso da quello calcolato dopo la somministrazione di una singola dose ed è relativamente indipendente dalla dose somministrata (40 - 65 litri).

In seguito alla somministrazione di una dose singola di 400 mg, la penetrazione nella mucosa bronchiale e nelle secrezioni bronchiali è stata rispettivamente del 60% e del 20% della concentrazione plasmatica. Dopo la stessa dose le concentrazioni di cefditoren nel fluido delle bolle cutanee raggiungono il 40% e il 56% dell'AUC plasmatica rispettivamente dopo 8 e 12 ore.

Biotrasformazione/eliminazione

In seguito a somministrazione di dose multipla, i parametri farmacocinetici sono risultati simili a quelli ottenuti dopo la somministrazione di una dose singola, senza che sia stato osservato accumulo.

Fino al 18% della dose somministrata di cefditoren si recupera attraverso l'escrezione urinaria senza essere metabolizzato.

L'emivita di eliminazione plasmatica del cefditoren è 1-1,5 ore. La clearance totale aggiustata rispetto alla biodisponibilità è di circa 25-30 l/h, mentre la clearance renale è di circa 80-90 ml/min. Studi con il cefditoren marcato in volontari sani suggeriscono che la frazione non assorbita è eliminata nelle feci, mentre la maggior parte del cefditoren somministrato compare come metaboliti inattivi. Il cefditoren pivoxil non è rilevato né nelle feci né nell'urina. La porzione di pivalato è eliminata attraverso l'escrezione renale, come pivaloilcarnitina coniugato.

Popolazioni speciali

Sesso

La farmacocinetica del cefditoren pivoxil non mostra significative differenze cliniche tra maschi e femmine.

Anziani

I livelli plasmatici di cefditoren nei soggetti anziani (sopra i 65 anni di età) mostrano la Cmax e l'AUC rispettivamente di circa il 26% e il 33% più alte dei soggetti adulti più giovani. Comunque non è necessario l'aggiustamento della dose eccetto nei casi di insufficienza epatica e/o renale in stadio avanzato.

Insufficienza renale

Dopo la somministrazione di dosi ripetute di cefditoren pivoxil 400 mg in pazienti con insufficienza renale da moderata a severa, il valore di Cmax è stato due volte e quello dell'AUC da 2,5 a 3 volte quello osservato in volontari sani (vedere paragrafo 4.2 Posologia e modo di somministrazione). Non ci sono dati disponibili per pazienti sottoposti a dialisi.

Insufficienza epatica

Nell'insufficienza epatica da lieve (Child-Pugh A) a moderata (Child-Pugh B) dosi ripetute di cefditoren pivoxil 400 mg hanno dato un leggero aumento dei parametri farmacocinetici, confrontati con quelli di soggetti normali. Non sono disponibili dati in pazienti con grave insufficienza epatica (Child-Pugh C) (vedere paragrafo 4.2 Posologia e Modo di somministrazione).

Relazioni farmacocinetiche/farmacodinamiche

Con una dose di 200 mg due volte al giorno, le concentrazioni plasmatiche superano la concentrazione minima inibente (MIC90) di Moraxella catarrhalis, Haemophilus influenzae, Streptococcus pyogenes e ceppi di Streptococcus pneumoniae sensibile alla penicillina per almeno il 50% dell'intervallo fra le somministrazioni.

La dose di 400 mg due volte al giorno, determina inoltre un tempo al di sopra della concentrazione minima inibente che è sufficiente per superare la MIC90 dello Streptococcus pneumoniae resistente alla penicillina.

05.3 Dati preclinici di sicurezza - 

I dati non clinici non rilevano particolare rischio per l'uomo in base agli studi convenzionali di farmacologia, tossicità a dose ripetuta, genotossicità e tossicità della riproduzione.

Non sono stati eseguiti studi per valutare il potenziale carcinogeno di cefditoren pivoxil.

06.0 INFORMAZIONI FARMACEUTICHE - 

06.1 Eccipienti - 

Nucleo:

Sodio caseinato

Croscarmellosa sodica

Mannitolo E421

Sodio tripolifosfato

Magnesio stearato

Rivestimento della compressa:

Opadry Y-1-7000 contenente: Ipromellosa

Titanio biossido E 171

Macrogol 400

Cera carnauba

Inchiostro OPACODE S-1-20986 blu contenente:

Shellac

Lacca blu brillante

Titanio biossido E 171

Glicol propilenico

Soluzione concentrata di ammoniaca

06.2 Incompatibilita' - 

Non pertinente.

06.3 Periodo di validita' - 

3 anni.

06.4 Speciali precauzioni per la conservazione - 

Non conservare a temperatura superiore a 30° C. Conservare nella confezione originale.

06.5 Natura del confezionamento primario e contenuto della confezione - 

Blister perforati per ciascuna dose con copertura di alluminio/polivinilcloruro (PVC) e PVC/alluminio/PA laminato.

Una confezione di Giasion 200 mg contiene 16, 20 o 500 compresse rivestite con film. Una confezione di Giasion 400 mg contiene 10 o 500 compresse rivestite con film.

È possibile che non tutte le confezioni siano commercializzate.

06.6 Istruzioni per l'uso e la manipolazione - 

Nessuna istruzione particolare.

07.0 TITOLARE DELL'AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - 

ZAMBON ITALIA s.r.l.

Via Lillo del Duca 10

20091 BRESSO (MI)

08.0 NUMERO DI AUTORIZZAZIONE ALL'IMMISSIONE IN COMMERCIO - 

200 mg compresse rivestite con film 16 compresse - AIC n. 037146014

200 mg compresse rivestite con film 20 compresse - AIC n. 037146026

200 mg compresse rivestite con film 500 compresse - AIC n. 037146038

400 mg compresse rivestite con film 10 compresse - AIC n. 037146040

400 mg compresse rivestite con film 500 compresse - AIC n. 037146053

09.0 DATA DELLA PRIMA AUTORIZZAZIONE O DEL RINNOVO DELL'AUTORIZZAZIONE - 

Prima autorizzazione: 13 novembre 2007

Rinnovo: 22 marzo 2009

10.0 DATA DI REVISIONE DEL TESTO - 

06 Ottobre 2015

11.0 PER I RADIOFARMACI, DATI COMPLETI SULLA DOSIMETRIA INTERNA DELLA RADIAZIONE - 

12.0 PER I RADIOFARMACI, ULTERIORI ISTRUZIONI DETTAGLIATE SULLA PREPARAZIONE ESTEMPORANEA E SUL CONTROLLO DI QUALITÀ - 




Ultima modifica dell'articolo: 11/01/2017