Rematore alla dorsy bar

A Cura del Dr. Massimo Bonazzelli ThreeEquilibrium

Sinonimi

L'esercizio Rematore alla dorsy bar è noto anche come Dorsy bar rower, T bar rower, Rematore alla barra T, Rematore alla T-bar.

Tipo di Esercizio

Rematore alla dorsy bar è un esercizio Multiarticolare/accessorio


VARIANTI: Rematore con bilanciere a presa supina, Rematore al pulley orizzontale con maniglia a presa stretta, Rematore alla dorsy bar, Rematore con manubrio, Rematore con bilanciere a presa prona, Rematore al pulley orizzontale a presa prona.

Rematore alla dorsy bar: Esecuzione

La posizione di partenza vede l'atleta in piedi sulla pedana della Dorsy bar con la schiena nella sua posizione di forza, ma con le scapole abdotte; le anche sono flesse a formare un angolo variabile a seconda della zona in cui si vuole concentrare lo sforzo. Le ginocchia sono semiflesse e la distanza tra i piedi è pari o leggermente superiore a quella tra le spalle. L'impugnatura può essere: 1) Supina con le mani poste ad una distanza pari a quella tra le spalle; 2) Neutra/prona sulle apposite maniglie; 3) Prona con le mani poste sulla barra ad una distanza superiore a quella tra le spalle. L'esecuzione consiste nel tirare la barra verso il torace attraverso un'adduzione/elevazione (varianti 1 e 2) o da un'adduzione (variante 3) scapolare prima, poi un'estensione (variante 1), o un'estensione/estensione trasversale (variante 2), o un'estensione trasversale (variante 3) accompagnata da una contemporanea flessione del gomito. Il tutto senza modificare l'inclinazione del busto e senza modificare l'angolo delle ginocchia. In questo esercizio è possibile usare la tecnica del cheating con delle piccole estensioni delle ginocchia che possono essere accompagnate da leggere estensioni delle anche. In ogni caso la schiena deve rimanere nella sua posizione di forza.

Quando esegui l'esercizio Rematore alla dorsy bar ricorda sempre di

La schiena deve rimanere sempre nella sua posizione di forza anche quando si usa la tecnica del cheating. I polsi non devono flettersi per riuscire a toccare la barra al petto. Con una presa neutra/neutra supina i principali flessori del gomito diventano bicipite brachiale ed il brachioradiale, mentre con una presa prona e mani a distanza superiore a quella tra le spalle, si sposta il piano del movimento da flessione della spalla a flessione trasversale della spalla, scaricando cos? in parte il gran dorsale e spostando lo sforzo su sottospinato e piccolo rotondo in qualità di estensori trasversali della spalla. Inoltre con questa presa la contrazione del bicipite brachiale non è completa, mentre il brachiale si trova in posizione di vantaggio meccanico. Si riducono anche significativamente fino ad eliminare, con il progressivo allargamento della presa, l'estensione sagittale della spalla e l'elevazione scapolare. In tutte e tre le varianti, se la spalla si iperestende, ovvero se i gomiti arrivano più indietro del piano su cui giace il busto, il carico di lavoro a livello della spalla si concentra sul deltoide posteriore.

Muscoli coinvolti nell'esercizio "Rematore alla dorsy bar"

Gruppo 1:

Gran dorsale, Grande rotondo, Deltoide posteriore, Fasci inferiori del gran pettorale, Capo lungo del tricipite brachiale.

Azione:Estensione spalla

Gruppo 2:

Brachioradiale, Brachiale, Bicipite brachiale.

Azione:Flessione gomito

Gruppo 3:

Fasci intermedi del trapezio, Fasci inferiori del trapezio, Romboide.

Azione:Adduzione scapolare

Gruppo 4:

Fasci superiori del trapezio, Elevatore della scapola, Fasci superiori del gran dentato toracico.

Azione:Elevazione scapolare

Gruppo 5:

Deltoide laterale, Sottospinato, Piccolo rotondo.

Azione:Estensione trasversale della spalla (varianti 3 e in minor misura 2)


Funzione dei muscoli stabilizzatori: Stabilità della spalla, della scapola, del gomito,della presa, del busto, dell’anca, del ginocchio e della caviglia

Allenati a Casa con i nostri Workout