Iperestensioni inverse

A Cura del Dr. Massimo Bonazzelli ThreeEquilibrium

Sinonimi

L'esercizio Iperestensioni inverse è noto anche come Reverse hyperextension.

Tipo di Esercizio

Iperestensioni inverse è un esercizio Multiarticolare/accessorio


VARIANTI: Iperestensioni.

Iperestensioni inverse: Esecuzione

La posizione di partenza vede l'atleta sdraiato in posizione prona su una panca con la quale è a contatto a livello dal petto a circa tre quarti dell'addome. Le anche sono flesse il più possibile, ma senza perdere la posizione di forza della scheina. Le gambe sono parallele e con le ginocchia estese. L'esecuzione consiste nel sollevare le gambe estendendo le anche ed eventualmente iperestendendo la colonna vertebrale (opzionale). Il tutto avendo cura di non modificare l'angolo a livello delle ginocchia.

Quando esegui l'esercizio Iperestensioni inverse ricorda sempre di

Posizionarsi in modo da avere le anche libere di muoversi. Evitare di flettere le ginocchia durante l'esecuzione. Per aumentare la difficoltà è possibile utilizzare delle cavigliere zavorrate.

Muscoli coinvolti nell'esercizio "Iperestensioni inverse"

Gruppo 1:

Grande gluteo, Capo lungo del bicipite femorale, Semimembranoso, Semitendinoso, Capo ischiatico del grande adduttore.

Azione:Esensione anca

Gruppo 2:

Ileocostali, Lunghissimo del dorso, Spinali, Semispinali, Dentato posteriore inferiore, Infraspinali, Infratrasversari, Multifidi, Psoas, Quadrato dei lombi, Gran dorsale, Fasci inferiori del trapezio, Romboide, Splenio.

Azione:Estensione colonna (opzionale)


Funzione dei muscoli stabilizzatori: Stabilità della colonna, delle spalle, delle scapole, delle anche e delle ginocchia

Allenati a Casa con i nostri Workout


Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015