Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi

A Cura del Dr. Massimo Bonazzelli ThreeEquilibrium

Sinonimi

L'esercizio Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi è noto anche come Dumbell military press, Dumbell shoulder press.

Tipo di Esercizio

Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi è un esercizio Multiarticolare/accessorio


VARIANTI: Distensioni sopra la nuca con manubri da seduto, Distensioni dietro la nuca con manubri in piedi, Distensioni dietro la nuca con manubri da seduto.

Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi: Esecuzione

La posizione di partenza vede l'atleta in piedi in posizione eretta, ma con il busto e la testa leggermente inclinati all'indietro, con la schiena nella sua posizione di forza e le ginocchia leggermente flesse. La distanza tra i piedi (passo) è pari o leggermente superiore alla distanza tra le spalle. I gomiti sono flessi, i polsi dritti e le spalle non sono completamente abdotte sul piano trasversale, ma sono addotte sul piano longitudinale ed extraruotate in modo che gomito, polso e impugnatura del manubrio siano allineati su tutti e tre i piani. I manubri sono tenuti alla stessa altezza della parte alta dello sterno con una presa che può essere prona o neutra; quest'ultima è più corretta e particolarmente consigliata quando i manubri sono ingombranti, che quindi se tenuti con presa prona, costringerebbero l'atleta a tenere i gomiti meno flessi di quanto servirebbe per avere gli avambracci perpendicolari al terreno con conseguente inutile sforzo da parte dei flessori del gomito per reggere i manubri e riduzione del movimento di discesa. L'esecuzione consiste nello spingere i manubri verso l'alto sul piano verticale su cui giacevano prima di iniziare, cercando quindi di tracciare un segmento di linea retta e non una curva. Durante la spinta, le spalle si flettono sul piano sagittale e si abducono sul piano longitudinale, mentre i gomiti si estendono e le scapole iniziano a ruotare verso l'alto quando i gomiti si trovano all'altezza delle spalle o poco più in alto. L'esecuzione termina con la completa estensione dei gomiti e poco prima che le braccia arrivino a trovarsi perpendicolari al terreno. E' possibile eseguire questo esercizio anche in versione unilaterale con conseguente maggiore stimolazione degli stabilizzatori della colonna.. L'utilizzo di estensioni delle ginocchia e/o delle anche per aiutarsi a sollevare il bilanciere è considerato cheating, ma è consentito per mantenere l'equilibrio. L'esecuzione di questo esercizio richiede una discreta mobilità della spalla se non la si tiene completamente abdotta sul piano trasversale, mentre è necessaria una buona mobilità della spalla per tenerla completamente abdotta sul piano trasversale.

Quando esegui l'esercizio Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi ricorda sempre di

La schiena deve rimanere sempre nella sua posizione di forza. Le ginocchia in partenza non devono mai essere completamente estese. Non aiutarsi con gli arti inferiori se non per utilizzare la tecnica di cheating o per tenere l'equilibrio. La presa richiede obbligatoriamente anche l'utilizzo del pollice. Polsi dritti. In partenza, gomiti, polsi e bilanciere devono essere allineati su tutti e tre i piani. Da una visione laterale il movimento del manubrio deve tracciare un segmento di retta perfettamente verticale. Terminare la fase concentrica poco prima che le braccia si trovino ad essere perpendicolari al pavimento. L'utilizzo dei manubri consente una discesa più profonda rispetto al lento avanti con bilanciere. Con manubri ingombranti è necessaria una presa neutra (cioè palmo delle mani rivolto verso le spalle) per la massima discesa e il minor spreco di energie.

Muscoli coinvolti nell'esercizio "Distensioni sopra la nuca con manubri in piedi"

Gruppo 1:

Deltoide laterale, Deltoide anteriore, Fasci superiori del gran pettorale, Sovraspinato, Coracobrachiale, Bicipite brachiale.

Azione:Abduzione spalla

Gruppo 2:

Tricipite brachiale, Anconeo, Estensore comune delle dita, Estensore radiale del carpo, Estensore ulnare del carpo.

Azione:Estensione gomito

Gruppo 3:

Fasci inferiori del gran dentato toracico, Fasci inferiori del trapezio, Fasci intermedi del trapezio.

Azione:Rotazione superiore scapolare


Funzione dei muscoli stabilizzatori: Stabilità della spalla, della scapola, del gomito,della presa, del busto, dell’anca, del ginocchio, della caviglia e del piede

Allenati a Casa con i nostri Workout


Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza età