EDTA trisodico

Ambrosia Lab

INCI: Trisodium EDTA

Categoria ingrediente: Chelante - Sequestrante

Sinonimi: Ethylenediaminetetraacetic acid trisodium salt

Vedi anche: Database degli ingredienti cosmetici

EDTA trisodico: caratteristiche

Il Trisodium EDTA èun sale dell’acido etilendiammino tetracetico. Ha l’aspetto di una polvere cristallina di colore bianco, solubile in  acqua ed insolubile in alcool, acetone, etere, cloroformio e oli grassi.  La funzione principale del Trisodium EDTA consiste nel legare (chelare) i cationi metallici (calcio, magnesio, ferro), formando con essi un complesso anionico stabile: in pratica è in grado di inattivare i cationi metallici, impedendo che questi possano legarsi con altri ingredienti della formulazione cosmetica e possano danneggiare la stabilità e l’aspetto del prodotto stesso. Con questo meccanismo il Trisodium EDTA può, quindi, preservare il cosmetico da fenomeni di irrancidimento e degradazione di sostanze presenti negli oli e nei componenti dei profumi, impedendo l’inscurimento del prodotto e la formazione di odori sgradevoli, Inoltre, può potenziare l’azione antimicrobica di alcuni conservanti, soprattutto contro i batteri Gram negativi.

EDTA trisodico: Commento

Il Trisodium EDTA è usato in cosmesi a bassi dosaggi (0,05-0,1%) come agente chelante. Esso è diffuso in tutti i tipi di prodotti cosmetici, dai saponi da bagno agli shampoo ai balsami fino ai prodotti leave-on per il viso o per il corpo. Si scioglie facilmente nelle fasi acquose, è stabile a temperatura elevata e mantiene invariate le sue caratteristiche anche con il variare del pH.

Non sono stati rilevati effetti di irritabilità o sensibilizzazione cutanea, ma, dal punto di vista ambientale è risultato difficile da smaltire e la sua persistenza nei mari può determinare una diminuzione di flora e fauna marine.

Elenco dei cosmetici che contengono EDTA trisodico


Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015