Distearyldimonium Chloride

Ambrosia Lab

INCI: Distearyldimonium Chloride

Categoria ingrediente: Condizionante per capelli – Agente antistatico

Sinonimi: Distearyl Dimethyl Ammonium Chloride

Vedi anche: Database degli ingredienti cosmetici

Distearyldimonium Chloride: caratteristiche

Distearyldimonium Chloride è un sale di ammonio quaternario in cui l’azoto è sostituito con due gruppi metilici e due gruppi alifatici lineari e saturi a 18 atomi di carbonio. La combinazione di una testa polare carica positivamente con una coda alifatica apolare fa sì che la molecola si comporti come un emulsionante idrofilo cationico. Si presenta come una polvere bianca solubile in etanolo e disperdibile in acqua. Distearyldimonium Chloride è principalmente utilizzato per le sue proprietà antistatiche, che gli consentono di modificare le proprietà elettriche degli altri ingredienti della formulazione o della superficie di pelle e capelli, riducendone la tendenza a caricarsi elettrostaticamente. Questa caratteristica lo rende adatto sia ad essere impiegato nella fase di preparazione e manipolazione delle polveri, sia all’atto dell’applicazione su pelle e capelli, ove neutralizza parzialmente le cariche negative delle proteine conferendo alla pelle un aspetto liscio e setoso e contrastando l’accumulo di cariche elettrostatiche sui capelli.

Distearyldimonium Chloride: Commento

Distearyldimonium Chloride viene soprattutto impiegato nei prodotti per capelli, grazie alle sue proprietà condizionanti e all’effetto antistatico. Può essere utilizzato anche in creme e lozioni come emulsionante e per la capacità di conferire alla cute un aspetto liscio e idratato. Le concentrazioni di impiego suggerite variano tra il 2% e il 10%. Il prodotto è sicuro alle concentrazioni di utilizzo, anche se può provocare irritazioni in soggetti sensibili.

Elenco dei cosmetici che contengono Distearyldimonium Chloride


ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo