Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine

Ambrosia Lab

INCI: Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine

Categoria ingrediente: Filtro solare UVA-UVB

Sinonimi: Bemotrizinol

Vedi anche: Database degli ingredienti cosmetici

Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine: caratteristiche

Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine è un filtro chimico che appartiene alla famiglia delle idrossi fenil triazine. Si presenta come una polvere di colore giallo con odore caratteristico, solubile in oli cosmetici polari e insolubile in acqua. E’ un filtro ad ampio spettro, poiché fornisce protezione sia nei confronti delle radiazioni UVB sia di quelle UVA corte e lunghe. Presenta infatti due picchi massimi di assorbimento, uno a 310 nm (regione degli UVB) e l’altro a 340 nm (regione degli UVA). E’ una molecola fotostabile e non viene assorbita dalla cute. È un filtro noto con il nome commerciale Tinosorb S®. Di recente è stata introdotta sul mercato la dispersione acquosa della molecola ottenuta mediante una particolare tecnologia.

Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine: Commento

Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine è un efficace filtro solare ad ampio spettro  di nuova generazione, in grado di contribuire in modo significativo all’aumento dell’SPF nelle formulazioni in cui viene inserito. Viene ampiamente utilizzato in numerose formulazioni solari e in creme da giorno, generalmente in associazione ad altri filtri chimici o fisici. Viene inserito nella fase grassa di emulsioni e in oleoliti ove fonde a circa 80°C. Può essere impiegato, oltre che per le sue capacità filtranti, anche per stabilizzare l’Avobenzone. Alcuni studi hanno dimostrato che non possiede effetti estrogenici in colture cellulari e raramente causa allergie e irritazioni. Ha quindi un buon profilo tossicologico anche se, essendo un filtro di recente acquisizione, mancano studi sull’uomo a lungo termine. In Europa e in Australia può essere impiegato nei cosmetici ad una concentrazione massima del 10%. Non è approvato negli USA.

Elenco dei cosmetici che contengono Bis-Ethylhexyloxyphenol Methoxyphenyl Triazine


ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 24/12/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITĂ€

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo