Contenuto in colesterolo delle FRATTAGLIE

Alimento

Colesterolo [mg/100g]

   
Animelle di bovino cotte 466
Cervello di bovino cotto più di 2000
Cuore di bovino cotto 274
Cuore di pollo cotto 231
Cuore di tacchino cotto 238
Fegato di bovino cotto 385
Fegato di polo cotto 746
Fegato di suino cotto 290
Fegato di tacchino cotto 599
Lingua di bovino cotta 211

Colesterolo totale negli alimenti »

Frattaglie e colesterolo

Le frattaglie sono alimenti di origine animale e più precisamente costituiscono il così detto "quinto quarto".
Dal punto di vista nutrizionale le frattaglie sono alimenti veramente molto ricchi! Contengono vitamine, proteine, glicogeno, grassi e sali minerali in abbondanza. D'altro canto, le frattaglie apportano notevoli quantità di colesterolo, acidi grassi e basi puriniche (vedi iperuricemia e gotta), pertanto si rendono inadatte alla nutrizione dell'ipercolesterolemico e dell'iperuricemico/gottoso.
Le frattaglie NON sono tutte uguali e sono costituite dalle varie porzioni dell'animale NON muscolari; sono frattaglie: il cervello e la testa (orecchie, naso ecc), il timo, i polmoni, lo stomaco e l'intestino, il pancreas, il fegato, i testicoli, i reni, le zampe, la pelle, il diaframma, il midollo, il cuore, la milza, le ghiandole salivari ecc. Esistono frattaglie ad alto contenuto in colesterolo e grassi saturi (cervello, fegato ecc.); al contrario, altre pezzature risultano molto più leggere (diaframma, stomaco e intestino). La frequenza di consumo delle frattaglie varia in base all'alimento specifico, al livello della colesterolemia e alla tendenza all'iperuricemia.
NB. Per ridurre l'assorbimento di colesterolo delle frattaglie è consigliabile abbinarle a un pasto ricco di fibre, includendo frutta e verdura nelle giuste quantità.


Guarda le nostre video ricette vegane e impara a preparare Carne vegetale, buona come quella animale ma senza colesterolo