Cosa è il Movnat (Movimento Naturale)

Pubblicato da: Silvano Semisa, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Sport alle ore 16:46 del 14 Settembre 2016.


Il MovNat o Movimento Naturale è stato fondato nel 2008 da Erwan Le Corre e nasce dalla sua passione per la Methode Naturelle francese, ovvero il sistema usato da pompieri e militari per migliorare la propria efficacia in ogni situazione.  Il MovNat si ispira ad essa; infatti, il motto della disciplina è  "Be strong to be helpful".

MovNat si distingue da altre discipline poiché non mira unicamente allo sviluppo della forza, ma anche allo sviluppo dell'adattabilità, qualità che ci caratterizza come specie animale e che si manifesta attraverso diversi schemi motori. Correre, saltare, superare ostacoli, arrampicarsi, nuotare, sollevare, lanciare e trasportare oggetti, combattere, rotolarsi e carponare, sono tutte abilità che è facile perdere con l'avanzare dell'età e che il MovNat permette di riacquisire, attraverso un metodo estremamente graduale, ludico e improntato sulla propriocettività.

COME SI STRUTTURA

A mio avviso, il Movimento Naturale si costituisce di quattro grandi categorie di abilità che vengono poi combinate tra di loro:

A) I Flow: sono concatenazioni di posizioni e movimenti che sviluppano tre abilità fondamentali di un praticante di MovNat, ovvero stabilità, mobilità e rapidità. Si alternano posizioni di allungamento e posizioni di forza, i flow si possono considerare il punto di incontro tra yoga e calistenia.

B) Gli Spostamenti: essi inglobano tutte le tecniche più efficienti per muoversi nello spazio, e comprendono le quadrupedie, il camminare, i salti e volteggi, il nuotare e l'arrampicarsi.


C) I Sollevamenti: consistono in tutte le tecniche fondamentali per poter raccogliere un carico in modo fisiologico ed eventualmente poterlo lanciare o trasportare, in base all'applicazione concreta studiata. Dunque si studiano lo stacco, il clean & jerk, il push press ecc.. adattando tuttavia il grip ai diversi tipi di oggetto che possono essere presi.

D) Il Combattimento: in questo settore vengono studiate tecniche di boxing e di grappling, per imparare come comportarsi e sfuggire da eventuali aggressioni.


Le tecniche sviluppate sono dunque:

  1. Corsa
  2. Salti (broad jump, depth jump, swing jump..)
  3. Volteggi (superare ostacoli in modo efficiente: tripod vault, side vault..)
  4. Arrampicata (front swing traverse, power traverse, side swing traverse, hook traverse)
  5. Sollevamento pesi (dead lift, push press..)
  6. Lancio e trasporto di oggetti
  7. Spostamenti tattici (feet-hand crawl, inverted crawl, duck crawl, rolling..)
  8. Camminata in equilibrio
  9. Nuoto
  10. Combattimento

Una lezione di MovNat si articola principalmente in quattro fasi:

  1. Riscaldamento: E' la fase in cui si eseguono drill propriocettivi per esplorare il proprio corpo (imparando a sentire asimmetrie, contratture, zone lasse, gli spostamenti di peso, il modo in cui mettiamo i piedi al suolo…), proseguendo con esercizi di attivazione del sistema nervoso, attraverso il respiro e tecniche di massaggio energizzanti, arrivando ad eseguire dei flow di STABILITA' (il praticante deve acquisire una buona struttura di base, sviluppando il corretto equilibrio di forze tra muscoli agonisti ed antagonisti, poi flow di MOBILITA' (a questo punto il lavoro posturale viene portato nel movimento attraverso esercizi fluidi di coordinazione) essenziali per la prevenzione dei traumi e per incrementare il range di sviluppo della forza massimale; infine flow di RAPIDITA' (la parte conclusiva del riscaldamento, che consiste in un lavoro più aerobico utile per stimolare la circolazione e la respirazione,  e nella preparazione alla forza rapida, essenziale per esprimere potenza nei movimenti, per ammortizzare una caduta, per essere più reattivi)

  2. Skill: Nella seconda fase vengono studiate tecnicamente e poi sperimentate alcune delle numerose abilità acquisibili, grazie a progressioni graduali ed eventuali regressioni.
  3. Percorso\Gioco a squadre: Questa fase è fondamentale per mettere in pratica le abilità acquisite consentendone il corretto transfer nella quotidianità. Dunque viene simulato un percorso con diversi ostacoli, spesso combinato con un gioco a squadre e con il condizionamento muscolare globale a circuito.
  4. Defaticamento: Ultima fase, ma non meno importante, è la fase di distensione del sistema nervoso attraverso il respiro e il detensionamento grazie al massaggio ed allo stretching, il relax conseguito da un check percettivo di tutto il corpo.

COSA E' NECESSARIO PER PRATICARE MOVNAT

Considerando che la peculiarità del MovNat è lo sviluppo della capacità di adattamento e della forza necessaria per farlo, praticare questa disciplina richiede una superficie con ostacoli che emulino situazioni ritrovabili in natura. Un utile supporto possono essere ad esempio bastoni, palle mediche, kettlebell e tutto ciò che possa stimolare la creatività, per la pratica indoor, più tutto ciò che la natura stessa offre per la pratica outdoor.

CONCLUSIONI

Il MovNat è una disciplina adatta a tutte le età, può essere applicato come ginnastica posturale così come nell'ambito funzionale e nelle arti da combattimento. Le applicazioni sono innumerevoli, poiché ciò che lo distingue da altre discipline è il non specializzarsi, ma il crescere più gradualmente seguendo tutte le esigenze del nostro corpo.  Questo approccio permette di svilupparsi a 360° e senza deficit, nella forza, nella resistenza aerobica, nell'allungamento muscolare, ecc e dunque essere più efficienti in ogni campo. Mentre specializzarsi equivale a bruciare le tappe con il rischio di farsi male nel lungo termine, allenarsi con più stimoli consente di avere le basi per un miglioramento omogeneo e di qualità.

Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015