Lo Sport: Una via di Uscita

Pubblicato da: PROF.Roberto Eusebio, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Salute alle ore 19:30 del 14 Ottobre 2012.


Lo Sport: Una via di Uscita

Io ce l'ho fatta ...!! di Salvatore Spitaleri, Personal Trainer, atleta di Roberto Eusebio



Sempre più frequenti le persone che accusano forme più o meno evidenti di stress, alterazione dello stato dell'umore, senso di inadeguatezza, disagio sociale, tristezza, angoscia, incapacità di gestire responsabilità, insomma una forma più o meno evidente di uno stato depressivo.

Ciò è dovuto a questa "nuova" società, che costringe le persone alla perdita del vero valore della vita, e dedica esclusivamente al lavoro o all'impegno sociale tutte le attenzioni, creando un disequilibrio, con sempre meno spazio al nostro io.

Quando a casa con la propria famiglia, lo sfogo porta inevitabili tensioni anche ai propri cari, altera cosi un equilibrio e una serenità del nostro nucleo famigliare che potrebbe invece, essere il rifugio od il distacco dai problemi sociali.

Tutto questo porta inevitabilmente ad un cambiamento della persona dove si difende, isolandosi completamente, in solitudine, talvolta inventando scuse banali per sottrarsi a situazioni sociali, situazioni che potrebbero mettere in evidenza e a nudo le proprie problematiche e debolezze.

L'autostima si abbassa notevolmente pensando di non essere più in grado di sostenere alcun tipo di situazione.

L'individuo in questo stato si rinchiude in se stesso trascurando il fatto, (ma a volte anche consapevole), di peggiorare ulteriormente la propria condizione sia mentale che fisica.

Nei casi più gravi e trascurati, si ricorre all'uso di psicofarmaci, antidepressivi, e non voglio esprimere nessuna opinione in merito (non sono medico e non voglio in nessuna forma sostituirmi ad esso), però posso esprimermi e dire che in alcuni casi potrebbe non essere la via giusta.

Nessuno è immune allo stress o a questa vita sociale "malata", non è una cosa che dipende strettamente da noi, è una situazione che dipende dagli eventi che capitano quotidianamente, accumulati e spesso non affrontati.

A questo proposito voglio parlarvi di una persona che sotto suo consenso mi ha permesso di parlare del suo caso.

Daniele è un'uomo di 46 anni; quando decise di contattarmi, mi parlò della sua vita delle sue disgrazie, e di come la situazione gli era sfuggita dalle mani, portandolo ad uno stato depressivo importante, con conseguente ed inevitabile cura farmacologica.

Mi disse che voleva praticare dello sport perché il suo stato mentale si ripercuoteva anche sul suo stato fisico, abbassando ulteriormente la sua autostima e voglia di vivere.

In precedenza aveva provato a frequentare una palestra, ma senza ottenere risultati, non veniva in nessun modo seguito e preso in considerazione; un ulteriore fallimento che si attribuiva senza invece averne merito.

Decisi di dedicargli del tempo per allenarlo, sapevo che sarebbe stata dura per me, ma lo presi a cuore.

Prima di allenarlo, gli feci fare una consulenza con Roberto Eusebio (con cui collaboro), per avere un quadro più chiaro e preciso della sua situazione e individuare, determinare e prefissare i suoi obbiettivi, definiti da una visita specifica, con rilevazioni effettuate sul corpo, anamnesi varie, valutazione morfologica-funzionale, valutazione del corretto equilibrio tra mente e corpo, dato fondamentale per la buona riuscita e sviluppo del programma.

Come sostiene Roberto, è solo con un perfetto equilibrio che si ottengono i migliori risultati, per aiutare una persona, in questo stato, il miglior aiuto che le si possa dare, è quello di portare il soggetto a reagir da se; deve essere lui, con aiuto, ma con le sue forze ad uscire da questo stato: solo in questo caso la vittoria è garantita.

Quando cominciamo un programma alimentare, il suo beneficio lo otteniamo soprattutto se lo seguiamo, questo è il requisito fondamentale!

Il professionista deve accertarsi e dare valide motivazioni al soggetto, solo lui può cambiare lo stato delle cose, Roberto mi ricorda sempre che "il nostro peggior nemico" siamo noi stessi !!?

Daniele da vestito risultava apparentemente una persona magra, dopo l'analisi della composizione corporea risultò invece avere grosse percentuali di massa grassa, intorno al 25%.

La sua situazione fisica, se lasciata andare, sarebbe inevitabilmente peggiorata andando incontro a patologie anche gravi, di tipo cardiovascolare dovute alle alte percentuali di grasso corporeo, allarmismo consolidato da precedenti episodi che si erano verificati, oltre ad un'ereditarietà genetica.

Nell'analisi posturale si presentava con atteggiamento cifotico delle spalle e ulteriore ed evidente cifosi dorsale, e limitata flessibilità.

Dopo circa 4 mesi di allenamento con tabella isotonica associata ad attività aerobica e schema alimentare corretto, Daniele ha perso importanti percentuali di massa grassa, dal 25% della prima visita, al 12% rilevato nell'ultima, con un incremento della massa magra, e valori ormonali aumentati, quali testosterone endogeno (tanto da affermare che finalmente riesce ad avere nuovamente erezioni).

Migliorata anche la sua postura e la sua flessibilità, adesso riesce tranquillamente ad allacciarsi le scarpe...

Daniele risponde all'attività fisica in modo ottimale considerando che sono passati solamente 4 mesi.

Sicuramente la strada da percorrere non finisce qui, ma la cosa bella oltre al suo miglioramento estetico è che Daniele mi ha confessato di stare molto meglio a livello emotivo e sociale, (ovviamente lo avevo notato rispetto le prime volte che ci incontravamo): ora ha il senso dell'umorismo, ha molta più voglia di fare, di socializzare con le persone, cose che prima non faceva.

Quest'ennesimo esempio vuole farci capire che lo sport fa bene non solo a coloro che hanno voglia di migliorare il proprio aspetto fisico e le proprie prestazioni sportive; fa bene soprattutto a chi soffre di stress, stati emotivi delicati, abbassamento della propria autostima e voglia di vivere senza nessun più sogno o desiderio.

Con lo sport si può far riapprezzare il valore dell'esistenza, si può far cambiare i parametri dei valori, si può crescere dentro fino ad arrivare a trovare la nostra strada, la strada della coscienza, della saggezza, strada che si era persa in balia dei propri problemi, delle proprie angosce che ci lasciano spesso senza via d'uscita, se non troviamo il modo di reagire.

Non prendo meriti del successo di Daniele, ma voglio sottolineare che un Preparatore Atletico o Personal Trainer ... , per quanto possa essere bravo, se l'allievo non crede in quello che sta facendo, i risultati finiranno per essere vani.


Daniele ci crede.


Salvatore Spitaleri

Valutazione: Articolo di ottima qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Psicologia dello sportAutostima, sport e forma fisicaMotivato nello Sport... Motivato nella VitaMotivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione!Sport Coaching: di cosa stiamo parlando?Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevantiResilienza e SuccessoIntelletto ed Esercizio FisicoPerché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettiviBenefici dello sport sulla psicheBigoressia Body Building e psicologiaAbbandono dell'attività sportiva nell’adolescenzaAllenamento o non allenamento? Questo è il... senso di colpa!Applicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamentoArti marziali e psicologia del confrontoAspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sportConsigli psiconutrizionaliDrop-out sportivo nell'adolescenzaFeedback ed autostima nello sportFelicità e sportFlow e peak performanceFlow e peak performance: bibliografiaIl condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della menteImmagine corporea body imageIntervista a Lorenzo Manfredini, Psicologo, Psicoterapeuta e GiornalistaLe capacità relazionali nel fitnessProva costume e sindrome da bikini | Psicologia |Psicofisiologia dello sport e dell'allenamentoPsicologia dello sport e prestazione sportivaPsicologia dello sport: concetto di flowPsicologo dello sportRapporti tra Psicologo dello Sport ed AllenatoreRicerca di muscolarità e dismorfismo muscolareSincronia - Psicologia dello sportSindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventùSport Contro L'anoressiaStress e fitnessStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoTecnica di rilassamentoUscire dall'anoressia con lo sportCi vuole testa per un buon allenamentoOrtoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequentiPsicologia dello sport su Wikipedia italianoSport psychology su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015