La glicazione - effetto della glicemia

Pubblicato da: Giulio Iasonna, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Salute alle ore 11:57 del 24 Giugno 2015.


Che cosa è la glicazione

Definita anche “caramellizzazione delle proteine”, la glicazione è un meccanismo - fisiologico, entro certi limiti quantitativi - che comporta la realizzazione di un legame di natura non enzimatica tra il glucosio ematico ed altre molecole proteiche, come l'emoglobina, l'albumina e collagene; si tratta di un legame diverso dal legame chimico, stabile, di tipo enzimatico, che si trova nelle glicoproteine ed è necessario per il passaggio delle proteine nel circolo ematico.

Quando l'iperglicemia perdura a lungo, si ha un processo di caramellizzazione abbondante ed esteso a molte proteine diverse. Una delle proteine più coinvolte da questo processo di adesione delle molecole di glucosio è il collagene, la proteina più rappresentata nell'organismo, particolarmente abbondante nella cute

Cosa comporta la glicazione

La glicazione del collagene comporta la sua denaturazione, con perdita dell'elasticità e incapacità a produrre fibronectina; ciò comporta perdita del tono e dell'elasticità cutanea, formazione di rughe e invecchiamento cutaneo. Si assiste a un'evoluzione di senescenza.

L'intervento dei radicali liberi dello stress ossidativo, che spesso  accompagna le patologie metaboliche che inducono glicazione proteica, fa convergere su queste proteine, in parte già ossidate dagli zuccheri, l'azione ossidante dei radicali liberi, con aumento del livello di radicali liberi circolanti eaccentuazione di tutti i processi degenerativi che tale situazione comporta. Ciò è documentato dalla presenza dei cosiddetti “corpi di Angels” cioè di proteine che hanno subìto un processo complessivo di “glicossidazione”, che si comporta come un processo infiammatorio cronico a bassa intensità.

Quando accade la glicazione patologica

Tra le malattie che presentano senz'altro un elevato effetto del fenomeno della glicazione e della glicossidazione, che la segue, vi sono il diabete, soprattutto di tipo due, l'obesità, l'iperinsulinismo con insulinoresistenza, la sindrome policistica ovarica o PCOS, la Sindrome Metabolica, ecc..

Numerose pubblicazioni scientifiche hanno dimostrato che l'iperinsulinismo è sempre associato alla presenza di un sovrappeso o di obesità e con l'insorgenza di diabete mellito di tipo 2. 

Jeanrenaud, in un suo studio, afferma che in tutte le obesità esiste un iperinsulinismo direttamente proporzionale al BMI (Indice di Massa Corporea), perché l'insulina incide sull'attività di enzimi responsabili dell'accumulo dei grassi. Inoltre, se la glicemia dopo un pasto è molto elevata è presumibile che il glucosio sia in eccesso rispetto alle esigenze energetiche dell'organismo. Per questo motivo il tasso dell'insulina incrementa, nel tentativo di far penetrare comunque più glucosio nelle cellule adipose e trasformarlo ingrasso che sarà immagazzinato nelle cellule adipose.

Una volta che le proteine strutturali (il connettivo), quelle con caratteristiche funzionali (gli enzimi ecc.) e quelle che fanno parte del corredo genetico e riproduttivo (DNA e RNA) hanno subiìo un processo di glicazione per la presenza di zucchero in eccesso nel sangue e nei tessuti, avviene un'ulteriore evoluzione degenerativa, spontanea. Cioè queste molecole proteiche, aggregate a molecole di zucchero, subiscono un processo di ossidazione, sia da parte dello stesso gruppo carbossilico dello zucchero, ricco di molecole di ossigeno, che da parte di altri fattori endogeni con capacità ossidanti: i perossidi, le specie reattive dell'ossigeno, gli isoprostani, i radicali liberi fosfolipidici, ecc. Questi provengono da un metabolismo generale alterato, in cui prevale la produzione di fattori ossidativi e la liberazione di molecole libere di ossigeno altamente reattive.

Si formano i cosiddetti corpi di AGE (prodotti di ossidazione avanzata), altamente tossici su altri tessuti, soprattutto sul collagene.

L'ossidazione è un fenomeno naturale, parte integrante del metabolismo, quindi è un processo fisiologico, e rimane tale, finché contenuto nei limiti bassi ed è reversibile. Ma quando la produzione di molecole ossidate, i radicali liberi, è eccessiva ed ha il sopravvento, coinvolgendo a valanga i tessuti di organi e strutture diverse, i meccanismi di recupero a disposizione dell'organismo non sono più adeguati alle nuove esigenze, ed il processo ossidativo diventa irreversibile ed evolutivo.

Questa situazione comporta l'avanzamento del processo di senescenza dei tessuti, il deterioramento delle funzioni fisiologiche ormonali e metaboliche, e l'evoluzione peggiorativa della malattia di base su cui, e per cui, questi prodotti ossidativi tossici si sono attivati.

Il danno si diffonde perché i processi riduttivi endocellulari in difesa verso l'ossidazione, si esauriscono ed il danno si diffonde alle proteine geniche del DNA, mettendo in pericolo la capacità riproduttiva della cellula ed il rinnovo dei tessuti. È  l'invecchiamento di organi e di funzioni. 

La ricerca diagnostica

Per avere un'idea del tasso di glicazione in generale, oltre alla determinazione dell'emoglobina glicosilata e della fruttosamina, che esprimo appunto il tasso di coniugazione tra molecole di glucosio e le proteine plasmatiche, torna utile anche un monitoraggio con una valutazione analitica globale di alcuni parametri ematologici, come il Cellular Aging Factor (C.A.F.) o altri sistemi analitici. Questo, in particolare, è un insieme di esami analitici effettuati sul sangue, che esplora tutti e quattro i processi metabolici più importanti dell'organismo: glicazione, metilazione, ossidazione e infiammazione, tutti strettamente interconnessi tra loro e ci permette di valutare quale è il livello di alterazione proteica indotta dai meccanismi di ossidazione in atto.

La prima cura è da sempre l'alimentazione e la prevenzione, oltre che l'assunzione di sostanze antiossidanti sia naturali sia sottoforma di integratori. Ne parleremo in seguito. 

Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoiaGnocchi SpatzleGnocchi e PatateGnocco FrittoTipi di GnocchiGnocchi e StoriaMal di testa nella terza etàMal di testa e sbalzi climaticiSindrome da vomito ciclicoEmicrania addominaleOdori e rumori: causano mal di testa?Mal di testa da aereo: come si manifestaMal di testa da aereo: causeIl computer causa mal di testa?Mal di testa da gelato: come evitarlo