Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevanti

Pubblicato da: Mario Di Nunzio, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Salute alle ore 13:37 del 19 Agosto 2013.


Questo articolo parla dell'importanza dell'AUTO EFFICACIA. Descrive come raggiungere e mantenere prestazioni rilevanti, in campo motorio, atletico e sportivo. E' un escursus sul modo di lavorare del cervello e delle strutture neurologiche coinvolte. Svela gli errori da evitare che allenatori e preparatori fanno e che poi fanno perdere le partite importanti.

L'auto efficacia è il positivo sentimento di buon funzionamento, di fiducia in noi stessi, di autostima affermativa e sicurezza sulle nostre capacità di conquista e affermazione nel mondo.

Se provo le mie capacità e vedo che riesco, man mano conquisto un senso di auto apprezzamento.

 

Il senso di auto efficacia raggiunto mi convince che posso avere autostima e fiducia in me stesso.

 

In questo studio  esaminiamo il ruolo dell'auto efficacia nelle acquisizioni delle abilità motorie, quindi come si possono sviluppare e perfezionare  fino a diventare dei campioni.

  • Come si diventa campione nello sport?
  • Come si acquista fluidità di movimenti in tutte quelle discipline che richiedono movimento dei muscoli e del corpo?
  • Perché alcuni hanno grazia e disinvoltura nella danza,nel pattinaggio acrobatico,in atletica o nella ginnastica artistica ed altri sono goffi e insicuri?
  • Perché un giocatore professionista sbaglia a realizzare rigori negli incontri importanti della nazionale di calcio?

La risposta a queste  domande è Il nostro sentimento di AUTO EFFICACIA.

Noi ci sentiamo efficaci se abbiamo fiducia della nostra efficienza e se non interviene qualcosa, come la paura di sbagliare, che ci fa dubitare delle nostre capacità.

L'auto efficacia funziona benissimo se non viene disturbata dall'attenzione, dal controllo volontario, dalla paura di sbagliare e dall'insicurezza.

Facciamo un esempio:prendiamo il movimento di un millepiedi.

Questo animaletto, dotato di tanti arti, non ha problemi a muoversi  con sincronismo, automaticamente e a camminare senza intralciare con i suoi innumerevoli piedi.

Si è creato un automatismo che sincronizza tutta la locomozione.  Il suo movimento e il sincronismo funziona benissimo, però, fin quando rimane inconscio e automatico.

I problemi iniziano se, per qualche motivo, viene richiamata l'attenzione e il controllo cosciente del movimento. A quel punto il millepiedi non cammina più. I movimenti cominciano ad essere goffi, impacciati e desincronizzati.

Com'è possibile questo?

Succede che l'impedimento viene causato dal processo di attenzione.  Il controllo volontario non ce la fa a controllare e a muovere tanti muscoli.

In termini informatici, possiamo dire che il computer cerebrale dell'attenzione non è in grado di fare tante cose contemporaneamente, ma può svolgere solo poche azioni alla volta.

Noi possiamo rivolgere l'attenzione ad una sola cosa, una sola elaborazione per volta. Possiamo spostare facilmente l'attenzione e fare parecchie cose in modo seriale, ma in contemporanea è possibile fare una cosa per volta.

Quando impariamo un movimento nuovo, come ad esempio imparare a camminare da bambino, oppure quando impariamo nuovi passi di danza, o un'atleta che prepara e apprende nuovi movimenti della ginnastica artistica, quando il calciatore  professionista lavora ore ed ore a tirare un calcio di punizione o un rigore, quando nel pattinaggio l'atleta apprende eleganti movimenti, ed altre abilità ancora, inizialmente l'attenzione cosciente  aiuta, con l'allenamento, a trasformare una goffaggine in un movimento sciolto e disinvolto.

Man mano che l'esercizio procede i movimenti si affinano, le prestazioni diventano  automatiche e svolte facilmente senza pensare.

Questi automatismi sono possibili perché l'attenzione, con le sue limitate capacità, viene ritirata, perché le elaborazioni a livello cerebrale  e l'intero movimento non vengono più svolti dalla corteccia cerebrale, sede dell'attenzione, ma elaborati, memorizzati e salvati dal CERVELLETTO.

Il cervelletto è una struttura cerebrale di forma lamellare, collocata come una farfalla sotto il cervello, dietro al collo.

Ha una funzione multi tasking, cioè può svolgere innumerevoli funzioni contemporanee di elaborazione, esecuzione e controllo dei movimenti.

Questo agisce completamente in maniera automatica, al di fuori del controllo cosciente dell'attenzione.

Il cervello in qualsiasi momento può riprendere il controllo e scavalcare il cervelletto, però si diventa impacciati, goffi e insicuri.

Ricordiamo che l'attenzione può fare  minime  operazioni contemporanee  per volta, il cervelletto, invece, ha un'elevata capacità multitasking e può fare tante elaborazioni in contemporanea.

Il cervelletto è come se avesse tanti computer, ognuno dei quali elabora, regola, controlla, invia informazioni  e sta attento al feed back che riceve dal sistema muscolare del corpo umano.

Pensiamo a quanti muscoli sono da muovere  con precisione, controllare  esattamente e in coordinazione! Ma tutto avviene elegantemente, anzi, migliorando continuamente la  performance ogni volta che il soggetto si rende conto della sua auto efficacia (SELF EFFICACY).

Questa qualità però può avere un tracollo se la persona comincia a provare dei dubbi sulle proprie capacità di performance. A quel punto la paura e la voglia di far bene costringono l'attenzione a riprendere il controllo.

Se si cominciano ad avere delle defaillance, delle cattive prestazioni o si cerca a tutti i costi che le cose devono andare bene,  è a quel punto che le cose cominceranno ad andare male.

L'atleta che in una gara importante vuole ben figurare, ha paura di sbagliare e ‘ce la mette tutta'; proprio per questo rischia di far  fallire la prestazione.

Un uomo  che in un incontro intimo con una donna a cui tiene molto, teme  di non fare bella figura e  vuole a tutti i costi riuscire nella sua virilità, rischia seriamente di fare una pessima figura.

La potenza virile è fuori dal controllo diretto della volontà.

Se la sua mente è preoccupata e l'attenzione è vigile, questa, nella sua pretesa del controllo, non ha la tranquillità e la fiducia per lasciare che l'automatismo  dell'eccitazione vada a richiamare il sangue che fa inturgidire gli organi sessuali.

Il giocatore della nazionale di calcio che, in finale o in una importante partita, sta per battere un calcio di rigore,se diventa cosciente di tanti occhi che lo guardano e che 'non può sbagliare', delle conseguenze negative che ne deriveranno per la sua squadra, per se stesso e per la sua carriera, lascia che il dubbio e l'insicurezza prendano il sopravvento.

A questo punto aumenterà il suo grado di attenzione per ‘mettercela tutta'. Con la paura scalza gli automatismi,  trasferisce il controllo all'attenzione, che come abbiamo visto ha scarsa capacità nell'elaborazione dei movimenti. In questo modo si  assicura per sé  il fallimento e fa perdere la partita alla sua squadra.

In conclusione di questo primo elaborato sull'auto efficacia possiamo aggiungere che, ai fini di una grande prestazione, i calciatori della nazionale chiamati a calciare  rigori sotto gli occhi del mondo, devono fare in modo di isolarsi, di non preoccuparsi e di escludere l'emotività. Rendersi conto di quello che sta avvenendo, causerà un ‘mettercela tutta', che per quanto sopra spiegato causerà l'esclusione degli automatismi, quindi la perdita della partita.

Valutazione: Articolo di ottima qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Psicologia dello sportAutostima, sport e forma fisicaMotivato nello Sport... Motivato nella VitaMotivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione!Sport Coaching: di cosa stiamo parlando?Resilienza e SuccessoIntelletto ed Esercizio FisicoPerché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettiviBenefici dello sport sulla psicheBigoressia Body Building e psicologiaAbbandono dell'attività sportiva nell’adolescenzaAllenamento o non allenamento? Questo è il... senso di colpa!Applicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamentoArti marziali e psicologia del confrontoAspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sportConsigli psiconutrizionaliDrop-out sportivo nell'adolescenzaFeedback ed autostima nello sportFelicità e sportFlow e peak performanceFlow e peak performance: bibliografiaIl condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della menteImmagine corporea body imageIntervista a Lorenzo Manfredini, Psicologo, Psicoterapeuta e GiornalistaLe capacità relazionali nel fitnessProva costume e sindrome da bikini | Psicologia |Psicofisiologia dello sport e dell'allenamentoPsicologia dello sport e prestazione sportivaPsicologia dello sport: concetto di flowPsicologo dello sportRapporti tra Psicologo dello Sport ed AllenatoreRicerca di muscolarità e dismorfismo muscolareSincronia - Psicologia dello sportSindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventùSport Contro L'anoressiaStress e fitnessStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoTecnica di rilassamentoUscire dall'anoressia con lo sportCi vuole testa per un buon allenamentoLo Sport: Una via di UscitaOrtoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequentiPsicologia dello sport su Wikipedia italianoSport psychology su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015