Perdere grasso vuol dire?

Pubblicato da: DR.Marco Russo

nella sezione Fitness BodyBuilding alle ore 12:10 del 11 Dicembre 2012.


Qual è il vero concetto di dimagrimento? E come si attua in realtà? Come si può senza fatica riuscire a portare il fisico a bruciare calorie?

Oggi parliamo di questo...sempre con semplicità e sempre con spirito da discenti.
Il dimagrimento non è così incomprensibile da necessitare la creazione di diete complesse o programmi di allenamento complicati per assicurarci che il corpo consumi grassi a scopo energetico. Si ottiene semplicemente mangiando meno e meglio. Quindi i due pilastri fondamentali per il dimagrimento sono "quantità" e "qualità" del cibo ingerito.

Quantità

Questo ci dirà se scenderemo di peso, se lo manterremo o se lo aumenteremo. Ci si riferisce infatti all'introduzione totale di energia ovvero alle leggi della termodinamica applicate al dimagrimento. Queste sono equazioni energetiche, ecco perché vengono applicate in questo contesto.

Qualità

Questo fattore ci indicherà da dove proverrà il peso che andremo a perdere. Mangiare correttamente faciliterà la smobilitazione e il consumo di grassi.

Entrambi questi fattori sono essenziali per perdere grasso. Con questi infatti si arriva poi a stilare un piano alimentare corretto per l'obiettivo che ci siamo prefissati.

L'esercizio aiuta a perdere grasso?

Sì, ciò che accelera la perdita di grasso è l'allenamento ad alta intensità, ma non come credo tu lo intenda solitamente.
Non esiste nulla che tonifica i muscoli o che cambia la loro forma. Nessun protocollo di allenamento ad alte ripetizioni che ti farà dimagrire. Nulla che ti faccia consumare calorie extra per incrementare il dimagrimento. Non esiste nemmeno l'allenamento per dimagrire in una determinata zona del corpo (un mito che non cesserà mai di esistere). Non puoi allenare una zona corporea e ridurre la percentuale di grasso solo li. Ad esempio eseguire il crunch per addominali non ti farà dimagrire solo in quella zona quindi smettila di pensare che possa accadere!

Quando mangi correttamente e combini ciò con l'allenamento H.I.T. allora sarai in grado di attivare enzimi e ormoni che aiutano a smobilizzare grassi a scopo energetico.

I tre passaggi per consumare grassi sono:

- Smobilitazione
- Trasporto
- Ossidazione

Una volta che i grassi vengono rimossi dagli adipociti entrano nel flusso sanguigno legandosi ad una proteina di trasporto. Una parte degli acidi grassi liberi verranno reintrodotti nell'adipocita ma non preoccuparti di tutto ciò. Una volta legati alla proteina di trasporto vengono inviati al fegato o ai muscoli per essere ossidati a scopo energetico. Non voglio entrare nel dettaglio ma solo fornire una panoramica di base. La dieta comunque è il fattore principale in tutto ciò. L'esercizio ad alta intensità accelererà la perdita di tessuto adiposo. Concetti base da cui partire per riuscire a contraddirli con la pratica...questo è il dubbio metodico.
Sempre con un sorriso vi abbraccio e vi porgo un caffè senza zucchero.

Bibliografia

Irving, B.,Davis, C., Brock, D., Weltman, A., (2008)
Effect of exercise training intensity on abdominal visceral fat and body composition
Medical Science Sports Exercise 40(11): 1863?1872

Yoshioka M., Doucet E., St-Pierre S., Almeras N., Richard D., Labrie A., Despres JP., Bouchard C., Tremblay A., (2001)
Impact of high-intensity exercise on energy expenditure, lipid oxidation and body fatness
Journal of the International Association for the Study of Obesity, 25(3):332-9

Jensen,MD, (2003)
Cytokine regulation of lipolysis in humans
The Journal of Clinical Endocrinol & Metabolism, vol 88., no. 7 3003 ? 3004

Valutazione: Articolo di discreta qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015

APPROFONDIMENTI E CURIOSITÀ

Dermatite polimorfa solare: che cos’è?Bambini: precauzioni al soleLentiggini ed efelidi: quali differenze?Lampade abbronzanti e tumori cutaneiMelanoma NON cutaneoOrticaria solare: che cos’è?Scottature solari: qualche consiglioOrticaria acuta: cosa fare quando si manifestaOrticaria: perché si chiama così?Orticaria: può essere provocata dall’attività fisica?Orticaria da freddo: caratteristicheOrticaria acquagenica: che cos’è?Tomografia a coerenza ottica“Voglie” in gravidanza: quali sono le cause?Quali sono le zone più dolorose da tatuare?Rimozione di un tatuaggio: fattori da considerareTatuaggi: come si rimuovono?Brachiterapia: domande frequentiStoria della brachiterapiaCorpi estranei nell’occhio: cosa fareTatuaggi all’henné e reazione allergicaLe curiose origini dell’iridologiaIridologia: che cos’è?Il caldo fa diventare aggressivi?Tatuaggi e salute della pelleQuando nasce l’usanza dei tatuaggi?La storia dello shampooCapelli fragili: qualche consiglioCosa indebolisce i capelli?Mal di testa e rapporti sessualiDiario del mal di testa: come va compilatoCefalea a grappolo: le persone più colpiteMal di testa e digiunoMal di testa e consumo di alcoliciMallo di Noce e InchiostroNoci: Altri UsiNoci: Produzione e StoccaggioTipi di NoceCelebrità con il morbo di ParkinsonDemenza a corpi di Lewy: alcune notizie storicheDemenza frontotemporale: alcune notizie storicheParkinson e atrofia multi sistemica: come distinguerli?Sinucleinopatie: che cosa sono?Atrofia multi sistemica: classificazioneSegno di BlumbergNoci in salamoia