Ci vuole testa per un buon allenamento

Pubblicato da: PROF.Roberto Eusebio, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Fitness BodyBuilding alle ore 17:55 del 21 Ottobre 2012.


Ci vuole testa per un buon allenamento

La prima contrazione al muscolo, la più importante arriva dal cervello


Ho spesso descritto come l'attività fisica possa insegnare ad ascoltare e tradurre gli stimoli che dal cervello portano al corpo e, viceversa, dal corpo al cervello.

Ascoltare, sentire, percepire ciò che stiamo facendo in modo da tradurne il significato.

In quest'occasione voglio sottolineare, l'importanza dell'isolamento di ogni singolo distretto muscolare, per ottenere il massimo beneficio di congestionamento.

Come sempre insegno che il primo stimolo, il più importante che arriva al muscolo, è quello trasmesso dal cervello.

Non dobbiamo sollevare pesi, ma congestionare i muscoli, l'approccio è completamente diverso, ed è proprio questo che fa la differenza tra un atleta e l'altro.

La mente è il motore principale ed indispensabile per la buona riuscita del workout.

L'allenamento lo considero una sorta di meditazione; se non siamo concentrati, cause esterne che ci obbligano a preoccupazioni che distolgono tale concentrazione, sarebbe meglio rimandare la seduta di allenamento;

Tuttavia allenarsi, "come sfogo", poiché arrabbiati, stressati o quant'altro non è sbagliato;

il beneficio dell'allenamento in questo caso, lo si ha in prevalenza per la nostra mente, questo porta comunque ad una stabilità, serenità emotiva, che caratterizzerà i prossimi allenamenti come descritto.

Faccio un esempio:

Proviamo senza carico, a contrarre un bicipite, con molta energia ripetute volte, strizziamolo il più possibile fino quasi a farlo scoppiare.

I giorni dopo avremo un effetto DOMS molto evidente, a volte più evidente che in seguito ad una seduta di allenamento !!

Questo fa capire come mai, dopo una gara, l'atleta accusa forti DOMS.

Per esibire i muscoli li contrae tutti con una congestione incredibile enfatizzata dall'adrenalina prodotta, durante la competizione.

Tutti i movimenti muscolari del corpo sono originati da impulsi elettrici generati dal cervello.

I muscoli, stimolati da questi impulsi, reagiscono contraendosi;

tutta la possibilità di movimento dell'uomo è correlata con la capacità fine che hanno i muscoli di reagire agli stimoli provenienti dal cervello.

Certo che di questa energia "elettrica" ne abbiamo a disposizione un certo quantitativo.

Allora ecco l'importanza di non dissipare tale energia, con sinergie muscolari incredibili, quando dobbiamo invece allenare un certo distretto muscolare.

Il carico in questo caso assume il ruolo di coordinatore;

se eccessivo il corpo è costretto ad utilizzare più muscoli per poterlo sollevare, quindi l'elettricità a disposizione verrà dissipata su più muscoli, con una congestione inferiore sul muscolo di nostro interesse malgrado il carico sia superiore.

Certi culturisti, come ultimo esercizio, ad esaurimento del distretto muscolare, adottano la tecnica di un lavoro monolaterale.

Pensate dopo un allenamento estenuante delle gambe di dover fare le ultime 2/3 serie ad esaurimento di leg extension;

Se fate una gamba alla volta invece che tutti e due insieme vi accorgerete quanto contrarrete maggiormente ed esaurirete in modo più efficace il vostro quadricipite.

In conclusione è giusto considerare l'energia in termini di glicogeno muscolare, non tralasciamo però l'energia trasmessa dal cervello, indispensabile per la riuscita di un buon workout, fermo restando che anche questa energia ha bisogno di recupero, "RECUPERO NEURALE", di cui ho parlato in precedenza.


Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Psicologia dello sportAutostima, sport e forma fisicaMotivato nello Sport... Motivato nella VitaMotivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione!Sport Coaching: di cosa stiamo parlando?Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevantiResilienza e SuccessoIntelletto ed Esercizio FisicoPerché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettiviBenefici dello sport sulla psicheBigoressia Body Building e psicologiaAbbandono dell'attività sportiva nell’adolescenzaAllenamento o non allenamento? Questo è il... senso di colpa!Applicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamentoArti marziali e psicologia del confrontoAspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sportConsigli psiconutrizionaliDrop-out sportivo nell'adolescenzaFeedback ed autostima nello sportFelicità e sportFlow e peak performanceFlow e peak performance: bibliografiaIl condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della menteImmagine corporea body imageIntervista a Lorenzo Manfredini, Psicologo, Psicoterapeuta e GiornalistaLe capacità relazionali nel fitnessProva costume e sindrome da bikini | Psicologia |Psicofisiologia dello sport e dell'allenamentoPsicologia dello sport e prestazione sportivaPsicologia dello sport: concetto di flowPsicologo dello sportRapporti tra Psicologo dello Sport ed AllenatoreRicerca di muscolarità e dismorfismo muscolareSincronia - Psicologia dello sportSindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventùSport Contro L'anoressiaStress e fitnessStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoTecnica di rilassamentoUscire dall'anoressia con lo sportLo Sport: Una via di UscitaOrtoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequentiPsicologia dello sport su Wikipedia italianoSport psychology su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015