Allenamento o non allenamento? Questo e' il...senso di colpa!

Pubblicato da: Elisa Forlin, visita il suo Blog. Pubblicato

nella sezione Fitness BodyBuilding alle ore 16:26 del 05 Marzo 2015.


Allenamento o non allenamento? Questo e' il...senso di colpa!

“Non avevo voglia di allenarmi oggi, ma se non lo faccio mi sento in colpa!“

Perché un'attività salutare come lo sport può far emergere in qualcuno di noi una sensazione di disagio se per una volta decidiamo di saltare l'allenamento? 

Perché capita di sentirsi spinti ad allenarsi più da un senso del dovere che da un senso di piacere?    

Se chiedessimo a chi pratica un' attività sportiva per quale motivo lo fa, molto probabilmente risponderebbe “per stare bene”. D' altronde anche per senso comune si sa che lo sport fa bene, che lo sport è salute.

Ma è davvero sempre così? E cosa significa “stare bene”? 

Ognuno di noi attribuisce alla parola “ stare bene” significati diversi che variano in base alle priorità che ci poniamo e che ci guidano nella vita. Il sistema di valori e di significati personali che spinge la "signora Pina" a muoversi (protagonista indiscussa della formazione in fitness!), può essere attribuibile alla presa di coscienza a cui l'ha portata il medico mettendola difronte all'inevitabilità della vecchiaia e ad una prevenzione possibile attraverso lo sport, così come all'effetto che hanno avuto su di lei le narrazioni della sua vicina di casa quando gli racconta quanto ci si sente “rinvigorite”  dopo un'ora di ginnastica, durante la  quale ha incontrato anche Maria, la loro amica in comune! Per il ragazzo ventenne, invece, che si allena con i pesi cinque volte la settimana suddividendo gli allenamenti per gruppi muscolari, rispettando i tempi di lavoro e di recupero in maniera rigorosa, ponendo particolare attenzione alle progressioni di carico in allenamento e di massa sulla bilancia, assumendo anche tutta una serie di ritualità alimentari, il sistema di significati, regole, valori e priorità che egli fa proprio è completamente diverso da quello della signora Pina. 

Ho fatto due esempi così diversi, per sottolineare come ognuno di noi sia motivato a "fare" secondo obiettivi e con finalità diverse che, imprescindibilmente legate alla propria storia, rimandano all'immagine di sè che vogliamo mantenere o configurare. La propria autopercezione nel "qui ed ora" e la percezione di uno scarto rispetto all'immagine di sè desiderata, può far emergere una tendenza ad esprimere giudizi ed opinioni estremamente critiche verso sè stessi, fino al punto da assumere la forma di un pensiero svalutante rimuginante, altrimenti detto “senso di colpa”. Atteggiamento mentale che attinge alle risorse psichiche e fisiche della persona, che risuona, inconsapevolmente, anche a livello endocrino ed ormonale, come la PNEI ci insegna. 

Nel dizionario italiano il senso di colpa è definito come “un profondo e insopprimibile disagio, provocato dal rimorso per vere o presunte infrazioni alla legge morale o religiosa”. In questo caso la legge morale a cui sottostare (quale principio regolatore in base al quale discerniamo il bene dal male), la stipuliamo noi: il dover essere in un determinato modo per stare bene (se volessimo addentrarci nella discussione potremmo considerare per chi realmente la signora Pina o il giovane adone vogliono stare bene!). Per sentire di stare “quel” bene dovremmo perseguire delle azioni da noi accolte come possibili ed auspicabili; se, nella scelta di non seguire questa strada ed agire diversamente, il giudizio critico verso noi stessi è alto, sviluppiamo un' insieme di pensieri svalutanti la nostra persona, del tipo “sei un fannullone!”, “sei un pigro!”, “guarda come sei combinato!”, “vergognati!” . A questo punto il paradosso appare in tutta la sua forma: per stare bene comincio a stare male. Lo sport che doveva servire per farmi sentire bene, diventa un dovere a cui assolvere indipendentemente dai miei desideri, in nome di un patto stabilito con me stesso, come metro di misura del mio benessere e successivamente trasformatosi in un metro attraverso cui valutarmi. Un'attività  che inizialmente abbiamo scelto deliberatamente, diventa qualcosa da cui non si può e non si deve prescindere, a costo di noia, fatica, stanchezza, senso di colpa e frustrazioni; così la scelta di astenersi da un' allenamento, che dovrebbe servire da recupero, diventa una fonte di stress. Fortunatamente, per chi ha una certa determinazione, arriva anche qualche soddisfazione dopo tutta questa fatica, ma è davvero questo il fine per cui abbiamo scelto di praticare l'attività sportiva? Non stiamo forse separando artificialmente ciò che fa bene al corpo da ciò che fa bene a me come persona? Se come abbiamo visto il promulgatore della  legge sono io, sono io che decido se e quando questa viene infranta, cioè sono io, e solo io, ad incarnare il ruolo di giudice, imputato e difensore di me stesso!

Se è vero il detto: "fatta la legge, scoperto l'inganno", la prossima volta che avvertiamo un senso di colpa, anziché indossare la toga del giudice, alleiamoci alla difesa per individuare l'autoinganno dal quale scagionarci!

Valutazione: Articolo di buona qualità
Home Blog
Vuoi commentare l'articolo ?
Fallo nel forum 



ARTICOLI CORRELATI

Psicologia dello sportAutostima, sport e forma fisicaMotivato nello Sport... Motivato nella VitaMotivazione dieta e palestra, ritrova e sostieni la tua motivazione!Sport Coaching: di cosa stiamo parlando?Come vincere la paura di sbagliare e avere prestazioni rilevantiResilienza e SuccessoIntelletto ed Esercizio FisicoPerché fallisco sempre? Importanza della mente e dei suoi obiettiviBenefici dello sport sulla psicheBigoressia Body Building e psicologiaAbbandono dell'attività sportiva nell’adolescenzaApplicazione del biofeedback nella psicofisiologia dello sport e nell'allenamentoArti marziali e psicologia del confrontoAspetti sociologici, psicologici e pedagogici dello sportConsigli psiconutrizionaliDrop-out sportivo nell'adolescenzaFeedback ed autostima nello sportFelicità e sportFlow e peak performanceFlow e peak performance: bibliografiaIl condizionamento fisico nello sport attraverso il controllo della menteImmagine corporea body imageIntervista a Lorenzo Manfredini, Psicologo, Psicoterapeuta e GiornalistaLe capacità relazionali nel fitnessProva costume e sindrome da bikini | Psicologia |Psicofisiologia dello sport e dell'allenamentoPsicologia dello sport e prestazione sportivaPsicologia dello sport: concetto di flowPsicologo dello sportRapporti tra Psicologo dello Sport ed AllenatoreRicerca di muscolarità e dismorfismo muscolareSincronia - Psicologia dello sportSindrome di "Highlander": la malattia degli over 40 nostalgici di gioventùSport Contro L'anoressiaStress e fitnessStress ed attività fisicaStress ed esercizio fisicoTecnica di rilassamentoUscire dall'anoressia con lo sportCi vuole testa per un buon allenamentoLo Sport: Una via di UscitaOrtoressia e Bigoressia: disturbi alimentari sempre piu' frequentiPsicologia dello sport su Wikipedia italianoSport psychology su Wikipedia ingleseCome motivarsi per dimagrireMotivazione su Wikipedia italianoMotivation su Wikipedia inglese
Ultima modifica dell'articolo: 17/04/2015